Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Vita pratica, forza | Soffrendo di prezzi elevati dell’elettricità: – Un aumento significativo dei costi

Le aziende industriali sono ottimiste sul 2022, ma le insidie ​​abbondano.

L’ultima volta che Netavizen Okonomi ha parlato con il capo allenatore Lars Rotzith (52) al Cleveland Group, ha detto Un messaggio chiaro al Ministro del Commercio e dell’Industria sull’aumento dei prezzi dell’energia elettrica.

Oggi i prezzi dell’elettricità sono molto più alti ei 530 dipendenti dell’impianto di aratura di Rogaland devono fare il possibile per mantenere basso il consumo di elettricità.

“Abbiamo avuto un enorme aumento dei costi e un raddoppio della nostra bolletta elettrica”, afferma Roteseth.

Lo stabilimento è famoso in tutto il mondo per il suo acciaio di alta qualità e un aratro su quattro venduto in Europa proviene dall’azienda di Jæren. All’inizio degli anni 2000, l’azienda ha sostituito i forni a gas con forni a gas dopo la pressione politica, prima che lo stabilimento iniziasse a passare all’elettrico pochi anni dopo.

– E’ molto difficile adesso. Anche il gas è molto costoso, dice Roteseth, quindi dobbiamo continuare a passare a più stufe elettriche.


Gruppo Kverneland

  • Kverneland è stata fondata nel 1878 e si è rapidamente specializzata in attrezzi agricoli pesanti per grandi fattorie.
  • Oggi, Kverneland è famosa nel mondo in agricoltura come un gigantesco produttore di aratri.
  • La giapponese Kubota ha acquistato Kverneland nel 2012 e l’ha quotata in borsa. Il gruppo ha 2.550 dipendenti e il gruppo Kverneland ha circa 530 dipendenti.

Leggi anche: Riduzione del numero delle eccedenze

Elevato arretrato e aumento delle spese

Il manager del settore è come molti altri leader aziendali nel sud della Norvegia: si aspetta più posti di lavoro e un fatturato più alto nel 2022, ma c’è qualche scetticismo.

READ  Helge Lund ha ricevuto 705 milioni di NOK - E24

I profitti sono sotto forte pressione, in parte a causa dell’aumento dei costi dell’elettricità, afferma Roteseth.

Tra le 600 aziende intervistate nella regione di Oslo, Agder, Vestland e Rogaland, il 58 percento ritiene che lo sviluppo nei prossimi 12 mesi sarà migliore della situazione attuale. Le aziende industriali sono tra le più positive, secondo il Business Trend Survey di Sparebank 1 SR-Bank.

Queste aziende hanno diverse gambe su cui stare, hanno fatto bene durante la pandemia e hanno un alto tasso di crescita. Nonostante la pandemia, c’è una buona motivazione nel settore e il rally sembra continuare, afferma il capo economista Keri Knudsen di Sparebank 1 SR-Bank.


Le aziende prevedono una crescita nel 2022

SpareBank 1 SR-Bank Business Cycle Scale è una scala di temperatura per la comunità imprenditoriale nel sud della Norvegia. Nel sondaggio, le aziende hanno fornito le loro previsioni per i prossimi tre e dodici mesi, nonché gli sviluppi nell’ultimo anno.

  • Scansione in breve: I primi mesi del 2022 potrebbero essere caratterizzati da incertezza e bassa attività, ma dopo le aziende nel sud della Norvegia si aspettano una crescita continua.
  • Tra le 600 aziende intervistate, prevedere 58 percento Lo sviluppo nei prossimi 12 mesi sarà migliore di quello odierno.
  • Imprese industriali, industria edile e industria energetica Sono molto ottimisti sugli sviluppi futuri. Mentre 62 percento delle aziende dell’industria e delle costruzioni si aspetta una crescita, l’ottimismo è più alto tra le aziende che hanno una quota del proprio fatturato olio e gas.
  • Parte del mondo degli affari, per esempio Industria ricettiva, ristorazione e cultura, inizia l’anno con una crescita inferiore e una maggiore incertezza all’inizio del 2022.
READ  Bodø sostituisce la rete da pallavolo con una rete da pesca - E24

Tuttavia, i leader aziendali sottolineano diverse cose che creano incertezza: Lo sviluppo dell’infezione, la scarsità di accesso alle materie prime, le sfide con le restrizioni di spedizione e produzione presso i fornitori.

– Nella fabbrica di aratri di Kulaib abbiamo ordini per i prossimi sei mesi. Siamo completamente dipendenti dall’apporto di materie prime. La situazione non è del tutto positiva, dice Roteseth, perché l’acquisto e l’elettricità sono più costosi di prima.

In termini di vendite, il Gruppo Kverneland in Norvegia era in una posizione migliore all’inizio del 2022 rispetto al 2021.

La domanda è se questa è una tendenza in corso, l’impatto della pandemia o il risultato dell’aumento dei prezzi di mercato e delle persone che devono assicurarsi. Non lo sapremo fino alla fine dell’anno, dice Roteseth.

mari: Quindi all’improvviso abbiamo ottenuto la forza più costosa d’Europa: – Si è circondata in un angolo

I politici sono invitati a considerare di aiutare le compagnie elettriche

L’impianto di aratura utilizza un’energia equivalente a circa 50 gigawatt all’anno di elettricità e gas per realizzare macchinari e strumenti – in particolare aratri – per l’agricoltura. Il direttore chiede ai politici di agire per proteggere le aziende dai futuri picchi dei prezzi dell’elettricità.

– Abbiamo bisogno di prevedibilità. Se i politici accettano che dovremmo avere una volatilità così estrema, dovremmo mettere in atto uno schema di compensazione per quelli di noi che non lavorano nel settore delle serre, afferma Roteseth.

Diverse volte nel corso del nuovo anno, la Norvegia meridionale ha avuto i prezzi dell’elettricità più alti d’Europa.

– Spero che questa sia una situazione temporanea. ma se Germania Altri paesi continueranno a chiudere le fonti energetiche senza aumentare la produzione di energia, e temo che continuerà, afferma il direttore di Kverneland.

READ  La rivolta degli agricoltori popolari ha ricevuto più di 10.000 firme - E24

Cosa puoi fare per rinegoziare i tuoi contratti elettrici?

– Cerchiamo di rinegoziare i contratti, ma non è una buona idea negoziare accordi a lungo termine in un momento in cui i prezzi sono molto alti. Rotseth afferma che abbiamo uno stretto dialogo con i fornitori per evitare i picchi più alti.

mari: Timori per il crollo di gennaio: – Più di 600.000 sono preoccupati per l’economia