Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Verranno organizzati concerti sulla scienza

Verranno organizzati concerti sulla scienza

Alcuni dei ricercatori che contribuiranno alla serie di concerti passo successivo. Da sinistra: Thomas Spengler, Morven Moelvik, Karen Anderson Dahl, Dorothy Dunkel, Bernt Pugh, Kavitha Östgaard e Tore Vorevik. (Foto: Hélène Louise Dante, UiB)

Nell'estate del 1969 Neil Armstrong mosse i primi passi sulla luna. Per celebrare il cinquantesimo anniversario, l'Orchestra Filarmonica di Bergen e l'Università di Bergen organizzano una serie di concerti chiamati The Next Step.

L’obiettivo è dimostrare che la scienza è una sorta di arte. Si tratta di rompere i confini e mostrare cosa c'è dopo. Per me non c’è molta differenza tra ricerca e musica. La differenza sta nel pubblico e nelle sue interpretazioni, spiega Thomas Spengler, project manager di Neste Steg. È professore alla UiB e al Bjerknes Centre.

Lo sbarco sulla Luna è diventato il punto di partenza per la consapevolezza del nostro tempo sulla vulnerabilità del pianeta e sulla necessità di uno sviluppo sostenibile. Tema costante dei quattro concerti è quindi il rischio che corriamo con il nostro pianeta, sia in relazione al cambiamento climatico che all'importanza del mare per la vita sulla Terra.

La musica riguarda i limiti umani ed esistenziali. Perché siamo qui? Da dove veniamo? “Vogliamo sfidare il pubblico, stimolare la sua curiosità e spingerlo a pensare con la propria testa”, afferma Spengler.

Leggi di più sulle feste Sul sito web dell'Università di Bergen.

READ  3 commedie romantiche Netflix da guardare a novembre