Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Invia appelli – Considera le nuove forze dell’Europa orientale – VG

Risposte russe: Ieri il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha ricevuto a Bruxelles il primo ministro rumeno Nikolai Siuka.

La NATO ha annunciato martedì che l’alleanza vuole incontrare la Russia per colloqui, ma sta anche valutando rinforzi militari in Bulgaria e Romania.

Inserito:

Il segretario generale Jens Stoltenberg ha detto martedì che inviterà Mosca ad aderire alla piattaforma ufficiale di cooperazione, il Consiglio NATO-Russia, a breve nel nuovo anno.

L’invito è una prima risposta a due documenti che la Russia ha inviato alla NATO e agli Stati Uniti la scorsa settimana, secondo i quali il presidente Putin, tra l’altro, chiede quanto segue: Tutte le attività militari della NATO sono sospese nelle vicinanze della Russia, ovvero nei nuovi Stati membri dell’Est.

“Siamo pronti per il dialogo con la Russia, ma dovrebbe anche essere basato sulla preoccupazione della NATO per le azioni della Russia”, ha affermato Stoltenberg.

Il dialogo con la Russia dovrebbe basarsi sul rispetto dell’attuale architettura di sicurezza in Europa, sul diritto di tutti i paesi di scegliere la propria strada e sul diritto della NATO di proteggere i propri Stati membri. Non scenderemo mai a compromessi su questo, ha aggiunto Stoltenberg.

crisi più grande

Questa è la più grande crisi di sicurezza dalla Guerra Fredda e da quando la Russia ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014.

“Questa è una classica dimostrazione di forza da parte della Russia: in primo luogo, un massiccio accumulo di forze militari contro un paese su cui vuole fare pressione, quindi richiedere negoziati per costringere il paese a cambiare la sua politica”, ha detto Fries a VG .

READ  Afghanistan: - Traduttore combattente afgano: - Voglio urlare

– Perchè sta succedendo adesso?

– Questo è qualcosa che si è accumulato per un lungo periodo di tempo. I leader russi si sentono trascurati e ignorati. Ma a nessuno piace essere dettato, con la minaccia della guerra come sfondo. Non è ben accolto nei paesi occidentali.

Considera il rinforzo militare

VG è a conoscenza delle discussioni interne all’Alleanza per la Difesa, sul rafforzamento della difesa collettiva dei due paesi membri Bulgaria e Romania. Questi sono i paesi che si affacciano sul Mar Nero sul lato orientale della NATO.

Stoltenberg non ha commentato direttamente su questo. Ma ha detto che la NATO risponderà adeguatamente al rafforzamento del potere russo, al punto da minacciare la sicurezza degli Stati membri.

Una possibile escalation militare da parte della NATO sarebbe il posizionamento di battaglioni multinazionali – permanenti oa rotazione – in Bulgaria e Romania. Potrebbero esserci unità delle dimensioni di un battaglione schierate in Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia nel 2017.

Raramente viene presa una decisione in merito prima della riunione dei ministri della difesa della NATO nel febbraio 2022.

A KIEV: la settimana scorsa il vicesegretario di Stato americano Karen Donfred ha ricevuto due bozze di documenti da Mosca. Eccola a Kiev lunedì 13 dicembre, con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.

tre forme

VG ha annunciato venerdì che lo è In relazione alla richiesta di colloqui della Russia in tre formeLa Russia ha fornito consulenza in ciascuno dei paesi della NATO a tutti i 30 Stati membri, attraverso l’Organizzazione europea per la sicurezza e la cooperazione (OSCE) e direttamente tra gli Stati Uniti e la Russia.

READ  La Russia afferma che le truppe si sono ritirate dalle regioni limitrofe dell'Ucraina - VG

Lo ha confermato martedì pomeriggio il vicesegretario di Stato americano per l’Europa, Karen Donfried, in una teleconferenza con i media europei.

– Abbiamo registrato la richiesta della Russia. Siamo disponibili a discutere direttamente entrambe le proposte. Al Consiglio russo della NATO e all’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, ha affermato Donfried.

– Ha sottolineato che non ci saranno colloqui sulla sicurezza europea senza la presenza dell’Europa.

Donfried ha aggiunto che gli Stati Uniti e l’Europa stanno ora discutendo di sanzioni che danneggeranno gravemente l’economia e il sistema finanziario russi, se la Russia attraverserà ancora una volta il confine con l’Ucraina con le forze militari.

“La Russia sta diffondendo una falsa narrativa secondo cui l’Ucraina minaccia la Russia”, ha detto.

Putin: colpa dell’Occidente

Martedì il presidente Vladimir Putin ha incontrato gli alti funzionari a Mosca. Lì accusò l’Occidente di aumentare le tensioni in Europa, dicendo che l’Europa aveva erroneamente respinto la vittoria durante la Guerra Fredda.

“Dovrebbero assumersi la colpa di ciò che sta accadendo ora”, ha detto Putin.

Ha aggiunto che spera in colloqui costruttivi con Washington e Bruxelles, sulla base delle ultime richieste russe di garanzie di sicurezza che sono state consegnate alla Russia e alla NATO la scorsa settimana.

“I conflitti armati e gli spargimenti di sangue non sono certamente qualcosa che vogliamo scegliere”, ha detto Putin.

Riunione della difesa: martedì il presidente russo Vladimir Putin parla con il suo ministro della difesa, il generale Valery Gerasimov, a Mosca.

Impossibile scendere a compromessi

Il conflitto principale, come abbiamo visto da Mosca, afferma Karsten Friss della NUPI, è la decisione del 2008 nella NATO che Ucraina e Georgia potrebbero un giorno diventare membri dell’alleanza di difesa.

READ  Ha nevicato in taverna :- - Temiamo solo una cosa

La Russia vuole tornare al sistema di sicurezza europeo dove le grandi potenze hanno le loro sfere di influenza come decidono. Ma non è rilevante per i paesi della NATO, che fa riferimento al diritto internazionale ei paesi di libertà devono scegliere la loro politica estera. Aggiunge che questo disaccordo richiede una rinuncia, se non impossibile.

Riunione dei ministri degli Esteri

Martedì mattina, il ministro degli Esteri Anneken Heuitfeldt (Laburista) ha partecipato a una riunione digitale dei ministri degli esteri nordici. In una dichiarazione, hanno espresso preoccupazione per le attività della Russia in Ucraina e la concentrazione di forze vicino ai confini del paese, nonché per il loro impatto sulla situazione generale della sicurezza.

I paesi nordici hanno dichiarato di seguire da vicino la situazione e di dare il loro pieno sostegno all’integrità territoriale e alla sovranità dell’Ucraina.