Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Abbiamo trovato storie inaspettate dietro la staccionata bianca

Dietro lo steccato di Hommelvika troviamo storie a più livelli. Villa racconta le comunità condivise del passato.

Dream House: Da bambina, Astrid J. Eigen sognava cosa avrebbe fatto con questa casa quando sarebbe stato il suo turno di subentrare. La villa svizzera, un tempo acquistata dal nonno, fa parte di un edificio storico da preservare nel centro di Homlvik.

L’orgogliosa Astrid C. Eigen si prende cura della casa che ha ereditato a Homlvika. Tra i mobili e gli infissi, ci sono molti lasciti delle generazioni precedenti.

Scelta del colore di un architetto d’interni: Astrid ha cercato un aiuto professionale quando lei e suo marito hanno dovuto ristrutturare una vecchia villa svizzera alla fine degli anni ’90, e da allora è rimasta fedele a questi colori.

Nuova stufa: quando Astrid era piccola, sparavano Coca Cola in questa casa. Quando lei e suo marito hanno rilevato la proprietà, hanno scelto di installare una stufa in maiolica.

Sala da pranzo: Il soggiorno era originariamente diviso in due parti, con una sala da pranzo e un soggiorno di lusso. Il tramezzo si è avvicinato alla stufa. Nonostante Astrid ami arredare con mobili antichi, non si è resa conto della grande necessità di un salotto raffinato, e ha unito le due stanze.

Dal frutteto: Con un portello del seminterrato dei vecchi tempi e una casa dei fan dell’era moderna, la casa sembra avere un piede nel passato e uno nel presente. Non nascondere Astrid J. Ricorda che sia il giardino che la casa erano il paradiso in terra quando era bambina.

Alloggiamento del ventilatore: cosa fare per evitare che dispositivi moderni come le pompe ad aria calda ingombrano una facciata storica? Qui, i fan hanno le loro piccole interfacce.

Esterno: C’è poco spazio sul muro in una casa con molte porte e finestre, ed era ancora più piccolo quando lo spazio del guardaroba sotto le scale doveva essere sacrificato per fare spazio al bagno. Su una corda nel corridoio, Astrid tende ad appendere carte e piccoli quadri, ma l’opera d’arte degna di nota di Bliken ha trovato posto nelle scale.

Orgoglio di famiglia: una scheda di lettura dell’e-work di Malvik si trova nel soggiorno come piccolo ricordo del nonno di Astrid, che è stato colui che ha iniziato l’e-work qui. Notare il profilo insolito del pannello.

Nonnina: rocchetti di spago e un orologio da polso in una piccola urna in soggiorno.

Eredità: sullo scaffale che corre lungo la parte superiore del pannello del torace ci sono alcune statue della nonna di Astrid. Durante la ristrutturazione degli anni ’90 sono stati conservati alcuni vecchi rotoli decorativi. Si unì a loro con versioni appositamente scolpite.

Non a caso: in casa non ci sono quasi armadietti, quindi il porta-armadio autoportante è la soluzione preferita. Non è un caso che gli appendiabiti si trovino qui, sono tutti antichi e alcuni sono imparentati con la famiglia Astrid di Sunmore.

L’unione con la Svezia è stata nuovamente sciolta quando il commerciante di legname Andreas Hansen ha costruito una casa a Holmvik. Dieci anni dopo, suo figlio di origine svedese, Halfdan Julius, lasciò a lui il compito di vedere se poteva costruire una casa più bella di quella di suo padre su una parte del terreno. I fratelli Hanssens Trolust fecero in modo che la famiglia potesse vivere in modo molto diverso dai lavoratori del villaggio e che la casa, costruita nel 1916, si adattasse alla realtà con servi e rappresentanza.

READ  Ufficio domestico moderno | Lettere di notizie