Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Varietà a Wall Street prima dell’annuncio del tasso: il pesante Nasdaq in calo di oltre il 2%

Per la terza settimana consecutiva, la guerra in Ucraina è stata l’argomento principale dei colloqui, oltre che sui mercati finanziari.

In pre-trade, molti indicano un inizio debole. I futures del Nasdaq sono in leggero ribasso, mentre gli indici dei futures relativi all’S&P 500 e al Dow Jones sono leggermente positivi.

Dopo sviluppi contrastanti nel corso della giornata, alla chiusura di Wall Street si presenta così:

  • L’indice Dow Jones ha chiuso completamente invariato rispetto al prezzo di chiusura di venerdì. Prima dell’apertura, l’indice dell’industria pesante era sceso per cinque settimane consecutive per la prima volta in quasi tre anni e ora è inferiore dell’11% al suo picco di inizio anno.
  • L’S&P 500 è sceso dello 0,74%. L’indice collettivo è quasi il 13 per cento fuori dal massimo, che è stato raggiunto anche all’inizio dell’anno, ed è sceso in quattro delle ultime cinque settimane.
  • Il Nasdaq è sceso del 2,04%. L’indice tecnologico è sceso di oltre il 20% dal picco dello scorso autunno ed è anche diminuito in quattro delle ultime cinque settimane. Tesla, Amazon e Apple sono tutte comprese tra il due e il cinque percento.

Mercoledì, il programma è fissato per l’incontro sui tassi di interesse della Federal Reserve statunitense, un incontro che il mercato statunitense seguirà con attenzione.

Aspettati un aumento dei tassi di interesse

Negli ultimi mesi, ci sono state discussioni sull’aumento dei tassi di interesse e sulla riduzione degli acquisti di sostegno che hanno dominato i titoli dei giornali. Il governatore Jerome Powell e la Federal Reserve hanno indicato da tempo che ci saranno più aumenti dei tassi nel 2022, mentre allo stesso tempo gli acquisti di sostegno saranno ridotti durante tutto l’anno.

Allo stesso tempo, la guerra in Ucraina, le turbolenze nelle catene del valore e l’elevata inflazione sono stati temi di discussione caldi. La Fed ha affermato che prenderà provvedimenti per frenare l’aumento dell’inflazione attraverso ulteriori aumenti dei tassi.

secondo Financial Times Il mercato sta ora scontando quasi sette rialzi dei tassi di interesse nel 2022 e si prevede che il tasso di riferimento chiave aumenterà da quasi zero dopo la riunione di mercoledì, il primo aumento dei tassi dall’inizio della pandemia di Corona.

La scorsa settimana è diventato chiaro che la Banca centrale europea (BCE) non ha aumentato i tassi di interesse, ma ha annunciato che avrebbe ridotto gli acquisti di sostegno durante la pandemia.

Lunedì sera, ora norvegese, il tasso di interesse sul debito pubblico statunitense con scadenza decennale è salito al di sopra del 2% e ora è al livello più alto da luglio 2019.

“Cosa ne pensa la Federal Reserve?”

Shakib Syed, portfolio manager di DNB Asset Management, ritiene che la guerra in Ucraina significhi che molti dei numeri macro che normalmente attirerebbero una certa attenzione questa settimana finiranno nell’ombra.

Oltre alla Federal Reserve statunitense, questa settimana si terranno incontri sui tassi di interesse anche in Giappone e nel Regno Unito.

– La cosa più importante per lo sviluppo del mercato è la situazione in Ucraina: tutti si riuniscono ad alto livello, tutti i tentativi diplomatici e se portano al progresso o meno. Syed ha detto lunedì mattina che tra i numeri complessivi, i numeri dell’inflazione in particolare sono ancora molto significativi durante la giornata.

È stato entusiasta di quanto peso attribuirà la Federal Reserve alla situazione in Ucraina e se manterrà anche un tono “da falco” alla luce della guerra. La parola “falco” significa qualcuno che vuole far salire i tassi di interesse per frenare l’inflazione elevata.

– Cosa ne pensa la Federal Reserve Bank of Ukraine? Il direttore ha affermato che questa settimana non ci sono dati sull’inflazione delle grandi economie, ma l’andamento dei prezzi del petrolio è un lato dello stesso problema e sarà significativo in termini di potere d’acquisto delle famiglie.

Dopo il brusco balzo della scorsa settimana, quando il prezzo di un barile di petrolio del Mare del Nord ha raggiunto i 130 dollari, lunedì pomeriggio il suo prezzo ha raggiunto circa 107 dollari. Anche il prezzo del petrolio leggero statunitense è sceso la scorsa settimana e ora è di circa $ 105 al barile. (Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.