sabato, Giugno 22, 2024

-Abbiamo più munizioni

Must read

Graziella Allesi
Graziella Allesi
"Pioniere della cultura pop impenitente. Piantagrane freelance. Guru del cibo. Fanatico dell'alcol. Giocatore. Esploratore. Pensatore."

Carsten Warholm e Leif Olaf Alnes. Foto: Frederik Varfjell/NTB

L'allenatore del Leif Olaf Alnes (67 anni) e Carsten Warholm (28 anni) si sono allenati molto sul suo lato più debole.

– Ci sono state lamentele sul fatto che apre troppo velocemente, ma penso che alla fine corra troppo lentamente, dice l'allenatore Leif-Olav Alnes in modo piuttosto divertente.

La corsa dei 400 metri a ostacoli è composta da dieci ostacoli, ciascuno lungo 91,4 cm, con una distanza di 35 metri. Da un capo all'altro 40 metri.

Warholm utilizza sempre 13 passi di corsa tra i primi nove ostacoli e scommette sul suo piede migliore (a destra), mentre la sfida è cosa fare durante l'ultimo passo quando l'acido lattico è così alto.

Sopra l'ostacolo finale ci sono diverse opzioni:

  • Continua a provare 13 passaggi e concentrati sul piede destro
  • Vai ai 14 passi e scommetti sul piede sinistro
  • Passa ai 15 passi e concentrati sul piede destro. La sfida quindi è non rimanere troppo “bloccati” nei passi e perdere velocità.

Warholm ottenne risultati contrastanti con il passaggio ai 15 passaggi:

  • Lo ha fatto quando ha stabilito il record del mondo di 45,94 quando ha vinto le Olimpiadi di Tokyo 2021.
  • Mentre era sconvolto dal fatto che lei avesse perso molto tempo durante i Bislett Games dell'anno scorso, anche se il suo tempo finale era stato ottimo (46.52).
  • Durante il finale di stagione a Eugene a settembre, Ray Benjamin lo ha raggiunto negli ultimi metri e ha dovuto conquistare un raro secondo posto con il tempo di 46.53.

– Non credo che Benjamin lo avrebbe preso se avesse fatto 14 passi per superare l'ultimo ostacolo, dice Alnes.

In vista della prossima stagione, dove le Olimpiadi di Parigi saranno il momento clou, Alennis rivela che si sono allenati molto su stili diversi.

“Abbiamo ancora misure nella borsa che non abbiamo utilizzato, quindi vedremo se funzioneranno”, dice Alnes.

Le misure si dividono in due parti:

  • Tattico: ecco come risolvere il ritmo del passo
  • Fisico: “Prendi un serbatoio di carburante più grande”

– Ovviamente il più grande potenziale di miglioramento sono gli ultimi 100 metri. Poi ci sono due cose che puoi fare, dice Allens.

Fa questa analisi:

– Karsten ha fatto 13 passi fino in fondo, ma poi ha aperto in modo abbastanza moderato, ottenendo un tempo leggermente peggiore. È possibile fare 13 passi fino all'ottava e alla nona barriera, ma da lì ci sono 14 passi. Non lo fece, perché altrimenti avrebbe dovuto usare quello che noi chiamiamo il “piede d’argento” (che è il piede sinistro).

READ  Klopp spiega perché Nunez è ora pienamente integrato nel ruolo offensivo

-Ci alleniamo molto con Silverfoot da molti anni e in realtà è molto bravo. Poi c'è qualche incertezza su quanto sarai bravo un Silverfoot quando avrai 30 anni Lattato. Non capita spesso che ti alleni.

-Ora abbiamo un repertorio più ampio su cui esercitarci.

Se Warholm metterà alla prova il “Silverfoot” quando conta di più dipende anche dalle condizioni del vento.

– Vedremo, dice Al-Nis.

Quanto spesso discuti di tattica? Molte persone potrebbero pensare che ci sia poca tattica: arrivare al traguardo il più rapidamente possibile?

– In realtà è un numero molto grande, ma devi essere molto bravo prima che diventi un fattore importante.

Warholm dice che cerca sempre di fare piccoli passi per migliorare. Crede che la cosa più importante sia la continuità.

-La quantità di formazione è stata molto elevata nel tempo. Questa continuità è una misura importante e sottovalutata: costruire su ciò che si aveva l’anno scorso, dice Warholm.

Crede di essere migliorato nel conoscere il suo corpo e di poter adattare il suo allenamento in base a come si sente quel giorno.

-Forse mi sto allenando in modo più intelligente adesso. La comunicazione sembra più intelligente. Warholm dice che il QI di Leif è chiaramente contagioso.

Alness ritiene che sia importante apportare alcune modifiche ogni volta, per vedere se funzionano davvero.

– Se si prendono troppe misure contemporaneamente, è difficile sapere se danno risposte positive o meno, dice Alnes.

More articles

Latest article