Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Anna Ancher – Lo spazio interno ed esterno di Skagen al Museo d’arte di Lillehammer – Recensioni e consigli

Abiti luminosi lungo spiagge di sabbia bianca al chiaro di luna, pescatori dal muso duro con venti rigidi di Skagen che scuotono i capelli e la barba, persone felici e belle attorno a un lungo tavolo che alzano i bicchieri nelle sere d’estate: ecco come ci sentiamo Pittori di Skagen, la colonia di artisti che fiorì a Gotland negli anni 1870 e 1880.

Il Lillehammer Museum of Art ora mostra la più grande mostra del lavoro della pittrice di Skagen Anna Ancher di sempre.

caratterizzato da contrasti

Le contraddizioni caratterizzano sia la vita che l’arte di Usher. Veniva da un ambiente puramente cristiano e per tutta la vita è stata parte di una comunità missionaria interiore, allo stesso tempo è stata parte di un ambiente bohémien per artisti libero.

A colori: Anna Ancher, “Sunshine in the Blue Living Room” (1891). Ancher dà il meglio di sé quando l’umore e il colore giocano il ruolo principale.

Foto: Musei d’arte di Skagens

C’è tensione anche nella sua arte: ruota attorno a “motivi femminili” non convenzionali come interni, fiori, bambini, giardini, insomma il mondo vicino associato alla casa.

Ma il suo linguaggio modello non è tradizionale: è esplorativo, radicale e innovativo. Ispirata dal simbolismo e dal post-impressionismo, ha semplificato i motivi, giocato con la moderna pittura superficiale ed esplorato come le ombre danzanti sui muri modellassero forme pure astratte.

Se ignoriamo Christian Krogh ed Elif Petersen (i due norvegesi membri della colonia di artisti), Anna Ancher è senza dubbio la pittrice più interessante di Skagen, e l’unica che trasmette attraverso la sua arte il Modernismo.

Foto dell'installazione dal Museo d'Arte di Lillehammer

Simbolo: qui (a destra) vediamo l’immagine “Sorrow” del 1902, che mostra come Ancher esplora il simbolismo.

Foto: Veslemøy Furuseth

Foto dell'installazione dal Museo d'Arte di Lillehammer

Completo: questa è la più grande mostra del lavoro di Anna mai pubblicata.

Foto: Veslemøy Furuseth

Foto dell'installazione dal Museo d'Arte di Lillehammer

Varietà: puoi vedere circa 200 dipinti, un gran numero di disegni, lettere e quaderni di schizzi, oltre a un documentario sull’arte.

Foto: Veslemøy Furuseth / Museo d’arte di Lillehammer

autocritica

Anna Ancher era già riconosciuta quando era in vita (1859-1935), e in seguito rimase una delle pittrici più famose della Danimarca. In altre parole, non è stato affatto dimenticato, ma probabilmente non ha ancora trovato il suo posto nella storia dell’arte.

"Una sera d'estate a Skagen Sønderstrand" di P.S. Krøyer (1893).

Il modello classico: Una delle opere più famose dei cosiddetti pittori di Skagen risale al 1893 e si chiama “A Summer Evening at Skagen Sønderstrand”. È stato disegnato da PS Krøyer e una delle donne nella foto è in realtà Anna Ancher. L’altra donna è Marie Kreuer.

Foto: Skagens Kunstmuseer/Musei d’arte di Skagen

In precedenza, Ancher era considerato esclusivamente nell’ambito della colonia di Skagen: attraverso questa mostra basata sulla ricerca a Lillehammer di circa 200 dipinti, un gran numero di disegni, lettere e taccuini, nonché un documentario d’arte, sono stati presentati per la prima volta tempo come parte della modernità emergente in Europa.

Era sposata con il famoso pittore Michael Uncher, e sebbene sia affermato in tutte le fonti che erano ugualmente bene e sposati, Michael era ancora la più grande statura come artista.

L'attrice Anna Ancher.

Il grande pittore: Anna Ancher (1859-1935) ai suoi tempi era in parte all’ombra del marito artista Michael Anker, ma oggi è chiaro quale fosse il grande pittore.

Foto: Copyright Skagens Art Museums

Nella casa dell’artista a Skagen, aveva il grande studio dove le persone potevano venire a guardare ciò che dipingeva. Anna aveva solo un piccolo studio in cui a pochi erano ammessi. Era sempre insoddisfatta di ciò che realizzava e raramente desiderava rivelarsi un’artista.

Oggi, invece, è chiaro quale sia stato il grande pittore. Michael era un artista abile e coerente, che rappresentava la realtà in modo corretto, realistico e idealmente con facilità. Ma queste sono foto di Anna Ancher Favoloso interessante. Per lei, lo stimolo era solo una deviazione nello studio della pittura stessa, delle sue possibilità e dei suoi limiti.

fertile e irregolare

È fantastico camminare attraverso l’arte lussureggiante e irregolare di Anna.

Fin dall’inizio della sua carriera, ha oscillato tra qualcosa di lungimirante e un po’ retrò: in alcune delle immagini che vediamo trae ispirazione dalla pittura classica, tra cui dal maestro settecentesco Jean-Baptiste Simeon Chardin, mentre altre volte da È chiaro che fu influenzato da artisti più moderni come Paul Gauguin. Qui si sofferma sulla superficie e separa i colori dalla descrizione realistica della stanza.

Disegno dell'incontro missionario di Anna Cher

Vita Descritta: Anna Ancher, “Un incontro missionario” (1903). In alcune immagini vediamo strani rapporti di dimensione e una descrizione poco chiara della profondità.

Foto: Musei d’arte di Skagens

Sembra che di tanto in tanto non sappia davvero in quale direzione vuole andare, che si tratti di una prospettiva classica o della moderna pittura superficiale con cui vuole lavorare. Forse è per questo che alcune delle foto presentano strani rapporti di dimensioni e descrizioni vaghe della profondità.

Ma per i tempi in cui trovi l’equilibrio, specialmente quando la luce e il colore giocano un ruolo importante, emerge come una pittrice di grande talento.

Ci sono poche immagini che descrivono davvero qualcosa. Quando disegni un personaggio Cybek focalizzato e orientato all’azione, non è uno studio socialmente realistico sull’estenuante usura quotidiana.

Anna Ancher è principalmente interessata all’umore, alla luce e al colore. Il dipinto non è altro che la luce del sole che cade obliquamente sulla finestra e le strane ombre viola che le piante in vaso proiettano sul muro giallo-verde.

Mette l’arte nel contesto

Il Lillehammer Museum of Art mostra essenzialmente le stesse immagini che sono state mostrate in Danimarca, ma il curatore di Lillehammer Cecily Skidde ha voluto dare un carattere alla mostra norvegese.

Visualizzando molte versioni diverse degli stessi motivi, sottolineerai il modo unico di lavorare di Anna Ancher. Ad esempio, un’intera sezione della mostra è dedicata allo sypiken dove possiamo vedere come Ancher si è avvicinato a questa idea attraverso schizzi, pastelli, disegni e dipinti.

Anna Ancher, Cindy Fiskerbage.  Quasi.  1899. Museo d'arte Randers.

Atmosfera e luce: «Il cucito della pescatrice», ca. 1899, è uno dei tanti dipinti con temi sypiken.

Foto: LARS BAY / Randers Art Museum

disegno di una donna in soggiorno

Gioco di ombre: Anna Ancher, “Interni con cucito” (circa 1890).

Foto: Musei d’arte di Skagens

Basandosi su queste iterazioni, Skeide ha anche scelto di invitare l’artista contemporanea Hanne Borchgrevink, che lavora in modo simile con le iterazioni ed esplora il colore, lo spazio, la luce e il minimalismo nei suoi studi sulle case.

Borchgrevink è stato incaricato di dipingere le pareti dietro l’opera di Anna Ancher con temi di luce e religione in due sale. Ho dipinto una delle pareti di un blu viola brillante, mentre l’altra è diventata quasi un giallo fosforescente.

Veduta dell'installazione della galleria di Anna Ancher.

FORZA LENTA: Il muro giallo diventa uno sfondo per l’immagine della figlia di Ancher che corre verso di noi mentre la luce brillante fa risplendere le sue trecce dorate.

Foto: Veslem @y Furuseth / Veslem @y Furuseth

Foto dell'installazione dal Museo d'Arte di Lillehammer

Ripetizione: Anna ha ripubblicato ed esplorato la stessa idea più e più volte. Qui la gallery mostra come ho lavorato con l’idea del cucito femminile.

Foto: Veslemøy Furuseth / Museo d’arte di Lillehammer

Veduta dell'installazione della galleria di Anna Ancher.

Colorati da un artista norvegese: Bringing in Borchgrevink, esplorano anche il confine tra il consueto compito di dipingere un muro e creare un dipinto.

Foto: Veslemøy Furuseth / Museo d’arte di Lillehammer

Su questo grande muro giallo, un piccolo dipinto della figlia di Ancher è appeso a noi mentre una luce brillante fa risplendere le sue trecce dorate.

La pittura monocroma lucida di Porschegrivinc diventa uno sfondo, che sottolinea efficacemente sia la forza e la vitalità del progetto Ancher, ma anche l’innovazione e la modernità che caratterizzano i suoi dipinti.

« Anna pubblica Skagen’s Indoor and Outdoor Space” è una mostra interessante che penso sarà molto attraente per i professionisti così come per i team più ampi. Sarei molto sorpreso se non diventasse un grande successo di pubblico.

La regina Sonya ha inaugurato una mostra d'arte al Lillehammer Museum of Art, il 18 marzo 2021.

Celebrity Opening: la regina Sonya ha partecipato all’inaugurazione della mostra al Lillehammer Museum of Art il 18 marzo di quest’anno. Come vediamo la curatrice Cecily Skid

Foto: Geir Olsen / NTB

Si consigliano ulteriori letture:

READ  Paura di isolare le donne incinte in situazioni molto difficili