Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Almeno 38 persone sono state uccise in una sparatoria di massa in Thailandia – NRK Oryx – Notizie e documentari esteri

In precedenza era stato riferito che 24 bambini erano morti e 12 persone erano rimaste ferite. Gli ospedali della zona chiedono donatori di sangue per aiutare i feriti.

Un uomo armato di fucile, pistola e coltello ha fatto irruzione in un asilo a Nongbua Lamphu, nel nord del Paese.

La polizia dice che l’autore è un ex agente di polizia che ha perso il lavoro dopo un test antidroga l’anno scorso. L’uomo è comparso oggi in tribunale a causa del suo uso di droghe.

I soccorritori stanno attorno a quello che dovrebbe essere il corpo dell’autore del reato.

Foto: ATHIT PERAWONGMETHA/Reuters

Si dice che si sia arrabbiato quando è arrivato all’asilo e non ha trovato suo figlio lì. Il portavoce della polizia Paysan Luisumbon ha detto al canale televisivo ThaiPBS.

Il capo della polizia del paese, Damrongsak Kittiprapat, ha descritto la sequenza degli eventi alla stampa giovedì pomeriggio.

Alcuni dipendenti stavano pranzando fuori dall’asilo. L’autore ha fermato la sua auto e ha sparato e ucciso i quattro.

Dice che la persona ha poi preso a calci la porta e ha iniziato ad attaccare i bambini con un coltello.

La sparatoria è avvenuta nei pressi di un asilo nido a Nongbua Lamphu, nel nord del Paese.

Damrongsak dice all’AFP che la pistola che è stata usata è stata acquistata legalmente e quindi non era un’arma della polizia.

Deve essersi sparato

È stato affermato che l’autore è scappato e ha guidato a casa, secondo la polizia.

Lungo la strada, secondo quanto riferito, ha continuato a sparare e correre contro diverse persone. Bawena Purishan ha detto all’AFP di averlo visto in un incidente mentre andava al lavoro sulla sua moto.

Si è scontrato con una motocicletta e due persone sono rimaste ferite. Ha detto che, secondo l’agenzia, ha preso velocità per scappare.

– C’era sangue dappertutto.

fucilazione di massa in Thailandia

L’ingresso dell’asilo nel villaggio di Uthai Sawan.

Foto: ATHIT PERAWONGMETHA/Reuters

L’autore avrebbe ucciso la moglie e il figlio in casa e poi si sarebbe suicidato.

Secondo l’AFP, questa è una delle sparatorie di massa più mortali di sempre in Thailandia.

Il primo ministro Prayut Chan-ocha porge le sue condoglianze ai parenti e chiede a tutto il personale disponibile di prendersi cura dei feriti.

Ha scritto su Facebook che alla polizia è stato chiesto di aprire un’indagine immediata.

La Gran Bretagna sta con la Thailandia

Il primo ministro britannico Liz Truss invia dichiarazioni di sostegno al popolo thailandese. Ho scritto su Twitter:

Sono rimasto scioccato nell’apprendere dei terribili eventi in Thailandia questa mattina. I miei pensieri sono con i parenti e gli operatori umanitari. Il Regno Unito è con la Thailandia in questo momento difficile.

Il primo ministro britannico Liz Truss risponde alla sparatoria su Twitter.

Il Regno Unito è con la Thailandia in questo momento difficile, ha scritto il primo ministro britannico Liz Truss in questo messaggio su Twitter.

Foto: screenshot

Anche il primo ministro australiano Anthony Albanese ha inviato le sue condoglianze a nome dell’Australia su Twitter.

READ  Leonardo DiCaprio e Camila Moroni si separano - VG