Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

USA, Joe Biden | Gli ultimi numeri rappresentano una crisi per Biden

Gli ultimi numeri sono sorprendenti.

New York (Netavision): i dati presentati venerdì hanno mostrato che il tasso di inflazione negli Stati Uniti era del 6,8 per cento.

Leggi anche: Donald Trump: – Questo sta andando all’inferno

Il più alto dal 1982

secondo CNBC Questa è l’inflazione più forte dal 1982.

L’aumento è stato dello 0,8 percento a novembre, dal 6,2 percento al 6,8 percento.

Gli ultimi numeri hanno messo più pressione sull’economia statunitense e non sono una buona notizia per il presidente Joe Biden.

Leggi anche: “Donald Trump è stato pisciato dalle prostitute a Mosca”: ora il caso spionaggio ha preso una piega molto eccitante

L’elevata inflazione negli Stati Uniti è in parte dovuta all’aumento dei prezzi dell’energia, alla carenza di manodopera, all’aumento dei costi di spedizione e ai colli di bottiglia nella produzione. Ma anche l’inflazione di fondo è a un livello elevato.

Leggi anche: Ecco come sono state nominate le dame di Trump: un confronto con la Stasi e la Gestapo

La Federal Reserve statunitense sta seguendo da vicino gli sviluppi e, secondo la CNBC, terrà una riunione di due giorni la prossima settimana.

Fonti della Banca centrale hanno indicato che stanno ora valutando di ridurre l’assistenza fornita durante la crisi della Corona per ridurre l’inflazione.

Leggi anche

– Mi ha chiesto di reclutare più ragazze per fargli sesso orale

Nonostante l’aumento dell’inflazione, Wall Street ha aperto i battenti venerdì.

Il Dow Jones ha iniziato 150 punti più in alto.

– Questa è una follia

Il senatore dell’Arizona David Livingston afferma che l’aumento dei prezzi del gas e del cibo mostra che l’inflazione è fuori controllo e che ciò che sta accadendo ora è “pura follia”.

READ  Controllo voli nelle Filippine - almeno 29 morti - VG

Dice in un’intervista che ora stanno lavorando per ridurre le tasse per aiutare le persone nello stato a far fronte alle maggiori spese.

“Crediamo che questo sia il più grande taglio delle tasse che uno stato abbia fatto nella storia americana”, ha detto Livingston.

Guarda gli estratti dell’intervista qui:

Pessima misura per Biden

Il presidente Biden è stato duramente colpito dagli aumenti dei prezzi negli Stati Uniti e, in un recente sondaggio della CNBC, solo il 41% pensa che stia facendo un buon lavoro.

Leggi anche

“Donald Trump è stato pisciato dalle prostitute a Mosca”: ora il caso spionaggio ha preso una piega molto eccitante

Ben il 56% degli intervistati pensa che stia facendo un cattivo lavoro con l’economia, solo il 37% pensa che gestisca bene le sfide economiche negli Stati Uniti.

Nuovo disegno di legge per aumentare il tetto del debito

Negli Stati Uniti, giovedì il Senato ha approvato il primo dei due progetti di legge necessari per aumentare il tetto del debito pubblico ed evitare così un default degli Stati Uniti.

Il Senato ha votato 59 a 35 a favore della misura e 10 repubblicani hanno appoggiato il disegno di legge, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa. Reuters.

I leader del Senato hanno raggiunto un accordo che consentirebbe ai Democratici di aumentare da soli il tetto del debito e impedire agli Stati Uniti di inadempiere al proprio debito.

L’accordo di martedì significa che i democratici possono votare per aumentare il tetto del debito senza un voto repubblicano. Pertanto, gode di una maggioranza semplice di 51 voti al Senato.

READ  - Può avere un effetto infettivo - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

Per la prima volta in un talk show presidenziale

Venerdì, Joe Biden sarà ospite al Tonight Show di Jimmy Fallon. Sarebbe la sua prima apparizione in un talk show come presidente.

Tuttavia, il 79enne non sarà fisicamente presente allo studio televisivo di Fallon, ma sarà ospite dello show in digitale, secondo NTB.

Sarà la sua prima apparizione in un talk show da quando è entrato in carica a gennaio. Di recente, ha visto un calo della sua popolarità nei sondaggi ed è stato sotto pressione per apparire in molti contesti legati ai media.