Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Anna Rasmussen viene segnalata al Child Care Service ogni due settimane

Influencer Lenya Mahery (31) Ha molta carne al fuoco negli ultimi anni ed è felice di portare follower e spettatori in un piccolo viaggio nostalgico.

Attraverso il podcast Give Me All the Details, ho portato alla luce vecchi momenti di celebrità e mi sono davvero addentrato, come suggerisce il titolo.

Ora è importante per la serie VGTV “When We Ruled the Internet” e ha portato un certo numero di blogger dal loro periodo di massimo splendore nei sontuosi dintorni di Bergen.

Con la sua carriera di blogger, Anna Rasmussen (25), Stina Bakken (28), Trane Grunge (50), Julian Nygaard (31) e Kristen Gilswijk (35), rispettivamente, conducono un viaggio indietro nel tempo dei vecchi blog.

– Cura del bambino sul collo

In vero stile “ogni volta che ci incontriamo”, ogni partecipante riceve un anello personalizzato e La prima ad uscire è stata Anna Rasmussen, che divenne noto per la prima volta con il nome del blog “Mamma til Michelle”.

Rasmussen è diventata madre quando aveva 15 anni e nei 10 anni successivi ha avuto altri tre figli.

Al di fuori: Anna Rasmussen fuma dopo un’intensa battaglia di cucina al Camp Colinaris. Video: Viaplay
Mostra di più

Ha anche condiviso gran parte della sua vita online durante lo stesso periodo e occasionalmente ha resistito a forti tempeste per esporre i suoi figli. Con questa esposizione, ha invitato con lei anche la famigerata “Madre Polizia”, ​​che ha cercato più volte di metterle dei bastoni nelle ruote.

In When We Were Controlling the Internet, Rasmussen racconta a tutti intorno al tavolo che c’è stato un periodo nel 2018 in cui un rapporto di preoccupazione è stato inviato al Child Care Service dai lettori del blog ogni due settimane.

READ  È morto il rocker dei KS Robbie Steinhardt - VG

– Ho vissuto con la babysitter al collo per molto tempo, proprio da quando ho iniziato a bloggare (…). Ho ricevuto messaggi su tutto dal fatto che mi muovo molto e mi sento molto pulito a casa, il che significa che non sto con i bambini, o che sono troppo severo con loro perché il divano bianco non ha macchie, spiega 25 anni nella serie.

– È stata investita quando sono venuti a casa mia. Sono andati a casa mia e hanno parlato con i miei figli. Ho sempre avuto il terrore che qualcuno arrivasse e pensasse che i miei figli non stavano bene con me. Ero in contatto quotidiano con il servizio di assistenza all’infanzia. Alla fine hanno capito che sarebbe andata bene. Erano solo brave persone, ma ci sono altri problemi a cui dovrebbero dedicare il loro tempo per risolverli, continua.

Sfide: Anna Rasmussen, Ole Klimtsen e Benedict Adrian sono i concorrenti del Camp Colinaris di quest’anno.
Mostra di più

Manca il tempo del fidanzato

La madre di quattro figli ha detto a Se og Hør di non avere una panoramica del numero totale di segnalazioni di ansia ricevute dal servizio di assistenza all’infanzia, ma si sono notevolmente calmate negli ultimi anni.

“In realtà non parlo con l’assistenza all’infanzia da molto tempo ormai, il che significa che non ci sono state preoccupazioni nell’ultimo anno”, ha scritto in una e-mail.

lui è andato Sei mesi fa la famiglia contava sei teste, il che significa anche una vita quotidiana molto impegnata per Rasmussen.

– Sta andando molto bene. Spiega: “Mi piace essere incredibilmente bene essere una madre di quattro figli, impegnarmi ogni giorno e sto attraversando un momento incredibilmente stressante in questo momento”.

READ  Ora "iCarly" è tornato - VG

io Ha sposato Jean Lucius (28 anni) nel 2018Dopo che il matrimonio è stato rinviato a causa dello stress estremo. Ora c’è molto da fare per Rasmussen, e ammette che le piacerebbe avere qualche ora in più durante la giornata.

Anna Rasmussen è stata intervistata sul lancio della nuova stagione di “Bloggerne” su TV2. Qui parla di chirurgia intima dopo lo stupro.
Mostra di più

– Io e Jean abbiamo poco di cui essere amanti. Potrebbe essere l’unica cosa che mi manca un po’ nella vita di tutti i giorni in questo momento, ma i bambini sono sempre al primo posto e so che ci saranno periodi più tranquilli, anche con quattro bambini, dice.

In When We Controlled the Internet, viene affrontata anche la controversa esposizione dei bambini. Rasmussen ha detto a Se og Hør che questo è qualcosa che ha cambiato idea nel tempo, sebbene si presenti ancora ai bambini sui social media.

– Ci sono molte cose che non ho condiviso oggi e che ho condiviso prima. Negli ultimi anni ho cercato di proteggere sempre di più la personalità dei bambini, concentrandomi sempre di più sui bambini insieme, piuttosto che concentrarmi tanto sui bambini da soli, uno per uno. Condivido ancora molto, ma vedo un enorme cambiamento nella misura in cui posso esporre i bambini.

Leggi anche: – Un po’ annoiato adesso