Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Aker BP divora il business del petrolio e del gas di Lundin Energy

Dopo diverse settimane di speculazioni sull’acquisizione di Lundin, sono arrivate grandi notizie prima di KL. 15.30 Martedì: Aker BP e Lundin Energy hanno stipulato un accordo per l’acquisto delle attività petrolifere e del gas di Lundin Energy in Norvegia.

L’accordo valuta le operazioni di petrolio e gas di Lundin Energy a 125 miliardi di NOK.

– Nel 2016, abbiamo avviato Aker BP con BP quando abbiamo fuso BP Norvegia e Det norske. Abbiamo sempre visto Lundin Energy come un partner e un operatore altamente capace della piattaforma continentale norvegese con asset globali, con una quota del 20% nel campo di Johan Sverdrup. Già quando abbiamo avviato Aker BP, l’acquisizione di Lundin Energy era una visione comune tra BP e Aker. Oggi quella visione è diventata realtà, afferma in una lettera il top di Aker Øyvind Eriksen.

È stato Lundin a fondare il campo altamente redditizio di Johan Sverdrup nel 2010.

La quota di Aker BP è aumentata in modo significativo dopo l’acquisizione. Il titolo è aumentato di oltre il 4% quando le negoziazioni sono iniziate dopo un breakout e ha continuato a salire. Anche la quota di Aker è aumentata di circa il 4%.

La fusione sarebbe di gran lunga il secondo attore più grande sulla piattaforma continentale norvegese dopo Equinor, con una produzione combinata di petrolio e gas di 400.000 barili di petrolio equivalente al giorno e una base di risorse stimata di 2,7 miliardi di barili di petrolio equivalente.

“L’espansione di Aker BP sarà l’operatore di sei grandi centri di produzione e sarà anche il secondo proprietario del gigantesco giacimento di Johan Sverdrup”, scrive Aker BP nell’annuncio.

READ  John Frederiksen, esattore | Diminuzione del valore nella società di proprietà di Frederiksen

Aker possiede il 21,2 percento

– Stiamo cogliendo un’opportunità che farà la differenza sia per Aker che per la Norvegia nei prossimi decenni. La collaborazione con BP è stata fantastica sin dal primo giorno. I nostri interessi strategici condivisi ci hanno anche offerto l’opportunità di espandere la nostra forte relazione in nuove aree, tra cui la digitalizzazione, l’energia eolica offshore e il servizio petrolifero. Ora diamo il benvenuto a Lundin come azionista di Aker BP, afferma Eriksen nell’annuncio.

L’acquisizione è avvenuta appena cinque anni dopo che Kjell Inge Røkke era dietro la precedente importante fusione nel Mare del Nord, quando Det norske oljeselskap si è fusa con BP Norway e ha formato Aker BP. Dato il valore totale dell’operazione, Aker BP con le sue operazioni petrolifere e del gas di Lundin potrebbe diventare la terza società più grande della Borsa di Oslo e superare Telenor per capitalizzazione di mercato.

In una teleconferenza sull’accordo, Oyvind Eriksen ha detto che Kjell Inge Roque pensava che “non sarebbe mai successo”.

– Oggi sono felice di dire che a volte – non spesso, ma a volte – sbaglia lui stesso. Perché dopo tutti questi anni ne abbiamo avuto la possibilità, e io e Kjell Inge ci siamo dati da fare durante la notte.

A seguito dell’attuazione dell’accordo, Aker di Kjell Inge Røkke sarà il maggiore proprietario di Aker BP con una quota del 21,2%. BP deterrà il 15,9% e la società di investimento della famiglia Lundin Nemesia deterrà il 14,4% della società. Altri azionisti di Aker BP e Lundin Energy deterranno il 48,6% della società.

Analista: molto fermo

L’analista petrolifero John Olsen di ABG Sundal Collier non pensa che questo sarà il futuro posto di proprietà a lungo termine.

– Sarebbe un’ottima compagnia. Dice che è un buon modo di vendere per la famiglia Lundin.

John Olaisen è un analista presso ABG Sundal Collier.

John Olaisen è un analista presso ABG Sundal Collier. (Foto: Elaine Holland)

Ritiene che l’accordo sia positivo per la Norvegia, quando le operazioni di Lundin Energy nel Mare del Nord rimarranno nelle mani della Norvegia e osserva che anche giocatori stranieri potrebbero aver inalato Lundin.

Penso che sia un grande vantaggio essere grandi. Non c’è dubbio che ci stiamo dirigendo verso le costellazioni più grandi. Ottieni più liquidità nel titolo, un minor costo del capitale e del debito, un portafoglio più diversificato e una maggiore capacità di pagare i dividendi.

– Sono alcune delle carte che Lundin tirerà fuori, BP uscirà – e Røkke può essere sospettoso anche dopo che Aker è stato venduto un po’ di tempo fa, dice e aggiunge:

È probabile che ci sia anche una leggera reazione al fatto che ci sono limitate opportunità di crescita sullo scaffale norvegese. Se entrambi fossero stati in grado di raddoppiare organicamente la dimensione nei prossimi dieci anni, sarebbe stato qualcos’altro. È direttamente dal libro di testo. In un mercato maturo, è necessario standardizzare e raccogliere. Questo è ciò che fanno. Ci saranno raccolti e raccolti che dureranno.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.