Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Venezia è sfuggita a malapena alla sua designazione come sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO

Molto nave da crociera passando Markusplassen. Questo ora finirà. Così Venezia evita di entrare nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Giovedì Venezia è riuscita a malapena a evitare la designazione della città da parte dell’UNESCO come “Patrimonio dell’umanità in pericolo”. Le conseguenze finanziarie saranno significative.

Venezia e Budapest sono sfuggite a un grido di aiuto durante una riunione del Comitato UNESCO incaricato durante la sessione nella città cinese di Fuzhou.

Ciò che ha impedito a Venezia di uscire dall’elenco delle minacce è che solo una settimana fa le autorità italiane hanno deciso di non consentire alle grandi navi da crociera di navigare attraverso parti del lago, dove la città è circondata dall’acqua.

Devi trovare nuovi sbocchi

Il Comitato dell’UNESCO ha notato che il divieto è cruciale. Cosa entrerà in vigore il 1 agosto. La commissione ha ulteriormente sottolineato le misure previste per la circolazione delle navi nell’area, poiché i porti fuori lago faciliterebbero il traffico che ora passa attraverso il Canale della Giudecca.

L’UNESCO ha già espresso la sua profonda preoccupazione per le dimensioni dell’industria del turismo e del traffico crocieristico, in particolare per quanto riguarda i danni e l’usura di vecchi edifici e piazze.

Il ministro della Cultura Dario Franceschini saluta la decisione del Comitato UNESCO. Ma dice che il mondo deve continuare a preoccuparsi di Venezia e che tutti dovrebbero aiutare a proteggere il lago e sostenere il lavoro per uno sviluppo più sostenibile.

Queste enormi navi da crociera dovranno trovare altre rotte e porti in futuro. La navigazione per Venezia è vietata dopo il 1° agosto.

contaminato

Per anni, gli attivisti, le imprese locali e l’industria delle crociere hanno discusso sull’accesso al lago da parte delle navi da crociera giganti. I critici lamentano che le navi sconvolgano il delicato equilibrio marino del lago, distruggendo le fondamenta della città e inquinando l’aria. Hanno anche notato che il turismo da crociera porta pochi soldi nelle casse della città, poiché i passeggeri non passano la notte negli hotel.

Se Venezia dovesse essere inclusa nell’elenco dei beni culturali in pericolo, le restrizioni al turismo sarebbero probabilmente estese.

L’UNESCO è l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’istruzione, la ricerca e la cultura.

Budapest è anche una città fortemente turistica e ha gli occhi dell’UNESCO su di essa. La città ha tempo fino al prossimo anno per adottare misure di soccorso, poiché la pandemia ha complicato questo lavoro quest’anno.

READ  Un milione è volato con SAS anche ad agosto - E24