Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

A Bjørn Eidsvåg non piace festeggiare i 70 anni: – Preferisco guardare avanti

A Bjørn Eidsvåg non piace festeggiare i 70 anni: – Preferisco guardare avanti

dice Björn Eidsvag con uno scintillio negli occhi e un allegro sarcasmo.

Domenica il gigante della musica norvegese compirà 70 anni, cosa che dice di “rifiutarsi di festeggiare ricordando”. Invece è più curioso che mai.

-Ho piani e progetti per almeno i prossimi cinque anni. Quindi adesso avrei l'età di Åge Aleksandersen, e lui ha annunciato le sue dimissioni, dice Eidsvåg a NTB.

Perduto

Certo, è solo la vita in tournée che Åge deve ringraziare, e Bjørn Eidsvåg può apprezzarlo. È d'accordo sul fatto che i viaggi e i soggiorni in hotel stanno mettendo a dura prova e pubblica post sulla baita di Skurdalen a Geilo, dove gli piacerebbe trascorrere più tempo.

– Ma quando la pandemia ha fermato tutto, mi ha fatto capire che anche a me mancavano i viaggi e gli alberghi. Quello che stiamo cercando di ottenere è tenere diversi concerti nella stessa città, se riusciamo a farlo e la gente lo vuole, dice Eidsvag, che quest'estate terrà un concerto, tra le altre cose, al Britannia Hotel di Trondheim. Tenere un concerto significa rimanere nella stessa sede del concerto nel tempo.

L'articolo continua sotto l'annuncioL'articolo continua sotto l'annuncio

Per quanto riguarda l'autunno, ha in programma di intraprendere un tour per l'anniversario che chiama “No Way Back”.

– Con il titolo volevo dire qualcosa sul fatto che non sarà un momento da ricordare, ma piuttosto che guardiamo avanti e che abbiamo rilevanza nel nostro tempo. Alle vecchie canzoni verrà dato un nuovo look e canteremo “Floden” – ma in una versione più vicina alla canzone di Emma Steinbakken, e suonerò nuove canzoni.

L'articolo continua sotto l'annuncioL'articolo continua sotto l'annuncio

READ  Ecco come sarà la trasmissione televisiva dell'autunno 2023 su NRK: quando verranno trasmessi i programmi?

Gente piacevole

Perché le canzoni continuano ad arrivare. Bjørn Eidsvåg ha molte cose in mente che vuole far uscire, anche se ha notato che gli argomenti di cui vuole scrivere stanno cambiando. Perde molte persone nella sua vita intorno a lui, l'ultima delle quali è sua madre di 90 anni.

La prossima settimana uscirà “Folk please er kindle”, che ha descritto come la canzone più bella che abbia mai fatto. Eidsvåg ammette che è stato molto facile “sembrare disperato” e ha testato la canzone su una volpe del settore che pensava solo che valesse la pena restare.

Come suggerisce il titolo, il testo è un tentativo di suscitare la speranza che anche noi esseri umani siamo capaci di cose buone. Che possiamo costruire qualcosa e prenderci cura gli uni degli altri e di noi stessi.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Viviamo in un momento buio che si avvicina sempre di più con la copertura mediatica. Ha scritto canzoni di protesta negli anni '60 e '70. Allora abbiamo pensato che se avessimo gridato abbastanza forte e abbastanza spesso, la nostra voce sarebbe stata ascoltata, sarebbe arrivata la pace e l’inquinamento e le armi nucleari sarebbero scomparsi. Adesso ho imparato che la pace è qualcosa per cui bisogna lavorare continuamente, e cominciare dal livello immediato, dice Björn Eidsväg.

Pensieri neri

Lui stesso potrebbe soffrire di pensieri oscuri al mattino. Poi affronta la sua bruttezza, dimenandosi per le cose stupide che ha fatto prima, anche se sono finite da tempo.

-Quindi è importante ricordare a me stesso che sono migliore di così. Sapevi che se ti costringi a sorridere, il tuo corpo reagisce diventando più felice?

READ  Registratore, Coldplay, Boss Nova liofilizzato - VG

“Most People Are Good” è uno dei tanti nati dalla collaborazione con due produttori “molto giovani”, che si sono conosciuti tramite colleghi artisti più giovani: Karl Viktor Guttormsen ha prodotto “Floden” nella versione di Emma Steinbakken, mentre Anders Kjaer ha prodotto il duetto che Eidsvåg lo ha fatto con Nils Bech per il suo ultimo progetto discografico.

L'articolo continua sotto l'annuncioL'articolo continua sotto l'annuncio

– Hanno prodotto alcune canzoni per me, e hanno uno stile completamente diverso da quello a cui sono abituato.

Ultimo album che hai realizzato?

Perché nella maggior parte dei circa 30 album in studio di Bjørn Eidsvåg, “andava in studio”. In altre parole, lui e la band sono entrati in un buon studio di registrazione vecchio stile, hanno registrato dal vivo e hanno trascorso molto tempo.

-Piace anche a me. Ma ora posso sedermi in cabina e scrivere una canzone, inviarla al produttore, ed è fatta in un istante. Il percorso verso il risultato è molto breve. Poi mi sento come se entrassi in qualità di co-organizzatore e diventa molto meno complicato. “Mi va benissimo perché sono impaziente”, dice Eidsvåg.

Sorridendo ampiamente, afferma che sta ricevendo “sempre più pubblicità” nel suo tentativo di decifrare il codice dello streaming, e non sa nemmeno se produrrà altri album.

Gioca sempre

Ci sono testi potenti dell'uomo che ha creato la musica rilassante a cui si rivolgono le persone in situazioni difficili, in cui seppelliscono i loro cari, e potenti canzoni d'amore che possono ancora essere ascoltate.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Lui che, in quello che definisce “il periodo più interessante” – la fine degli anni '90 e l'inizio degli anni 2000 – ha venduto più di 200.000 copie dei suoi CD, mentre “Tålt” del 2002 ha raggiunto quasi 300.000 copie.

READ  Åge Aleksandersen e l'associazione vendono Lerkendal per la seconda volta - NRK Trøndelag - Notizie locali, TV e radio

-Non puoi più aspettarti che la gente si sieda e ascolti un intero album. Forse devo dire qualcosa che duri più di tre minuti, quindi ci sarà un EP. Ma da quando ho pubblicato il primo disco, l'ho pensato come un biglietto da visita da suonare dal vivo. Suona per le persone più belle. Se scrivo una canzone, voglio vedere la reazione della gente il più velocemente possibile.