Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un’amicizia che supera vittorie e sconfitte sul campo

I gemelli Roberto Mancini (56) e Gianluca Vialli (56) sono tornati a Wembley per la vittoria. Un’amicizia calda e duratura è alla base del più grande risveglio del Campionato Europeo di Calcio.

L’umore era alle stelle quando hanno alzato i calici alla fine di maggio di quest’anno e hanno dichiarato un brindisi a se stessi.

Campione Sampdoria dal 1991 ha segnato 30 anni dal primo e unico oro in campionato del club. Il gruppo di amici ha mangiato dove tre decenni fa erano soliti godersi due volte a settimana: il ristorante La Piedigrotta sulle piste nella città costiera di Genova.

Roberto Mancini sedeva completamente immobile nel sole della sera. Ha guardato il mare e ha iniziato a pensare a Wembley nel 1992. La finale di Champions League contro il grande Barcellona Johan Cruyff. Circa l’amara perdita di ruoli aggiuntivi.

– Wembley, sussurrò Mancini.

Poi Gianluca Vialli si è rivolto alla sua amica e amica intima da più di 40 anni:

O perdi o impari. giusto? Non perdi mai. Pensa ai bei tempi.

Scopri il caldo abbraccio tra Roberto Mancini e Gianluca Vialli dopo la vittoria dell’Italia sull’Austria a Wembley una settimana e mezzo fa. Foto: Laurence Griffiths, Reuters

L’abbraccio più caloroso del torneo

Molti di noi hanno pensato che fosse bello vedere il capitano dell’Italia Vialli scendere i gradini di Wembley per dare al manager della nazionale Mancini uno degli abbracci più calorosi del torneo.

Puoi anche vedere dall’espressione facciale di Mancini quanto significhi per lui.

Non solo l’Italia ha battuto l’Austria negli ottavi di finale dei Campionati Europei a Wembley, ma è stato un altro passo avanti verso la finale nello stesso Wembley.

Ma il fatto che avessero vinto insieme era così speciale per entrambi.

READ  Puoi ottenere macchine incredibilmente economiche, ma non sono per idioti e hobbisti

Dietro quel momento ci sono più di 40 anni di amicizia, lacrime, risate, vittorie, sconfitte ed eventi storici della vita.

Possiamo iniziare da dove tutto è iniziato.

Sia Roberto Mancini che Gianluca Vialli sono nati nel 1964 e sono stati eccezionali talenti calcistici scoperti sia dalla Federcalcio italiana che dai maggiori club alla fine degli anni ’70.

Mancini da una famiglia operaia, Vialli da una casa molto arredata.

Mancini un po’ tirato fuori, Viale più giocoso.

Sono stati portati presto nelle squadre nazionali per limiti di età e si sono incontrati come giocatori per la nazionale under 16 a Coverciano, la sede della nazionale italiana fuori Firenze.

– Roberto è il mio eroe da quando avevo 14 anni, ha ammesso Vialli alla trasmissione televisiva RAI Che Tempo Che Fa.

Avremmo dovuto conoscerci da più di 40 anni. È sempre stato coinvolto nei miei obiettivi e io sono sempre stato coinvolto nei suoi obiettivi.

La formazione titolare dell’Italia nella semifinale degli Europei contro l’Unione Sovietica a Stoccarda nel 1988. In fondo da sinistra: Walter Zinga, Paolo Maldini, Riccardo Vieri, Carlo Ancelotti, Fernando de Napoli, Giuseppe Bergomi. Davanti da sinistra: Roberto Mancini, Roberto Donadoni, Franco Baresi, Giuseppe Giannini e Gianluca Vialli. Foto: Colorsport/REX

Numeri 9 e 10

Dal 1984 al 1992 hanno giocato insieme nella Sampdoria.

Entrambi erano attaccanti, Mancini n. 10 – Viale n. 9.

Nello stesso periodo hanno esordito con la nazionale italiana.

Mancini e Vialli sono diventati i calciatori italiani Lennon e McCartney alla fine degli anni ’80.

Il duo era così bravo che ha portato il club amichevole di Serie A della Sampdoria a diventare un fattore di forza nel calcio europeo. Mancini e Vialli sono stati soprannominati “Da Gemelli del Jul”, i gemelli bersaglio. I coinquilini erano inseparabili dentro e fuori dal campo.

READ  Nordea Markets abbassa l'obiettivo di prezzo - consiglia ancora un acquisto

C’è una storia sul proprietario del club e figura paterna Paolo Matovani. Ama gli animali domestici, ma un giorno ha deciso di acquistare due cani, non solo uno. Si chiamavano “Ruby” e “Luca” da Roberto e Gianluca.

Mancini e Vialli erano attaccanti per l’Italia, ma non sono mai riusciti a esprimere il loro pieno potenziale lì. Nel 1988, l’Unione Sovietica li sconfisse in semifinale.

Al Mondiale in casa Mancini non ha ottenuto un minuto di gioco, mentre Vialli si è infortunato.

I ragazzi hanno viaggiato insieme sul loro primo volo per Mauritius. Volevano affrontare insieme la delusione.

Piangere quando si vende un amico

Nella sua casa di Genova, Vialli è stato chiamato nell’ufficio del titolare del club Paolo Matovani. Ha ricevuto un’offerta dalla Juventus molto più grande, un’offerta che non poteva rifiutare. Si trattava di un sacco di soldi.

– gridò Vialli: “Non vendermi, non voglio andare via”.

Uscì sul campo di allenamento e prese Mancini. Insieme hanno pregato il proprietario del club di giocare insieme per un altro anno.

Hanno promesso di vincere il primo scudetto del club. L’anno successivo, la Sampdoria vinse l’oro in campionato. L’anno successivo, hanno giocato fino alla finale di Champions League, che hanno perso contro il Barcellona.

Ma il club ha faticato finanziariamente. Il proprietario del club Matovani ha deciso di vendere Vialli alla Juventus e l’attaccante ha accettato.

Vialli ha parlato anche di trasferirsi nel gruppo dei giocatori negli spogliatoi. Un uomo l’ha presa più duramente di chiunque altro: Roberto Mancini. Ha iniziato a piangere.

– Quando Luca mi ha detto questo, non mi sono pentito che la squadra abbia perso un attaccante. “Ero triste perché la mia giovinezza è finita lì per lì”, ha detto Mancini.

READ  Il mercato azionario scende dopo enormi investimenti | Finansavisen

Gianluca Vialli e Roberto Mancini con un membro del team di supporto italiano. Foto: Justin Thales/Reuters

battere il cancro

Vialli ha vinto la Champions League con la Juventus e Mancini in seguito è andato alla Lazio, dove è diventato anche campione del campionato.

I compagni si sono tenuti costantemente in contatto e hanno mantenuto l’amicizia. Ma il tempo non è durato. Avevano figli e una famiglia, e svolgevano vari lavori nell’industria dei media e nella professione di allenatore.

Nel 2018 a Viale è stato diagnosticato un cancro al pancreas. È una malattia con una prognosi molto infausta, qualcosa di cui Viale era a disagio.

Non ha accettato il verdetto, ma ha parlato di lui solo con i suoi cari. Era la sua battaglia, quella di nessun altro.

Ma un giorno Vialli decise di chiamare Mancini. Non perché avesse bisogno di riposare. Aveva bisogno di ridere bene, come negli anni spensierati trascorsi insieme alla Sampdoria.

Viale ha vinto il cancro, ma ha avuto una ricaduta.

Era ancora in cura quando è stato contattato dalla Federcalcio italiana nell’autunno del 2019. A Vialli è stato chiesto se poteva essere un team manager del campionato europeo.

Viale non sapeva ancora se sarebbe sopravvissuto, ma ha detto di sì. Scegli il calcio. Scegli la vita.

La scorsa estate, Vialli è stato segnalato per essere in buona salute. Il vecchio marcatore sa che non c’è alcuna garanzia che non ci saranno più battute d’arresto. Ma non vuole pensarci.

La vita è il 10 percento di ciò che ci accade. Il restante 90% riguarda il modo in cui ci avviciniamo alla vita.

Ora Mancini e Vialli sono tornati a Wembley come capitani della Nazionale italiana, che affronterà la Spagna nelle semifinali dell’Europeo.

Qualunque cosa accada a Wembley, loro sanno una cosa.

L’amicizia e la grazia della vita trionfano su vittorie e sconfitte sul campo di calcio.

Kielder: RAI, Gazzetta dello Sport, The Athletic, Aftonbladet, Wikipedia