Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Volevo solo saltare e urlare

Volevo solo saltare e urlare

-Mi preparo molto attentamente prima di questi colloqui, quindi so molto bene cosa dirà la persona che incontrerò. Ma ciò che dicono questi leader continua a scioccarmi.

Yama Wasmal, 42 anni, ha parcheggiato l'auto nel centro di Beirut, in Libano, dove ora si trova l'ufficio in Medio Oriente di NRK. Fuori splende il sole. Il termometro segna 20 gradi.

Dal 7 ottobre, quando Hamas attaccò Israele e scoppiò la guerra tra le due parti, Wallasmal ha coperto la brutale realtà della Striscia di Gaza.

Secondo le autorità sanitarie locali, quasi 30.000 persone sono state uccise e 70.000 ferite. La maggior parte di loro sono donne e bambini.

Brevemente

  • Il corrispondente dal Medio Oriente della NRK, Yama Wasmal, riferisce della brutale realtà nella Striscia di Gaza dall'inizio della guerra tra Hamas e Israele in ottobre.
  • Ha intervistato famiglie che hanno perso i propri cari e leader militari che volevano vendetta.
  • Walasmal, lui stesso un rifugiato di guerra, afferma che il suo reportage si distingue per il suo background e la sua personalità.
  • Ha ricevuto elogi per il suo approccio al lavoro e ammette che il conflitto tra Israele e Palestina è uno dei conflitti più incendiari di cui possa occuparsi.
  • Welasmal prevede di tornare in Israele a marzo per aggiornare il pubblico della NRK sulla situazione a Gaza.
  • Il 2024 è l'ultimo anno in cui Welasmal sarà corrispondente dal Medio Oriente di NRK. Cosa farà dopo non è ancora noto.

Il corrispondente dal Medio Oriente di NRK ha incontrato famiglie che hanno perso i propri cari e influenti leader militari che vogliono spargimenti di sangue e vendetta.

READ  In risposta agli stipendi dei CEO "pazzi": - Ci rubano i soldi

“Vado a queste interviste sapendo che verranno suscitate in me emozioni a livello umano”, dice Wlasmal al Dagbladet.

A metà novembre ha affrontato il leader di Hamas Osama Hamdan Sul perché hanno lanciato l'attacco il 7 ottobre. Poco più di un mese dopo, ha incontrato l’ex generale israeliano Isola della GioraChi ha detto francamente che Israele dovrebbe affamare ed espellere i civili da Gaza.

Faccia a faccia, Wlasmal sembra aver mantenuto la calma. Concentrato, professionale e autocontrollato. Stavo ribollendo dentro.

– Mi siedo, mi mordo la lingua e provo a sedermi sulle mani. È un'immagine che mostra quanto sia provocatorio per me parte di ciò che viene detto.

Il 42enne dice che a volte avrebbe voluto saltare in piedi e urlare: “Puoi davvero dirlo?!”

-Ma ho del lavoro da fare e devo gestirlo in modo professionale.

Post: Yama Wasmal afferma di essere desideroso di dialogare con diverse parti del conflitto israelo-palestinese. E qui con il leader di Hamas Osama Hamdan. Foto: NRK
Mostra di più

– Mi lascia un'impressione molto forte

Quando Yama Wlasmal lasciò lo studio Dagsrevyen nel 2020, cambiò uniforme e si diresse in Libano, era con l'obiettivo di presentare al pubblico della NRK un'immagine più accurata del Medio Oriente.

In qualità di undicesimo corrispondente della NRK nella regione, il 42enne ha ricevuto molti elogi per il modo in cui ha gestito l'incarico.

-È probabilmente il miglior corrispondente estero in questo paese, ha detto l'ex profiler della NRK Peter Nomi Lo scorso autunno ha elencato qualità come l’umiltà, la presenza, la saggezza e la compassione.

Welasmal non nasconde di essere un tipo di reporter diverso dai suoi predecessori, come Odd Carsten Tveit, che molti ricordano per i suoi reportage su guerre e conflitti, quasi sotto una pioggia di proiettili.

– Il mio modo di coprire è caratterizzato dal mio passato di rifugiato di guerra e dal fatto che sono una persona privata. Non ho problemi ad ammettere che le cose che vivo mi impressionano molto, quindi la sfida è controllare le mie emozioni, dice Wlasmal.

Fino al 2021, quando i talebani presero il controllo di Kabul, ci riuscì. Soffocato vivo dalle lacrime Wasmal ha raccontato delle turbolenze e dell'incertezza del paese in cui è nato.

– Quel giorno non potevo tenere la maschera. Questa è l’unica volta nei miei 20 anni da giornalista. È traboccato.

Cambio di potere: Yama e Asmal operano in Afghanistan sotto il dominio dei talebani.  Il modo in cui il gruppo ha preso il controllo di Kabul ha lasciato una forte impressione sul giornalista.  Foto: privata

Cambio di potere: Yama e Asmal operano in Afghanistan sotto il dominio dei talebani. Il modo in cui il gruppo ha preso il controllo di Kabul ha lasciato una forte impressione sul giornalista. Foto: privata
Mostra di più

Wolasmal crede che si tratti di chi è come persona. A proposito di patrimonio e ambiente.

Nel 1986, suo padre, il giornalista Muhammad Hassan Wasmal, ottenne asilo politico in Norvegia dopo aver criticato i signori della guerra afghani e i loro potenti sostenitori nell'esercito pakistano.

Yama, di quattro anni, arrivò in Norvegia con la sua famiglia, che presto si stabilì a Gronerloka, a Oslo. Ricorda una casa molto socievole. Genitori che amavano le conversazioni con le persone.

Mia madre era una persona molto compassionevole e perdeva il sonno la notte se succedeva qualcosa di brutto al suo vicino.

Queste sono le qualità impresse in lui, che erano presenti quando lavorava per NRK nei 17 paesi di cui era responsabile.

– Questo è ciò che fa sì che le cose mi colpiscano. Il fatto che io sia una persona emotiva è il risultato diretto dell'educazione che ho ricevuto.

Middle East Voice: Negli ultimi tre anni, Yama e Asmal hanno riferito a NRK sulla situazione in 17 paesi del Medio Oriente.  Qui da Ramallah.  Foto: privata

Middle East Voice: Negli ultimi tre anni, Yama e Asmal hanno riferito a NRK sulla situazione in 17 paesi del Medio Oriente. Qui da Ramallah. Foto: privata
Mostra di più

Chiedi alle persone di vedere il quadro completo

Dal lavoro di corrispondente della radio nazionale norvegese derivano grandi responsabilità. Wasmal dice apertamente che la guerra tra Israele e Hamas lo ha messo alla prova.

Sebbene molte persone sostengano la guerra, ciò ci ricorda che esistono anche grandi gruppi determinati a trovare una soluzione pacifica.

Walasmal parlerà con tutte le parti.

– Mi rendo perfettamente conto che se parlo con Hamas, devo parlare anche con i palestinesi che rappresentano l'altra parte. Lo stesso vale per Israele.

Dal 7 ottobre, il Consiglio della Radio e della Televisione ha ricevuto più di 1.000 denunce relative alla copertura della guerra tra Israele e Hamas. La maggior parte ha a che fare con l’equilibrio nella copertura, dice al Dagbladet il segretario del consiglio Erik Skarud.

-Chiedo sempre alle persone di guardare il tutto. Non puoi guardare la copertura di NRK da un rapporto all'altro. C'è molto nel mezzo, quindi nel complesso sento che siamo diversi.

Wallasmal descrive il conflitto tra Israele e Palestina come il conflitto più emozionante che i giornalisti possano raccontare.

– Le emozioni sono estremamente alte da entrambe le parti. Entrambi i campi hanno sostenitori molto forti in Norvegia.

Se avesse detto qualcosa di sbagliato in diretta, avrebbe potuto giurare che lo avrebbero scoperto. Le critiche sono spesso forti.

– Pertanto, la copertura di questo conflitto è molto intensa. Sono andato a coprire questa guerra con il cuore in gola pensando: “Come andrà?”

Per strada: Yama e Asmal durante un'intervista a Ramallah, Cisgiordania.  Foto: privata

Per strada: Yama e Asmal durante un'intervista a Ramallah, Cisgiordania. Foto: privata
Mostra di più

– Non c'è bisogno che mi citi su questo

A marzo, Wlasmal tornerà in Israele per aggiornare ancora una volta il pubblico della NRK sulla situazione a Gaza. Dopodiché gli restavano solo pochi mesi come corrispondente per il Medio Oriente.

Non è ancora noto se tornerà allo studio “Dagsrevyen”.

– Esattamente il processo di ritorno a casa che ho completamente soppresso.

Se ti unisci al gioco, devi sopportare la tostatura, lo sai, e in NRK il lavoro di reporter significa che hai accettato il Trono di Spade dove non ti è garantito lo stesso posto al tuo ritorno.

– Ci sono poche posizioni in Norvegia che possono essere paragonate a quello che faccio adesso. Ad essere completamente onesti, questo è davvero un lavoro da sogno.

L'impegno chiaro e il ritmo serrato lasciano il posto alla riflessione e ai ricordi. Sebbene di solito fosse un pianificatore organizzato di tutto, non si era mai preso la briga di pensare molto alla stabilità e alla pacifica Norvegia degli ultimi anni.

Se avesse fatto le sue previsioni, probabilmente sarebbe stato colpito da quella che viene chiamata “malattia del reporter” una volta tornato a casa. Una situazione in cui il desiderio diventa così grande che i reporter di ritorno si scontrano con un muro.

– Non lo dico ad alta voce, ma di solito dico ai miei amici che questo è un lavoro che posso svolgere gratuitamente.

– Ma non devi citarmi su questo. Hahaha.

-Se il tuo sogno è un po' grande, hai già immaginato il tipo di lavoro che vorresti fare al tuo ritorno?

– Il lavoro dei miei sogni nel mio paese natale, la Norvegia, sarebbe stato uno spettacolo “Hard Talk”, in cui avrei potuto porre domande critiche e conflittuali alle persone al potere, sia in Norvegia che a livello internazionale.

-È ora disponibile anche la sedia Lindmo?

– Eh eh. SÌ.

-Non sono esattamente un tipo divertente. non me.

Rivela i piani per il libro

A maggio, la sorella di Yama, Aisha Wasmal, porterà il libro Mille giorni con i talebani Più o meno nel periodo in cui i talebani presero il controllo di Kabul nell’agosto del 2021 e il mondo lasciò l’Afghanistan.

Il giornalista, veterano ed ex diplomatico ha trascorso la sua vita entrando e uscendo dall'Afghanistan, continuando a lavorare lì anche quando i talebani hanno preso il controllo.

Ora gli editori hanno messo gli occhi anche sul fratello maggiore Yama.

– Ci sono state alcune richieste sui libri, per usare un eufemismo. Il problema è quando troverò il tempo per scrivere questo libro. Ma diventa un libro NO Dubbio.

-Quale sarà l'argomento?

– Penso che le persone siano interessate principalmente alla vita da reporter. Com’è andata qui in Medio Oriente negli ultimi anni. Sono successe molte cose drammatiche. Entrambi con la caduta di Kabul, e non ultima, ora è la guerra finale, come dice Wallasmal, e continua:

– Penso che le parole principali saranno probabilmente Medio Oriente e Afghanistan.

-Ti senti fortunato nel periodo che hai raggiunto?

– SÌ. È sempre emozionante quando esci. Pensi: “Sarà tutto tranquillo” o “Potrò sperimentare molte cose?”

-Sapevo che il lavoro avrebbe fornito eccitazione e drammaticità, ma non avrei mai immaginato che sarebbe stato così tanto.