Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Wall Street ha chiuso le negoziazioni in rialzo – E24

Nonostante il chiaro avvertimento sul virus Corona da parte del capo dell’Organizzazione mondiale della sanità, si è concluso con un forte aumento per tutti e tre i principali indicatori negli Stati Uniti, mentre l'”indice di paura” è diminuito drasticamente.

Peter Foley / EPA / NTB
Inserito:

I primi due giorni di negoziazione della settimana sono stati delle vere montagne russe per Wall Street. Dopo un forte calo lunedì e poi un forte ritorno martedì, mercoledì è stata una giornata molto buona per il mercato azionario statunitense.

All’orario di chiusura, i primi tre indici azionari di New York si presentano così:

  • Dow Jones: +0,83 percento.
  • Nasdaq: +0,92%.
  • Standard & Poor’s 500: in aumento dello 0,82 percento.

Tra le società quotate al Dow Jones, Coca-Cola è risultata la più forte dall’inizio, ma il prezzo è poi sceso ed è vicino all’orario di chiusura, in rialzo dell’1,26%. La società ha registrato guadagni e vendite superiori alle attese nel suo rapporto trimestrale mercoledì. Il valore commerciale è aumentato del 42% a 10,13 miliardi di dollari, superiore al livello del 2019.

D’altra parte, la quota di Netflix ha chiuso meno del 3%, dopo che le aspettative della società sul numero di nuovi abbonati nel terzo trimestre erano inferiori a quanto previsto dagli analisti. Anche l’utile per azione rettificato è sceso al di sotto delle aspettative del gigante dell’energia.

Byks per «Tasso di interesse più importante del mondo»

Mercoledì c’è stato un umore misto nei mercati azionari asiatici, con il Nikkei225, l’indice principale in Giappone, che ha chiuso in rialzo dello 0,58 percento. Così, il mercato azionario giapponese è finalmente salito, dopo cinque giorni consecutivi di ribassi. Per Hangseng, che ha chiuso in ribasso dello 0,10%, questo è stato il terzo giorno consecutivo di ribassi.

Nel frattempo, mercoledì il prezzo del petrolio è aumentato notevolmente, avvicinandosi a kl. 22, in crescita del 5,21 percento dall’apertura. Un barile di petrolio del Mare del Nord viene scambiato a 72,14 dollari al barile.

Il dollaro americano in vigore da dieci anni, spesso definito il “tasso di interesse più importante del mondo”, è aumentato di oltre il 5% a 1,29 mercoledì, un forte aumento rispetto al minimo di lunedì di 1,20.

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità lancia un monito

Molti investitori rimangono preoccupati che lo spread variabile delta possa frenare fortemente la ripresa economica, secondo CNBC. Allo stesso tempo, il rendimento nel mercato del reddito fisso è molto basso, il che significa che il mercato azionario sembra essere un’alternativa ragionevolmente buona a molti.

Ma questo difficilmente mette in ombra i timori che il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus abbia lanciato oggi un chiaro avvertimento che il mondo è diretto verso una seconda ondata di aumento delle infezioni e dei decessi, che CNBC menzionato.

Dopo che Johnson & Johnson ha pubblicato il suo rapporto trimestrale mercoledì, il titolo è leggermente aumentato mercoledì. Questo nonostante il fatto che gli utili e il fatturato dell’azienda nel rapporto trimestrale abbiano superato le aspettative. Allo stesso tempo, il produttore di vaccini ha annunciato che prevede di aumentare di dieci volte le vendite di vaccini Corona nella seconda metà del 2021.

Indice di paura diminuito dopo i salti

Il cosiddetto “indice della paura”, noto anche come VIX, è aumentato del 21,95% lunedì, quando il mercato azionario globale è sceso bruscamente. Ma martedì l’indice è sceso del 12,31% e mercoledì è sceso di un altro 8,5 per cento.

L’indice misura la volatilità attesa nell’ampio S&P 500 nei prossimi 30 giorni, attraverso i prezzi delle opzioni. Di solito sale bruscamente durante i periodi di grande agitazione e paura nei mercati azionari e scende durante i periodi di bassa volatilità.

READ  La gente di "Horror Island" Alikudi pensava di essere cacciata