Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Astrocast al cielo durante il primo giorno di borsa aperta – E24

Il direttore finanziario Kjell Karlsen siede tre ore dopo la quotazione con un utile cartaceo di 20 milioni di NOK.

La società di nano-satelliti Astrocast ha chiaramente lasciato il segno il giorno della borsa, superando il 190 percento nel suo periodo migliore. Immagine illustrativa.

Inserito:

La società svizzera di nanosatelliti Astrocast è stata quotata in borsa mercoledì, con la sua quotazione su Euronext Growth.

Il titolo Astrocast è aumentato del 175 percento alle 11.20 e la negoziazione del titolo è stata interrotta più volte durante il giorno.

Ci sono parecchi scambi nel titolo e il prezzo ha oscillato bruscamente il primo giorno di negoziazione.

I maggiori azionisti di Astrocast prima della quotazione sono i cinque fondatori della società. Questi possiedono poco più del 20 percento delle azioni. I dipendenti e il consiglio di amministrazione dell’azienda ne possiedono circa il dieci percento. Inoltre, secondo il documento di quotazione della società, Schroder & Co Bank e Adit Ventures III hanno ciascuna più del cinque percento ciascuna.

Tra le altre cose, Adit è stato uno dei primi ad adottare Spotify e Klarna e ha anche creato liste con Palantir e Airbnb.

Continua a leggere E24 +

A proposito di Astrocast: – Parla di rimanere bloccato nel modo di elencare

Ho raccolto 100 milioni in meno del previsto

Prima della quotazione, Astrocast ha raccolto 388 milioni di NOK in un’emissione di azioni. Le azioni sono state vendute ad un prezzo corrispondente a poco più di 29 NOK, che la società ha stimato in 726 milioni di NOK.

La società ha annunciato in anticipo che avrebbe raccolto 480 milioni di NOK, ma successivamente ha ricevuto quasi 100 milioni di NOK in meno del previsto.

Al momento in cui scriviamo, coloro che si sono iscritti alla versione di pre-inserzione hanno quasi triplicato i loro sforzi.

Poco prima della quotazione, è apparso chiaro che l’investitore principale, Nexus/IES Group, non avrebbe comunque partecipato all’emissione.

Non c’è alcun segno della forza della società e del titolo, scrive il commentatore di borsa Johann D. Sundberg all’E24 appena prima della quotazione.

Preparati per il momento giusto per quattro anni

Il direttore finanziario Kjell Karlsen ha dichiarato prima della quotazione all’E24 che Astrocast si stava preparando per il momento giusto per la quotazione dal 2017.

– Già nel 2017 abbiamo ottenuto i dati del revisore dei conti come se fossimo quotati in borsa. Ora abbiamo raggiunto il livello commerciale ed è ora di essere quotati, ha detto Carlsen.

Carlsen era un tempo il direttore finanziario di Sea Launch, una società spaziale che aveva Kvaerner dalla parte della proprietà, specializzata nel lancio di satelliti da ex piattaforme petrolifere dal mare.

Secondo il documento di quotazione di Astrocast, Karlsen possiede 410.000 azioni di Astrocast. Poco prima della quotazione, era valutato intorno ai 12 milioni di NOK. Al momento in cui scriviamo, le azioni stesse sono valutate a 33 milioni di NOK, dando a Karlsen un profitto cartaceo di 21 milioni di NOK.

Quasi 50 milioni di deficit

Nel 2020, il reddito di Astrocast è di 5 milioni di NOK. In combinazione con costi di 48 milioni di NOK e alcuni ammortamenti, ciò ha comportato una perdita operativa di oltre 47 milioni di NOK.

L’utile al netto delle imposte è stato di 47,3 milioni di NOK in deficit.

Astrocast ha anche un patrimonio di 232 milioni di NOK.

Ho fatto domanda per la Norvegia ad alta intensità di capitale

Astrocast è una società svizzera, ma ha scelto di quotarsi alla Borsa di Oslo.

– Perché la Norvegia?

Abbiamo il supporto del capitale di rischio legato allo spazio in Europa. Ora, cercando di aumentare la nostra base di investitori, avremmo potuto scegliere Euronext Growth a Oslo, Belgio o Parigi. Siamo venuti a Oslo perché qui pensiamo di trovare investitori con una grande conoscenza dei settori offshore, petrolifero, del gas e dell’acquacoltura, ha detto Carlsen a E24 in precedenza.

Il denominatore comune tra queste industrie è che sono industrie ad alta intensità di capitale che richiedono investimenti in anticipo e forniscono rendimenti nel tempo, ha spiegato Carlsen all’epoca.

La Borsa di Oslo è in rialzo

La Borsa di Oslo è alle 10.30, in aumento dello 0,3% a 1154 punti.

Ieri, Borsen è salito leggermente dello 0,14% a 1.150 punti. Ciò è avvenuto dopo un mini-rendimento dell’1,4% lunedì e un calo del 2,24% la scorsa settimana.

Record negli Stati Uniti e i prezzi del petrolio sono più alti che mai

Dopo che la Borsa di Oslo ha chiuso ieri, ci sono stati bei momenti nella Borsa degli Stati Uniti. Qui, il pesante Nasdaq e l’S&P 500 hanno entrambi stabilito nuovi record dopo il rally.

D’altra parte, è più irregolare nella borsa in Asia. La borsa di Tokyo è piatta, a Hong Kong è in ribasso, a Shanghai le azioni sono in leggero rialzo.

D’altra parte, il prezzo del petrolio è aumentato di circa due dollari in più rispetto all’apertura della borsa di ieri, e un barile di petrolio del Mare del Nord è costato mezz’ora prima dell’apertura della borsa a 70,9 dollari.

Continua a leggere E24 +

Emettono milioni di tonnellate di gas serra. Ecco come dovrebbero diventare verdi.

READ  I valori netti sono aumentati a 62,2 miliardi - E24