Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Venezia chiede ai turisti di tornare per salvare i mezzi di sussistenza delle persone

Venezia chiede ai turisti di tornare per salvare i mezzi di sussistenza delle persone

In Piazza San Marco a Venezia sono scomparsi anche i piccioni. Non ci sono turisti da sfamare, quindi perché dovrebbero stabilirsi lì?

I turisti stranieri hanno lasciato una delle città più amate d’Italia dopo essere stati perseguitati dal coronavirus. Ora molti residenti li vogliono indietro, anche se prima pensavano che lo spazio potesse essere un po’ angusto.

– Senza turisti Venezia è una città morta, dice il gondoliere Mauro Sampo (66 anni), che lavora nei canali della città dal 1975.

Sul Canal Grande, il silenzio assordante è rotto solo da alcuni vaporetti veneziani – i vaporetti – che ancora trasportano le persone tra Venezia e le isole vicine. Lungo i canali è tutto chiuso. Negli alberghi di lusso e negli edifici culturali si organizzano feste davanti alle finestre.

Il turismo rappresenta il 13% del prodotto interno lordo italiano e questo settore impiega il 15% dei lavoratori del Paese. Ma Venezia fa più affidamento sul turismo rispetto al resto del Paese. Secondo la direttrice del turismo Paula Marr, il 65% della popolazione cittadina lavora nel turismo.

Alcune persone vagano per i vicoli deserti di Venezia il 13 maggio.  Adesso il Paese si è riaperto, ma quando le frontiere sono ancora chiuse agli stranieri, per Venezia fa poca differenza.

– Combattere in guerra

– L'impatto del Corona virus sull'arrivo degli stranieri, che costituiscono l'85% dei turisti che vengono a Venezia, è molto forte rispetto ad altre destinazioni dove ci sono più turisti locali che stranieri, dice Marr.

READ  Comprato per la Norvegia, dipinto e debuttato

La settimana scorsa, l’Unione Europea ha chiesto agli Stati membri di riaprire i propri confini per evitare il collasso del settore turistico.

– Siamo sopravvissuti alla guerra, e questa è la guerra, dice l'imprenditore edile Francesco Pessin (47).

“Supereremo questo problema grazie al nostro senso degli affari”, aggiunge.

Nonostante siano sempre meno i veneziani “veri meticci” veneziani, e nonostante gli edifici della città vengano convertiti in hotel e case AirBnB, Betchin si rende conto che c’è bisogno di turisti.

Leggi anche

La Norvegia è entrata in lockdown quando sono stati scoperti i primi cinque pazienti con fonte di infezione sconosciuta. Oggi le autorità non riescono a controllare più di 4.000 persone infette.

Il gondoliere Andrea Balbi è a capo di un'organizzazione interessata ai gondolieri.  La pandemia di coronavirus ha creato una crisi economica a Venezia, che riceveva ogni anno 3 miliardi di corone norvegesi di entrate legate al turismo.

– nessuna scelta

Della stessa opinione Enrico Facchetti, 61 anni, ex gioielliere che porta a spasso il cane nei pressi della chiesa di San Marco.

L'economia della città dipende dal turismo. Potrebbe essere sbagliato, ma non abbiamo scelta. Dice: Non possiamo fare a meno del turismo.

Ma nonostante l’entusiasmo dei turisti che ritornano, la città resta divisa sulla questione. Su una delle facciate della città era appeso un grande striscione con la scritta: “Siamo stanchi dei bed and breakfast!”

Da anni sempre più residenti si sono trasferiti fuori dal centro storico della città. Oggi vivono lì solo circa 52.000 dei 260.000 abitanti della città. Le persone continuano a spostarsi nelle aree circostanti, dove le tasse sulla proprietà sono molto più basse.

READ  SAS sospende tutti i voli per il nord Italia

Dai soffiatori di vetro agli hotel

Anche sull'isola di Murano, famosa per i suoi laboratori di soffiatura del vetro, una delle aziende è stata trasformata in un albergo e ristorante, cosa di cui la gente del posto non è contenta.

Ma nonostante le lamentele, sono i turisti che molti adesso mancano. Solo loro possono affrontare la crisi economica di fondo derivante dalla chiusura.

Oltre all’epidemia di Corona, la città ha subito anche le conseguenze delle inondazioni di novembre, che hanno provocato danni stimati in milioni di euro.

– La nostra città soffre da novembre, afferma l'uomo d'affari Dmitry Tyoso.

Si pulisce la Basilica di San Pietro in Vaticano.

I norvegesi trattengono i consigli sui viaggi e sulla quarantena

Sfortunatamente per i veneziani, molti stranieri potrebbero rifiutarsi di andarci. L’Italia è tra i Paesi al mondo più colpiti dal Corona virus, con 226.699 casi di contagio e 32.169 decessi registrati finora.

Il numero di nuove infezioni e decessi è diminuito drasticamente poiché nel periodo marzo-aprile si sono verificati da 800 a 900 decessi al giorno, ma ogni giorno vengono ancora segnalati da 100 a 200 decessi.

In molti paesi bisogna tenere conto anche delle restrizioni di viaggio. In Norvegia, il governo sconsiglia ancora tutti i viaggi non essenziali verso tutti i paesi. L'avviso di viaggio vale almeno fino al 20 agosto. Chiunque viaggi all’estero dovrà restare in quarantena per 10 giorni successivi.

Il Ministero degli Esteri valuterà entro il 15 giugno se è possibile fare esenzioni dal Travel Board per i viaggi nei Paesi nordici. Il governo afferma inoltre che il 20 luglio effettuerà una nuova valutazione di “alcuni paesi europei vicini”. Non c’è motivo di credere che ciò valga per l’Italia.

READ  L'Italia adotta misure più severe per le persone non vaccinate

(NTP-AFP)