domenica, Giugno 16, 2024

Adesso “devono” arrestare Putin

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Questa mossa ha scatenato un’intensa rabbia negli ambienti del Cremlino e di Putin. Tuttavia, l’Armenia è entrata ufficialmente a far parte della Corte penale internazionale il 1° febbraio.

L’ex repubblica sovietica intrattiene ufficialmente stretti rapporti con la Russia, sulla quale ha fatto affidamento militarmente dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica.

Il motivo per cui questa mossa ha suscitato indignazione è che il Paese ora si impegna ufficialmente ad arrestare Vladimir Putin in linea con il mandato d'arresto della CPI se si recherà nel Paese.

La corsa alla “presa del potere”: – Il rapimento di Putin


È difficile uscire

Venerdì il primo ministro Nikol Pashinyan ha fortemente criticato Vladimir Putin in un'intervista a Reuters. Non è la prima volta.

L’Armenia non può più fidarsi della Russia come suo partner militare più importante, perché Mosca ci ha deluso più e più volte. Basginjan ha detto a Reuters che dovremmo pensare a stabilire relazioni più strette con gli Stati Uniti e la Francia.

Allo stesso tempo, ha anche messo in dubbio l'adesione dell'Armenia all'Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, una cooperazione militare tra la Russia e alcune ex repubbliche sovietiche.

Il Paese ha più volte parlato pubblicamente del ritiro dall'accordo, chiamato anche “NATO di Putin”.

-Non posso più nascondermi

-Non posso più nascondermi


attacco

Il primo ministro Pashinyan è stato ripetutamente duramente attaccato dai principali propagandisti di Putin, come la direttrice di Russia Today Margarita Simonjan.

Simonjan, che è di origine armena, ha definito Baginjan un “traditore”. Nel 2022, ha affermato che le era stato rifiutato l'ingresso nel paese.

Le relazioni tra Russia e Armenia si sono raffreddate negli ultimi mesi. Il motivo è il conflitto tra Armenia e Azerbaigian sulla regione del Nagorno-Karabakh.

READ  Un ex dipendente della Presidenza del Consiglio dei Ministri è stato condannato a 10 mesi di reclusione

Dopo un attentato fulmineo alla fine di settembre 2023, l’intera popolazione armena del Nagorno-Karabakh, riconosciuta a livello internazionale come parte dell’Azerbaigian, è fuggita in Armenia.

Quotidiano in Armenia: Mercoledì il Parlamento armeno ha approvato una legge che teoricamente impone al Paese di arrestare Putin in linea con il mandato di arresto emesso contro di lui. Reporter: Ivar Benjamin Ostebo. Video: Hans Arne Vidlog/Dagbladet
Mostra di più

Tutta colpa della Russia

Le autorità del paese accusano la Russia, che dispone di forze di pace nella regione dal 2020, di non aver assicurato il cessate il fuoco che essa stessa aveva negoziato.

Successivamente, il Paese ha cercato una più stretta cooperazione con l’Occidente e, nell’ottobre 2023, ha concluso un accordo sugli armamenti con la Francia.

Tuttavia, lo Statuto di Roma, la legislazione che obbliga l’Armenia ad arrestare Putin in linea con il mandato d’arresto della CPI, è qualcosa a cui l’Armenia ha aderito per ragioni completamente diverse.

Ad ovest: Martedì il presidente russo Vladimir Putin ha avuto un incontro con gli alti funzionari della difesa del suo paese. Durante l'incontro, il presidente ha elogiato le sue forze per aver respinto il tanto discusso contrattacco ucraino. Reporter: Jostein Sletten/Dagbladet
Mostra di più

Il desiderio è portare il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev davanti alla Corte dei diritti umani. L'Armenia lo accusa di aver commesso crimini di guerra contro gli armeni.

Il paese del Caucaso è uno dei pochi paesi che Vladimir Putin ha effettivamente visitato in seguito alla guerra d’invasione in Ucraina.

- Ci ha lasciato in un dilemma

– Ci ha lasciato in un dilemma


non succederà

Nel mese di ottobre, il quotidiano Dagbladet ha intervistato Hovsep Khorsgodjan, uno dei più importanti analisti politici armeni. La sua idea era convincere il primo ministro del paese a firmare lo Statuto di Roma.

Quando Dagbladet gli ha chiesto se pensava che l’Armenia avrebbe effettivamente arrestato Vladimir Putin, ha sorriso e scosso la testa.

– ovviamente no.

Allo stesso modo, la decisione ha suscitato dure reazioni da parte del Cremlino.

More articles

Latest article