Almeno 40 morti nell’attacco israeliano a Rafah: “Un massacro orribile”

0
2
Almeno 40 morti nell’attacco israeliano a Rafah: “Un massacro orribile”

L’attacco israeliano ha colpito una tenda per sfollati, secondo i medici palestinesi. La Norvegia condanna l’attacco.

Oggi, domenica, aerei d’occupazione israeliani hanno bombardato una tenda per sfollati nella città di Rafah, a sud della Striscia di Gaza. Il bilancio delle vittime è ora salito a 40, secondo le autorità controllate da Hamas e i servizi di emergenza.

Domenica l’esercito israeliano ha affermato che il raid ha colpito una struttura “con attività di Hamas” e che era contro obiettivi legittimi. Legge internazionale.Legge internazionale.Queste sono le leggi internazionali di guerra. Tra le altre cose, stabiliscono che gli attacchi contro i civili non sono consentiti. Questo sarebbe un crimine di guerra.

Lunedì il procuratore militare israeliano ha descritto l’attacco come estremamente pericoloso. L’indagine è iniziata.

– Il Maggiore Generale Yifat Tomer Yerushalmi ha detto lunedì che l’IDF si rammarica di ogni danno causato ai non combattenti durante la guerra.

Il ministro degli Esteri Espen Barth Eide (AFP) ha affermato che spetta al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite rispondere.

– Anche in guerra ci sono delle regole, aggiunge Eddie VG.

– Ora la Corte internazionale ha affermato che l’ingresso di Israele a Rafah costituisce una violazione del diritto internazionale. Ora lo hanno fatto e si tratta quindi di una violazione del diritto internazionale, sostiene il ministro degli Esteri.

Secondo la Reuters, questa ragazza è rimasta ferita nell'attacco israeliano.

Scene brutali

Domenica il raid ha colpito la zona di Tal al-Sultan, a ovest della città di Rafah, nella Striscia di Gaza. La difesa civile di Gaza, controllata da Hamas, ha affermato che almeno 65 persone sono rimaste ferite. Hamas afferma che la maggior parte dei morti e dei feriti sono bambini e donne.

READ  Israele può rispondere con attacchi elettronici e missilistici

Una dichiarazione delle autorità ha descritto l’attacco come un “orribile massacro”.

Le immagini della scena mostrano una distruzione diffusa. I video mostrano i corpi smembrati e bruciati di adulti e bambini. Le immagini sono troppo forti perché l’Aftenposten possa riprodurle.

Testimoni oculari dicono che le persone sono state bruciate vive.

Un portavoce della Mezzaluna Rossa palestinese ha detto che il bilancio delle vittime è destinato ad aumentare. La Reuters ha inoltre riferito che diversi sopravvissuti hanno riportato ustioni a causa dell’incendio scoppiato dopo l’attacco.

Gli equipaggi delle ambulanze affiliati alla Mezzaluna Rossa palestinese stanno lavorando per trasportare un gran numero di morti e feriti dopo che l’occupante ha attaccato le tende degli sfollati vicino al quartier generale delle Nazioni Unite a nord-ovest di Rafah, ha detto l’organizzazione in un messaggio sul sito X.

La maggior parte degli ospedali nella Striscia di Gaza sono distrutti o fuori servizio. Non dispongono delle attrezzature e delle capacità necessarie per curare le persone con gravi ustioni.

Medici Senza Frontiere ha riferito che “dozzine” di feriti e 15 morti sono stati trasferiti in una clinica da campo che stanno aiutando a gestire.

Siamo inorriditi da questo incidente mortale, che dimostra ancora una volta che nessun luogo è sicuro. L’organizzazione si aspetta che continueremo a chiedere un cessate il fuoco immediato e sostenibile a Gaza x/twitter.

Un tribunale delle Nazioni Unite ha ordinato di fermare l’attacco a Rafah

L’attacco arriva due giorni dopo che la Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite ha ordinato a Israele di fermare immediatamente l’offensiva militare a Rafah, di aprire il valico di frontiera agli aiuti di emergenza e di consentire agli investigatori l’accesso all’area.

READ  Legge sull'aborto, Camilla Lorentzen | Le star norvegesi di TikTok aprono la casa degli americani che vogliono abortire. flusso di feedback

Israele non ha rispettato queste norme e da allora ha effettuato diversi attacchi contro obiettivi nella città situata nell’estremo sud della Striscia di Gaza.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant è tra i leader che il procuratore della CPI vuole arrestare, sospettato di crimini di guerra.

Domenica il governo israeliano ha affermato che la corte delle Nazioni Unite non ha chiesto la cessazione completa degli attacchi contro Rafah.

– Secondo il diritto internazionale, abbiamo il diritto di difenderci, ed è chiaro che la corte non ci impedisce di difenderci, dice Hanegbi in un’intervista alla televisione israeliana.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha visitato personalmente domenica la città di Rafah, dove è stato informato dell'”approfondimento” dell’operazione militare israeliana.

Lo stesso giorno, Hamas ha lanciato razzi su Tel Aviv per la prima volta dopo diversi mesi, molti dei quali si dice siano stati lanciati da Rafah.

Da ottobre sono state uccise quasi 36.000 persone

Domenica mattina, le autorità sanitarie di Hamas hanno annunciato che 81 persone sono state uccise e altre 223 ferite negli attacchi israeliani contro la Striscia di Gaza nelle ultime 24 ore.

Da allora, circa 36.000 persone sono state uccise negli attacchi israeliani sulla Striscia di Gaza L’attacco di Hamas contro Israele risale al 7 ottobre dello scorso annoSecondo le stesse fonti.

Un uomo trasporta il corpo di un bambino ucciso in un attacco israeliano nel centro della Striscia di Gaza il 19 maggio.

Si dice che gran parte dei morti siano donne e bambini. I morti che si trovano ancora sotto gli edifici crollati si aggiungono a quelli di cui è stata confermata la morte. Secondo alcune stime potrebbero essere almeno 10.000.

READ  Inghilterra: - La madre di suo figlio ha mancato: - Mamma, torna a casa

Secondo le autorità sanitarie, il numero di persone infette confermate ha superato le 80.000.

L’Aftenposten non può verificare in modo indipendente il numero dei morti e dei feriti, e Hamas non fa distinzione tra civili e combattenti. Le Nazioni Unite hanno indicato che i numeri forniti dalle autorità sanitarie palestinesi nelle guerre precedenti hanno successivamente dimostrato la loro credibilità.

I 2,3 milioni di abitanti di Gaza vivono in un’area grande quanto Meosa. Le frontiere sono chiuse e i cittadini non hanno nessun posto dove fuggire. C’è carenza di cibo, attrezzature mediche e altri aiuti di emergenza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here