Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Aiuto in denaro di successo in Uganda: come usano i soldi

– Compro sempre sacchi di mais, riso e fagioli, ci racconta sorridendo Costantino Biggero, 89 anni. È uno dei circa 300.000 anziani nel paese coperti dal regime di prestazioni di vecchiaia finanziato dallo stato.

Lo schema è stato gradualmente ampliato, dall’essere un progetto pilota in alcune aree ad oggi che copre l’intero paese. Ma attualmente è limitato agli anziani di età superiore agli 80 anni.

incontrato con grande sospetto

Per molti anni c’è stata una forte opposizione sia nei circoli umanitari che tra molti leader politici nei paesi in via di sviluppo contro la “distribuzione di denaro” ai poveri.

La gente sarebbe stata pigra, era un argomento comune. Un altro ha detto che volevano ubriacarsi. Un terzo ha affermato che i paesi in via di sviluppo non possono permetterselo.

Ma poi un certo numero di paesi, incluso l’America Latina, hanno iniziato a sperimentare programmi di sostegno in denaro del governo. Le autorità hanno dato denaro alle persone direttamente nelle loro mani invece di passare attraverso organizzazioni e operatori umanitari.

E i risultati di molti di questi programmi, rivolti a diverse popolazioni vulnerabili, si sono rivelati molto buoni.

Alla fine sono seguiti paesi asiatici e africani, con paesi come Brasile e Messico che hanno mostrato la strada con varie forme di sostegno monetario. In Africa, il Sudafrica è stato tra i paesi che hanno iniziato a sperimentare questi schemi di sovvenzione.

Iniziato nel 2010

In Uganda, il programma di prestazioni di vecchiaia è stato testato dal 2010. È stato prima provato in alcune aree, poi gradualmente ampliato su scala più ampia.

Recensioni per lei conclusioni chiareLa povertà estrema, l’indigenza e la fame sono state notevolmente ridotte nelle famiglie che hanno ricevuto il sostegno. Non solo gli anziani, ma anche i loro familiari hanno avuto una vita più facile.

I ricercatori riferiscono che anche lo stato e la reputazione degli anziani all’interno delle loro famiglie sono aumentati.

Gradualmente, il programma per il miglioramento delle condizioni degli anziani è stato esteso all’intero Paese. Ogni due mesi, chiunque abbia più di 80 anni riceve un pagamento, per un totale di circa 140 NOK ciascuno, pagato dallo stato dell’Uganda. Soprattutto per chi abita in campagna, è un’importante entrata aggiuntiva.

Leggi anche: I giornalisti sono stati introdotti di nascosto nel Tigray e hanno documentato le dure condizioni

Per cosa usi i soldi?

La notizia dell’assistenza è stata diffusa in Uganda e ha parlato con cinque beneficiari della previdenza sociale e le loro famiglie. Abbiamo chiesto loro perché hanno usato i soldi.

Debora Nakazebo Lui (83) vive nel distretto di Tapaleku della capitale, Kampala. È vedova da sette anni. L’uomo era un contadino.

Vive con suo figlio, che è un prete, e un nipote di otto anni. La famiglia ha un reddito dall’affitto delle stanze.

– Quando la pensione è dovuta, sono sempre molto felice. Poi compro latte, zucchero e tutto il cibo che ho sempre desiderato, come la carne, dice.

– È stato Dio a mandarmi questo denaro, quindi prima che sia completamente esaurito darò anche il dieci per cento alla chiesa.

Constantino Biggero compra 50 chilogrammi di mais e riso quando arriva la pensione di vecchiaia.

Constantino Biggero compra 50 chilogrammi di mais e riso quando arriva la pensione di vecchiaia.

Costantino Biggero Acquista 50 chilogrammi di mais e riso quando arriva la pensione di vecchiaia.

Constantino Biggero (89 anni) vive nel distretto di Tipaleku, Kampala. È sposato e vive con la moglie. Sono responsabili di alcuni dei nipoti che si prendono cura di loro.

Sua moglie Serafina Nirakamzi, 78 anni, è attualmente troppo giovane per ricevere un’indennità di vecchiaia.

Due nipoti stanno facendo un buon lavoro, uno è insegnante di agraria e l’altro è medico in un’altra città.

La pensione di vecchiaia non è molto, ma ci aiuta a comprare un po’ di cibo in più. Di solito compro un sacchetto di farina di mais e un sacchetto di riso, entrambi da 50 chili. Inoltre, mi piace comprare fagioli in piccole quantità, acqua saponosa e altri articoli per la casa, dice Byigiro.

– Mi sarebbe piaciuto comprare anche un po’ di carbone con i soldi, ma probabilmente sarà consumato prima di arrivare così lontano. Poi devo fare un giro per i negozi qui per comprare il “gesso”. Quando ricevo indietro i soldi, li pago. Il nostro reddito principale proviene da un affitto di cinque stanze.

– Un grosso problema ora è che i prezzi di molte materie prime sono aumentati notevolmente. Per alcuni articoli, i prezzi sono raddoppiati e triplicati. I vicini qui ne hanno abbastanza dei loro problemi, quindi non possiamo prendere in prestito da loro. Questi sono tempi difficili.

I residenti della capitale come Josephine Abahira spendono di più per il cibo rispetto alle persone nelle zone rurali.

I residenti della capitale come Josephine Abahira spendono di più per il cibo rispetto alle persone nelle zone rurali.

Josephine Abaher (90) persone vivono nel distretto ospedaliero di Kampala. È una vedova ed ex piccola contadina.

Abahira vive in una casa con la nuora (che è malata) e tre nipoti. Il figlio (il padre dei bambini) è morto due mesi fa.

Il reddito principale proviene dall’affitto delle stanze, ma la pensione di vecchiaia è un supplemento al budget per la ristorazione.

– Per me, sono un po’ di soldi. Lo uso in una settimana — per il cibo, dice.

READ  La polizia ha fatto questa scoperta nella stanza nascosta dell'auto

Fortunatamente, mio ​​figlio ha costruito sei stanze prima di morire. Ora stiamo affittando queste stanze. È il nostro reddito principale. Quindi la pensione sarà in aggiunta al reddito che otteniamo dall’affitto delle stanze. Tuttavia, non c’è molto su cui vivere.

Quando devo pagare le tasse scolastiche, devo prendere in prestito denaro da amici e vicini. È anche costoso pagare le uniformi scolastiche, il cibo e i libri. Grazie a Dio, le cose stanno andando in qualche modo.

Rebina Nakigozi è responsabile di due nipoti.  Ha in programma di rafforzare ed espandere la casa in modo che abbiano un buon posto dove vivere fino al giorno in cui se ne sarà andata.  Kaweesa Elizmos (16) è appena tornato da Kampala dopo che suo zio si è rifiutato di pagargli più tasse scolastiche.  Suor Nakagiri Paprashivan (8 anni) frequenta ancora la scuola elementare.

Rebina Nakigozi è responsabile di due nipoti. Ha in programma di rafforzare ed espandere la casa in modo che abbiano un buon posto dove vivere fino al giorno in cui se ne sarà andata. Kaweesa Elizmos (16) è appena tornato da Kampala dopo che suo zio si è rifiutato di pagargli più tasse scolastiche. Suor Nakagiri Paprashivan (8 anni) frequenta ancora la scuola elementare.

Rabinah Nakigozi (100 anni) vive nella zona rurale di Kayonga. È vedova ed è ancora attiva come piccola contadina. Riceve aiuto in casa da sua nipote ed è responsabile di cinque nipoti.

La pensione è molto utile. Prima compravo capre, ma purtroppo l’ultima che ho comprato è stata rubata. Successivamente, abbiamo comprato un maiale per correre e dargli da mangiare, dice Nakigozi.

– Ho usato i soldi anche per comprare dei mattoni perché volevo costruire una stanza in affitto, ma purtroppo non ne è venuto fuori nulla. Invece, sto pensando di usarlo per ampliare e rafforzare la casa, in modo che i nipoti abbiano un posto migliore e più sicuro dove vivere quando un giorno me ne sarò andato.

– Tra le altre cose che ho comprato per la pensione, ci sono varie cose per la casa, ad esempio la biancheria da letto. Poi ho comprato una radio a batteria e un telefono cellulare e l’ho spedito da alcuni vicini.

– Recentemente sono stato malato. Poi ho usato il mio cellulare per chiamare un medico che è venuto qui e mi ha curato. Ho pagato 75.000 scellini (circa 200 NOK) per il trattamento.

Leggi anche: – Stavo per dare questi suggerimenti a me stesso quando ho fatto domanda per diventare un apprendista studente

Siristra Take (92) vive nella zona rurale di Kayunga. È una vedova e una piccola contadina e vive con suo figlio e la sua famiglia.

Anche il figlio di 53 anni è un contadino. Il reddito principale deriva dalla vendita di mais, fagioli e altre piante alimentari. Inoltre, vendono latte.

Cerchiamo di risparmiare questi soldi per cose più grandi che vogliamo comprare. All’inizio ho risparmiato e ho comprato una capra. Da allora, ce n’è stata un’altra – e finalmente una mucca. Possiamo ringraziare la pensione per tutto questo.

READ  Unisciti all'Olavsfest! La Chiesa Norvegese

– La mucca che hai comprato di recente ha un vitello. Sì, in effetti ce n’erano due, ma purtroppo uno è morto, proprio lì in campo. Occasionalmente possiamo vendere o scambiare il latte che otteniamo dalla mucca con altri prodotti. È un buon reddito.

– Ho anche dato dei soldi a mio figlio quando stava per risposarsi. Ha ricevuto 300.000 scellini (circa 800 NOK). Il 92enne afferma che la dote è stata ricavata dai pagamenti della previdenza sociale.

Leggi anche: Due capre, una mucca e una dote per la nuova moglie

Pensione di vecchiaia in Uganda

  • La borsa di studio per anziani è uno dei pochi programmi di sponsorizzazione del governo in Uganda. Il programma è stato istituito come progetto pilota nel 2011-2012 e poi esteso a diverse regioni nel 2016.
  • Oggi, il programma è diffuso a livello nazionale e copre quasi 300.000 anziani. (Inoltre, i dipendenti del governo hanno il proprio schema.)
  • Ogni beneficiario della previdenza sociale ha diritto a un importo equivalente a 50.000 scellini ugandesi (circa 130 NOK) ogni due mesi.
  • Per ricevere un’indennità di vecchiaia, devi avere almeno 80 anni ed essere in grado di dimostrare la tua età con una carta d’identità nazionale.
  • La pensione di vecchiaia è apprezzata da molti membri del Parlamento. Ci sono proposte per abbassare il limite di età a 70 o 75 anni e ampliare l’importo della previdenza sociale, ma è anche in corso un dibattito sulla sostenibilità finanziaria.
  • Circa il 40 per cento degli anziani ha più di 60 anni in Uganda che vivono al di sotto della soglia di povertà internazionale.
  • La ricerca mostra che la borsa di studio per anziani, nonostante importi modesti, ha un ottimo effetto nel ridurre la vulnerabilità e la povertà. (Vedi articolo separato: Gli anziani dell’Uganda chiedono: Cosa succede alla nostra sicurezza sociale?)
  • Gran Bretagna e Irlanda hanno sostenuto il piano in una fase iniziale, ma il sostegno estero è cessato nel giugno di quest’anno. È in linea con l’accordo precedentemente concluso con lo Stato ugandese. Ora spetta interamente alla stessa Uganda sostenerne i costi.
  • Negli ultimi anni la Norvegia ha mostrato un crescente interesse a sostenere i programmi di assistenza sociale, ma attualmente il sostegno è molto modesto. D’altra parte, il sostegno in denaro è uno strumento sempre più importante negli aiuti umanitari che la Norvegia sostiene attraverso le Nazioni Unite e le ONG.

Fonte: Percorsi di sviluppo/Ministero del genere, del lavoro e dello sviluppo sociale in Uganda.

L’articolo è stato pubblicato per la prima volta in Bistandsaktuelt.n.