Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Vicepresidente USA: – La Russia diffonde bugie e disinformazione

Intervenendo alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, il vicepresidente Kamala Harris ha affermato che i confini nazionali non dovrebbero essere modificati con la forza.

Hai usato parole forti contro la Russia. Sulla situazione nell’Ucraina orientale e al confine tra Russia e Ucraina.

– Riceviamo segnalazioni di quelle che sembrano provocazioni. La Russia sta diffondendo disinformazione e bugie.

La visita alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco è la quinta visita di Harris come vicepresidente.

Nessun rappresentante ufficiale della Russia parteciperà alla conferenza quest’anno.

La crisi e la situazione tesa al confine tra Ucraina e Russia hanno messo in ombra tutti gli altri temi della conferenza.

– Non sottovalutare

Nel suo discorso, Harris ha sottolineato l’unità della NATO.

Oggi gli Stati Uniti ei loro alleati sono più vicini che mai. La nostra forza non va sottovalutata. Ha detto perché è nella nostra unità.

Ha affermato che gli Stati Uniti stanno facendo molto di più che prepararsi alle dure conseguenze economiche della Russia in caso di invasione dell’Ucraina.

Non vogliamo fermare le sanzioni finanziarie. Abbiamo adottato misure per rafforzare la nostra presenza sul lato orientale della NATO.

Secondo Harris, ora ci sono 6.000 nuove truppe statunitensi in Polonia e Germania, tra gli altri luoghi.

Ha detto che non sarebbe appropriato fornire assistenza militare all’Ucraina in caso di guerra.

– Non combatteremo all’interno dell’Ucraina, ma difenderemo tutti i territori della NATO.

Ha sottolineato che l’articolo 5 della NATO è sacro per lei e per il suo presidente, Joe Biden.

L’articolo 5 della NATO significa che un attacco a uno Stato membro è un attacco a tutti. Ciò significa che ognuno ha il dovere di difendersi a vicenda. L’Ucraina non è un membro della NATO, ma un alleato nell’alleanza di difesa.

READ  Nuovi dettagli sul dramma calcistico: pressioni vicine a Boris Johnson sullo stato del Golfo