Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le elezioni in Somaliland danno speranza alla diaspora in Norvegia | Ingeborg Vardwin

A differenza della Somalia, il Somaliland, con il suo budget governativo molto modesto, ha pagato il 70% di queste elezioni.
Foto: Marie Andersen Clariskov

I somali in Norvegia sono molto orgogliosi delle loro origini e la regione ha appena visto un’opzione ordinata. Tuttavia, nessuna donna è stata eletta in Parlamento, ha scritto Ingeborg Vardwin nel post.




Coinvolti

Ultimi messaggi di Ingeborg Vardøen (mostra tutto)

Il Somaliland è il paese che ufficialmente non esiste. Il nord, già britannico, parte di quella che divenne la Somalia nel 1960, quando finì l’era coloniale, si lamentava dell’unione che aveva stretto con il sud, poi italiano, e la Somalia, e dichiarava la loro repubblica nel 1991. Ho visitato il paese per il prima volta dopo aver dichiarato direttamente l’indipendenza.

Ricostruzione

La capitale, Hargeisa, è stata bombardata a pezzi dalle forze governative nel 1988, ed è stato uno spettacolo triste. Ma l’atmosfera era quasi allegra. Le persone che erano fuggite tornarono, principalmente nella vicina Etiopia, per riprendersi la loro città. La maggior parte delle case erano in rovina, era una “città senza tetto”, che dall’alto sembrava un gruppo di piscine vuote, e tutta la città era minata.

Tuttavia, ho incontrato persone che erano intente a ricostruire le loro case e ad impadronirsi delle loro terre. Ottimismo ed energia erano densi nell’aria. lei era Sopra Il telefono è nel paese, il presidente – tra l’altro, un regalo dalla Norvegia. La maggior parte della folla era a piedi, angosciata dall’apparizione degli asini. Non c’erano aerei normali che arrivavano all’aeroporto bombardato.

È tranquillo ora

Da allora, ho visitato il paese diverse volte e ne ho seguito lo sviluppo. Hargeisa è ora una “città dei grattacieli”, con hotel, scuole, università, centri commerciali e traffico indicibile, su strade per lo più prive di asfalto, quindi nuvole di polvere stanno a guardare.

La città portuale di Berbera si trova sul Mar Rosso, vicino all’ingresso del Canale di Suez, ed è un punto strategico in cui hanno interessi sia gli stati arabi che la vicina Etiopia, che non ha coste. Lo sviluppo qui è enorme. Non da ultimo che il Paese è in pace.

Processi elettorali fissi

Nella vicina Etiopia, in Eritrea, ora infuria la guerra, e in Somalia, a sud, le cose non sembrano migliorare all’inizio, dopo innumerevoli conferenze di pace e sostegno internazionale. Lo Yemen, attraverso il Golfo di Aden, che tradizionalmente ha uno stretto rapporto con il Somaliland, sta vivendo una guerra brutale.

Circondato da questi paesi, il Somaliland è un paese in rapido sviluppo. E questo senza il riconoscimento internazionale che chiedono da 30 anni, non ricevono aiuti allo sviluppo nel senso comune. Ma poi non hanno nemmeno un debito estero.

Cinque presidenti eletti hanno governato il Paese durante questi trent’anni, e la transizione tra loro è stata pacifica, ed ecco un parlamento con la Camera dei Rappresentanti e il Senato, e il 31 maggio di quest’anno ha avuto, per la prima volta, dopo un soggiorno di 16 anni e le elezioni parlamentari e locali si sono svolte contemporaneamente.

Erano presenti osservatori da tutto il mondo, come nelle precedenti elezioni, questa volta da molti paesi africani e occidentali, e il Somaliland è uno dei pochi paesi in cui gli elettori sono determinati dalla scansione dell’iride, quindi la frode elettorale è impossibile. All’incontro ha partecipato il vice ambasciatore norvegese in Somalia. Ufficialmente, la Somalia è ancora considerata Uno paese, con capitale Mogadiscio.

Un attore in Norvegia parla di una nuova speranza

Potrebbe esserci disaccordo politico e molti credono che l’attuale presidente, Musa Bihi Abdi, che ha un background militare, possa essere troppo autoritario, abbia represso la corruzione e sia stato duro con la stampa. Ancora per lo più calmi, la maggior parte delle persone vuole la pace a tutti i costi, poiché anche questo è importante se mai viene riconosciuto. “Siamo in pace”, ha detto scherzosamente un uomo.

Sembrava inconcepibile che uno Stato che funzionava in tanti modi misurabili fosse costretto a far parte di un’unione che non aveva funzionato fin dall’inizio, e alla quale una volta si era unito volontariamente.

Una delusione è che sebbene più della metà dell’elettorato siano donne, nessuna donna è stata eletta in Parlamento, nonostante i candidati forti.

Il rappresentante del Somaliland in Norvegia, Mohamed Mahmoud Aden, che è stato uno dei primi a venire qui come rifugiato politico dalla regione nel 1988, sta lavorando per informare le autorità norvegesi della situazione in Somaliland e per stabilire e mantenere buoni rapporti. Norvegia e Somalia. Spera anche che queste elezioni convincano il mondo esterno a riconoscere il Paese.

Norvegese in Somaliland

Qualcuno deve fare il primo passo. Si teme che il riconoscimento del Somaliland porti a divisioni in altri Paesi africani, ma si è deciso di rispettare i confini tracciati dalle ex potenze coloniali. Il Somaliland in questo contesto indica che il loro “paese” era specificamente uno stato separato, sebbene un protettorato britannico, fino al 1960, e che si unissero volontariamente ad esso fino ad allora sotto il dominio italiano in Somalia alla fine dell’era coloniale.

Qui in Norvegia, una generazione è ormai cresciuta con genitori, anche nonni, fuggiti dal Somaliland. Alcune delle generazioni più anziane sono tornate indietro o si stanno spostando tra due paesi. I piccoli non hanno lo stesso rapporto con quella che un tempo era la casa della famiglia, e la Norvegia è ora la loro casa.

Tuttavia, molte persone visitano e sono piacevolmente sorprese da ciò che vedono. Alcuni portano i loro figli che vanno a scuola lì per un anno o due, c’è anche una piccola scuola privata norvegese per le persone che vogliono stabilirsi lì, ma non vogliono comunque perdere il contatto con la Norvegia.

I candidati non convenzionali danno speranza

La generazione cresciuta in Somaliland negli ultimi 30 anni sa solo che questa è la loro casa. Conoscono bene il resto del mondo attraverso la televisione e i social media e hanno connessioni ovunque. Puoi votare alle elezioni quando hai quindici anni e l’affluenza ai giovani è stata alta.

A differenza della Somalia, che 20 anni fa non è riuscita a tenere elezioni democratiche, nonostante il sostegno finanziario e la buona volontà del Il mondo esterno, il Somaliland, con il suo budget governativo molto modesto, ha pagato esso stesso il 70% di queste elezioni, elogiato da osservatori stranieri e citato come esempio da altri paesi del continente. Le elezioni si sono svolte in condizioni difficili e le persone hanno percorso lunghe distanze e hanno fatto la fila molto prima dell’apertura dei seggi.

Ci sono tre partiti politici in Somaliland e l’equilibrio tra loro è leggermente cambiato, così che il partito di gran lunga più grande, che è anche il partito del presidente, è il secondo per dimensioni.

Il clan significa molto nel paese e molti votano per i membri del clan. Pertanto, è sorprendente che il candidato con il maggior sostegno nella capitale, Barkhad Jameh Hirsi Patton, appartenga a un clan di minoranza che prima non aveva alcun potere politico.

Un altro risultato positivo è il sostegno del candidato che si è opposto con forza e chiarezza all’abuso del sistema dei clan, Muhammed Khader Dahir Mogi, che è anche un forte candidato per il prossimo sindaco di Hargeisa.

Non c’è nessuna donna in Parlamento

Una delusione è che sebbene più della metà dell’elettorato siano donne, nessuna donna è stata eletta in Parlamento, nonostante i candidati forti. In questa società patriarcale, le donne votano ancora per gli uomini e non per le sorelle.

Ma sono in corso grandi cambiamenti e questo potrebbe essere corretto nelle prossime elezioni. I somali in Norvegia sono giustamente orgogliosi del loro paese d’origine, che ufficialmente nemmeno esiste ancora, e si chiedono cosa ci vorrà per essere accettati.

Le pubblicazioni dei nostri lettori sono espressioni di opinione che esprimono la posizione di chi scrive. essere visto ah Per ulteriori informazioni su come pubblicare sulle nostre pagine di discussione.

READ  Il Petroleum Fund sta acquistando una quota di un parco eolico offshore per 13,9 miliardi di NOK-24