Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Aiuta a rimuovere la libertà di espressione – VG

Per più di due decenni, a Hong Kong è stata eretta una scultura che ricorda agli abitanti della città il massacro di Piazza Tiananmen. Mercoledì mattina era coperto, e ora il memoriale viene smantellato.

Inserito:

I funzionari della città hanno rimosso la statua “Support Shame”, una famosa statua presso l’Università di Hong Kong, la più antica università della città.

Nei 24 anni da quando è stato eretto, il memoriale per le vittime del massacro di Tiananmen è stato eretto in piazza Tiananmen a Pechino nel 1989. Il sito è stato riconosciuto come l’unico sul suolo cinese a commemorare il massacro.

La scultura è stata realizzata dall’artista danese Jens Galschiøt e raffigura dozzine di corpi sfigurati e volti agonizzanti.

– La scultura parla dei morti e commemorerà i morti a Pechino nel 1989. Quindi, quando la distruggi in questo modo, è come andare al cimitero e distruggere tutte le lapidi, dice l’artista BBC Newshour.

L’università ha detto in una dichiarazione giovedì sera che a nessuno è stato dato il permesso di installare l’opera d’arte nel campus.

– Così scioccato

Jessica Chiu, presidente del Comitato di Hong Kong in Norvegia, ha studiato all’Università di Hong Kong. Reagisci con forza al fatto che la statua sia stata rimossa.

– Sono rimasto molto scioccato nel vedere che la mia università sta ora aiutando a rimuovere la libertà di espressione a Hong Kong. Ha detto a VG che quello che avevamo prima, che ora è quasi inesistente.

READ  Gaza, Israele | I quattro accordi di Trump hanno creato un imbarazzante dilemma arabo
Sconvolto: la presidente della Commissione di Hong Kong in Norvegia, Jessica Chiu. Fotografato durante una manifestazione davanti all’ambasciata cinese a Oslo nel 2020.

– Le autorità rimuoveranno la storia con questo monumento. Qiu dice che la storia di Tienanmen nel 1989 non sarà dimenticata da me e da altri residenti di Hong Kong.

In una dichiarazione, la Commissione di Hong Kong ha condannato lo smantellamento come tentativo di “riscrivere e falsificare la storia” e “cancellare i ricordi del massacro di Hong Kong”. Credono anche che i metodi ricordino la Rivoluzione Culturale di Mao.

Questa misura mostrerà quindi come le ex libertà di Hong Kong siano ora in caduta libera, hanno scritto.

caschi gialli

L’artista danese Galchiot aveva precedentemente affermato che avrebbe potuto portarla fuori dal paese, in cambio della concessione dell’immunità dalla nuova legge sulla sicurezza. Secondo la BBC, ora sta pensando Perseguire le autorità di Hong Kong, chiedere un risarcimento.

Artista: Jens Galschiøt fotografato davanti a un’altra opera, “Kugalskap”, nel Victoria Park di Hong Kong nel 2005.

A ottobre, l’università ha deciso per la prima volta che la statua dovesse essere rimossa per “motivi di sicurezza”. Nella tarda serata di mercoledì, le immagini del sito mostrano che la statua è stata vietata e che diversi lavoratori con l’elmetto giallo hanno preso il controllo dell’area.

Secondo Reuters, si sentono anche i rumori dei lavori di costruzione e sul posto è arrivata una gru.

sempre più duro

Da quando la scorsa estate a Hong Kong è stata approvata una nuova legge sulla sicurezza nazionale, il governo cinese ha represso ogni dissenso a Hong Kong.

READ  - Può avere un effetto infettivo - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

Le persone sono state arrestate sui giornali, è stata vietata anche la commemorazione del massacro di piazza Tiananmen, cosa che molte persone hanno Affronta la minaccia di imprigionamento per sfida.

Azione chiave: circa 500 agenti di polizia hanno preso parte a una missione contro l’Apple Daily a favore della democrazia a Hong Kong questo autunno.

Alla fine di novembre, un episodio di 16 anni della serie animata americana “The Simpsons” è stato scoperto dal servizio di streaming di Hong Kong Disney+. L’episodio contiene riferimenti e titoli alla strage e al presidente Mao.

In Cina, la carneficina è ancora un argomento tabù in pubblico.

Tra l’altro Avatar per “Tank Man” Ha cercato di cancellare la memoria delle persone, censurando le immagini del dramma di Changan Street e perseguendo coloro che cercavano di mantenere viva la memoria.

Icona: un uomo che trasportava borse della spesa si trovava di fronte ai carri armati dell’esercito cinese il 5 giugno 1989. Da allora nessuno sa chi fosse e il suo destino.

Il 4 giugno 1989, l’Esercito Popolare di Liberazione si trasferì nel centro di Pechino per liberare lo spazio davanti alla Grande Sala del Popolo. era lì Decine di migliaia di studenti hanno dimostrato Pacifica per diverse settimane contro l’oppressione e la prigionia.

I soldati hanno sparato bruscamente e la polizia ribelle ha picchiato i civili con i manganelli. Il regime ha riferito di 241 persone uccise e i manifestanti ritengono che tra le 3.000 e le 5.000 persone abbiano perso la vita.

Il servizio di streaming Disney Plus, che per la prima volta è diventato Lanciato in Norvegia lo scorso autunnoÈ stato lanciato ad Hong Kong il 16 novembre di quest’anno. Secondo Variety, il servizio è stato lanciato con 1.200 film e 16.000 episodi nel territorio.

READ  Riuniti di nuovo dopo il "Super Dealer Event"