Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ampio calo a Wall Street dopo numeri di inflazione superiori alle attese – S&P 500 settembre più pesante dal 2008

Secondo Bloomberg, il PCE statunitense, spesso indicato come la misura preferita della Federal Reserve dell’inflazione dei prezzi, è aumentato del 6,2% su base annua ad agosto. In anticipo, si prevedeva un aumento del 6,0%.

Le spese principali per consumi personali, che escludono beni alimentari ed energetici, sono aumentate del 4,9% su base annua ad agosto, mentre in precedenza era previsto un aumento del 4,7%.

Numeri di inflazione superiori alle attese in anticipo hanno avuto l’effetto di trascinare al ribasso i mercati azionari negli ultimi mesi. Questo è stato anche il caso venerdì, anche se le azioni sono state puntate al rialzo per alcune ore.

Al termine della borsa, la conclusione è stata la seguente:

  • L’ampio indice S&P 500 è sceso dell’1,5%.
  • Il Dow Jones Industrial Average è sceso dell’1,7%.
  • L’indice azionario tecnologico Nasdaq è sceso dell’1,5%.

Per settembre nel suo insieme, gli stessi indicatori si sono sviluppati come segue:

  • L’S&P 500 è sceso del 9,3%.
  • Il Dow Jones è sceso dell’8,8%.
  • Il Nasdaq è sceso del 10,5%.

per me Reuters Ciò significa che l’S&P 500 ha lasciato il suo mese di settembre più grande dalla crisi finanziaria del 2008. Anche l’S&P 500 ha raggiunto il livello più basso fino ad ora quest’anno. Il debole settembre arriva solo come un’estensione di quello che è stato un anno difficile per il mercato azionario statunitense.

Ad oggi, gli indicatori più centrali sono diminuiti drasticamente:

  • L’S&P 500 è sceso del 24,7%.
  • Il Dow Jones Industrial Average è sceso del 20,9%.
  • Il Nasdaq è sceso del 32,4%.

Goccia Nike pesante

Tra i titoli che si sono distinti venerdì c’era Nike, con il suo prezzo in calo del 12,8%. Il calo dei prezzi è arrivato sulla scia dell’ultimo rapporto trimestrale dell’azienda che ha rivelato i margini in contrazione per il gigante dell’abbigliamento.

READ  Norsk Hydro chiude un'importante attività di alluminio

L’azienda segnala l’aumento dei costi di trasporto e logistica, i cambi di valuta, non da ultimo i prezzi corretti al ribasso della “liquidazione dell’inventario in eccesso”, ovvero la vendita dell’intero inventario.

Nel frattempo, le entrate dell’azienda sono aumentate del 4% nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, o un 10% “indipendentemente dalla valuta”. Tuttavia, il risultato al netto delle imposte è sceso del 22% rispetto allo scorso anno, a 1,5 miliardi di dollari.

Anno morto pesante nel mercato azionario

La chiusura del mercato azionario di venerdì ha segnato la fine delle contrattazioni sia a settembre che nel terzo trimestre dell’anno e per Meta di Mark Zuckerberg questo è stato il terzo trimestre consecutivo con prezzi a due cifre.

La capitalizzazione di mercato dell’azienda era di appena 1.000 miliardi di dollari un anno fa, ma ora due terzi di tale importo è andato ora, scrive CNBC. Solo altre quattro società dell’indice S&P500 hanno un 2022 più pesante di Meta.

Per l’azienda, che registrava una solida crescita ogni anno, il 2022 ha presentato un calo del numero di utenti e un calo dei ricavi pubblicitari. Allo stesso tempo, l’investimento nel Meta-verse è costato miliardi di dollari e allo stesso tempo non ha generato alcun reddito per l’azienda.

“Non sono sicuro che ci siano altre attività principali che operano su Facebook”, ha detto alla CNBC Laura Martin, analista di Needham. Ha emesso una raccomandazione di vendita per il titolo, sebbene l’unico su 45 analisti seguiti da FactSet.

La società rimane saldamente in rosso: anche se l’utile netto della società è diminuito del 36% nell’ultimo trimestre rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, la società ha chiuso con un profitto di $ 6,7 miliardi. Venerdì il prezzo delle azioni è sceso dello 0,5%.

Crescita dei prezzi a doppia cifra nell’eurozona

All’inizio di venerdì, i nuovi dati hanno mostrato una forte crescita dei prezzi nella zona euro. L’indice dei prezzi al consumo per i paesi dell’euro è salito fino al 10 per cento su base annua a settembre. Questa è la prima volta che l’inflazione è a due cifre.

READ  Testato: Toyota Corolla Cross - ok senza cavo di ricarica?

L’indagine di settembre è la seconda lettura standard consecutiva, dopo l’una Crescita dei prezzi del 9,1 per cento ad agosto.

L’inflazione core ha toccato il 4,8 per cento a settembre e la Banca centrale europea deve ora affrontare ulteriori aumenti dei prezzi in vista del prossimo incontro sui tassi di interesse di ottobre. Sul mercato è previsto un altro aumento del tasso dello 0,75 percento, scrive Bloomberg.

In anticipo, gli economisti prevedono un’inflazione complessiva del 9,7% e un’inflazione core del 4,7%.

Il prossimo passo dovrebbe essere grande, perché siamo ancora lontani da tassi di interesse razionali con l’obiettivo di inflazione del 2%. Il membro della Banca centrale europea Martins Kazak ha dichiarato mercoledì che sosterrò un aumento di 0,75 punti percentuali.

Sulla scia di misure di inflazione record, tuttavia, diversi indici dell’Europa centrale sono saliti.

Il Frankfurt DAX, l’indice più centralizzato del mercato azionario tedesco, è salito dell’1,2% venerdì, mentre l’indice Euronext 100, che riflette la performance delle prime 100 società in Francia, Portogallo, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo, è cresciuto allo stesso modo.

In confronto, l’FTSE 100 di Londra è salito dello 0,2% venerdì.

Giovedì forti piogge

Giovedì, il mercato azionario negli Stati Uniti è sceso bruscamente, con l’ampio indice S&P 500 che è sceso di oltre il 2% al livello più basso nel 2022. Il peggio è stato per il Nasdaq, pesantemente tecnologico, che ha avuto un prezzo da pagare per parti della giornata . del quattro per cento e diminuito di quasi il tre per cento.

L’intenso tumulto degli ultimi giorni non sembra essersi fermato venerdì. Un’ora prima dell’apertura delle borse, i tre indici centrali avrebbero dovuto salire leggermente, ma quando sono diventati noti i dati sull’inflazione e con l’avvicinarsi del giorno di apertura della borsa, i timori hanno prevalso.

READ  - Timori di difficoltà nell'atterraggio - E24

Gli investitori che sono stati più attivi nell’ultima mezz’ora di pre-trading manderanno al ribasso gli indici Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq. Poi anche il trading azionario negli Stati Uniti ha aperto con un debole ma ampio calo.

Grandi balzi dei tassi di interesse

La scorsa settimana, la banca centrale statunitense ha alzato il suo tasso di interesse di riferimento di 0,75 punti percentuali per la terza volta consecutiva e una serie di dichiarazioni della Federal Reserve questa settimana hanno fatto la loro parte per rimuovere ogni dubbio sul fatto che la Fed continuerà a inasprire. L’inflazione deve rimanere alta.

Ad esempio, venerdì pomeriggio il vice governatore della Federal Reserve ha avvertito di non ritirarsi troppo presto dalla battaglia contro l’inflazione:

La politica monetaria dovrebbe essere vincolata per un periodo di tempo per garantire che l’inflazione si muova verso il basso verso l’obiettivo. Per questo motivo, ci impegniamo a evitare di ritirarci troppo presto, ha affermato Lyle Brainard in un discorso a New York, secondo la CNBC.

La stragrande maggioranza degli esperti è anche chiara sul fatto che il tasso di interesse deve aumentare ulteriormente dopo il calo per controllare l’inflazione, un mercato del lavoro teso e una forte crescita dei salari.

– L’economista capo della DNB Knut Magnussen ha dichiarato a DN la scorsa settimana che i futuri aumenti dei tassi continueranno a essere ampiamente dominati dai dati, in particolare dall’andamento dell’inflazione. (Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando link che portano direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.