Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Appartamento alla Borsa di Oslo – Magnora si trova dopo la grande vendita – E24

L’indicatore principale rimane intorno alla linea dello zero mercoledì mattina, mentre il prezzo del petrolio sta scendendo. Allo stesso tempo, le azioni di Magnora sono diminuite dopo che l’investitore Christen Sveaas ha venduto l’intera società.

Migliorato: mercoledì Oslo Bors è scambiato in terreno positivo.

Liz Cerud

Inserito:

È stata una mattinata senza impatti significativi sull’indice principale, che è cresciuto dello 0,06 percento alle 11 di mercoledì.

Magnora si distingue tra le società più negoziate nel trading mattutino con un calo del 14,79% a 17,98 NOK.

Il calo arriva dopo che Kistefos ha venduto la sua intera partecipazione – poco meno di 5,6 milioni di azioni – nella società per 18 NOK ciascuna. Ciò corrisponde a un importo di 100 milioni di NOK e a una quota di proprietà del 9,74%, secondo l’annuncio dell’exchange.

Kistefos è una società di investimento interamente controllata da Christen Sveaas e la vendita è stata annunciata martedì pomeriggio.

L’autorità norvegese garante della concorrenza chiude un caso contro Orkla

Dopo un raid e un’indagine di Orkla, Mondelez e Norgesgruppen con l’accusa di violazione della legge sulla concorrenza, l’autorità ha deciso di chiudere il caso contro i giganti della drogheria.

Lo ha affermato in un comunicato stampa mercoledì mattina.

Nel 2019, l’Autorità norvegese per la concorrenza ha agito con l’accusa di violazione della legge relativa alle condizioni di acquisto nel mercato alimentare.

Il titolo di Orkla è sceso dello 0,32 percento al mattino.

Kalera Corporation ha annunciato ieri di avere problemi con una struttura ad Atlanta, Orlando, USA. L’azienda gestisce operazioni di fattoria verticale e ha avuto problemi con i componenti elettrici che alimentano le luci di coltivazione delle piante. Ciò ha portato a ritardi nelle consegne ai nuovi clienti, che a loro volta avranno un impatto sui guadagni a maggio, giugno e luglio, ha scritto la società in una nota.

La società afferma di non aver ricevuto disdette in conseguenza del ritardo, e di aver recentemente individuato il malfunzionamento delle componenti elettriche.

Gårsdsselskapet è sceso bruscamente dall’inizio, ma il calo è rallentato durante la mattinata. Al momento in cui scriviamo, la posta in gioco è scesa del 2,4% a 32,5 corone.

Continua a leggere E24 +

Investtech della settimana: cinque acquisti per guadagni a breve termine

Il trasporto di merci secche continua ad aumentare dopo l’acquisto delle navi

Nelle ore mattutine di mercoledì, Shelf Drilling ha annunciato di essersi assicurata un contratto di un anno per la sua piattaforma di perforazione “Tenacious”. Il contratto è stato concluso con Cabinda Gulf Oil, società interamente controllata dal colosso Chevron Corporation.

Il contratto si applica alle operazioni al largo delle coste dell’Angola e l’inizio dei lavori è previsto per gennaio 2022. Le azioni a scaffale sono aumentate nei primi scambi, ma da allora lo sviluppo si è stabilizzato. Il prezzo è ora NOK 5.21 – invariato rispetto al giorno precedente.

In caso contrario, Nordea Markets ha iniziato a coprire le azioni Kahoot con un prezzo indicativo di 91 NOK. Meglerhuset scrive che il recente calo del 50 percento del titolo ha fornito un punto di ingresso interessante, mettendo in evidenza il marchio dell’azienda a livello globale.

La quota di Kahoot inizialmente è aumentata, ma poi è scesa al 3,07 percento.

La società di carico secco Belships ha annunciato martedì mattina di aver stipulato un accordo per l’acquisto di una nave ultramax costruita nel 2015 per 22,9 milioni di dollari, equivalenti a 190 milioni di corone.

La società prevede di prestare il 60% del prezzo di acquisto. Il titolo è aumentato del 6,35 percento dopo le notizie di martedì e continua a salire oggi del 9,7 percento.

Continua a leggere E24 +

Razzo del mercato azionario chi è rimasto di più?

Prezzo del petrolio verso i vecchi livelli

Durante la mattinata, il prezzo del petrolio è sceso dopo essere aumentato in mattinata.

Al momento in cui scriviamo, un barile di petrolio del Mare del Nord (spot bruciato) viene scambiato a $ 74,08 sul mercato spot, in calo dello 0,12% dalla mezzanotte.

Questo dopo aver raggiunto $ 74,38 all’inizio di oggi, il livello più alto dalla primavera del 2019.

– Siamo ottimisti sul prezzo del petrolio, che continuerà a $75 nel terzo trimestre e potrebbe raggiungere a volte $80-85, ha detto l’analista petrolifero Bjarne Schieldrop alla SEB all’inizio di questa settimana all’E24.

Ha poi indicato tre fattori principali che potrebbero spiegare l’aumento dei prezzi del petrolio:

  • La domanda mondiale di petrolio è in calo
  • OPEC + cartello petrolifero taglia le riserve di petrolio e mantiene il mercato in deficit
  • olio di scisto sotto il radar

L’analista petrolifero di DNB Markets Helge André Martinsen sottolinea anche che i colloqui sul nucleare irrisolti tra Iran e Stati Uniti sono un fattore che contribuisce all’aumento dei prezzi del petrolio.

Anche il prezzo del petrolio leggero statunitense è diminuito, scendendo dello 0,35% a 72,2 dollari al barile.

READ  Benessere animale ed economia: il prezzo della carne deve salire