Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La fiducia nelle cadute di Biden – VG

La fiducia nelle cadute di Biden

L’America è tornata, Joe Biden è stato dichiarato vittorioso all’inizio di questa estate. Ha promesso di riparare al danno che Donald Trump aveva fatto all’unità dell’alleanza occidentale.

Questo è un commento. Il commento riflette la posizione dell’autore

Ora è la reputazione di Biden che ha bisogno di cure urgenti. La reputazione ha subito una grave battuta d’arresto a causa dell’Afghanistan. Sembrava debole e impreparato in un’area in cui ci si aspettava che mostrasse forza ed esperienza.

Biden voleva dimostrare di avere tutta l’esperienza e le conoscenze sulla politica estera che mancano a Trump. Il calo è stato significativo.

Per la prima volta nella sua breve presidenza, meno del 50% degli americani ora pensa che stia andando bene, secondo i sondaggi medi. Nell’ora della sconfitta, pochi a Washington D.C. difendono la triste uscita di Biden dall’Afghanistan.

Joe Biden.

Critiche arrivano anche dalle capitali europee. L’Europa può fidarsi degli Stati Uniti per proteggere la propria sicurezza? Oppure l’Europa dovrebbe assumersi maggiori responsabilità e diventare meno dipendente dagli Stati Uniti? Unisciti all’Afghanistan per combattere dalla parte americana. Questo è anche un amaro addio agli alleati degli Stati Uniti.

Biden sta cercando di controllare i danni. In un’intervista con ABC la scorsa settimana, il presidente ha affermato che gli impegni degli Stati Uniti nei confronti degli alleati sono molto diversi dalle relazioni degli Stati Uniti con l’Afghanistan. Biden ha affermato che gli Stati Uniti hanno il “santo obbligo” di rispondere se qualcosa attacca un alleato della NATO:

READ  Afghanistan: - Traduttore combattente afgano: - Voglio urlare

Lo stesso vale per Giappone, Corea del Sud e Taiwan.

L’inclusione di Taiwan in questo gruppo di paesi era un pretesto? Successivamente, un portavoce dell’amministrazione Biden è stato costretto a sottolineare che gli Stati Uniti non avevano cambiato la loro politica nei confronti di Taiwan. C’è una linea chiamata “ambiguità strategica”.

Gli Stati Uniti sostengono Taiwan politicamente e militarmente, sebbene non riconoscano ufficialmente la nazione insulare. Né esiste un accordo che obblighi gli Stati Uniti a difendere Taiwan in caso di attacco militare.

Leggi anche

Il pungiglione è stato attaccato da diverse squadre

I media cinesi hanno indicato lo sbiadimento degli Stati Uniti in Afghanistan come un’indicazione che gli americani non verranno in aiuto di Taiwan in nessuna crisi. Il Partito Comunista afferma che Taiwan fa parte della Cina e che deve essere riunificata.

La Cina non solo colmerà il vuoto di potere che sorgerà quando gli Stati Uniti lasceranno l’Afghanistan. La Cina sta usando la sconfitta degli Stati Uniti per tutto ciò che si merita: le promesse dell’America ad altri paesi non sono credibili. I tentativi americani di costruire una nazione falliranno sempre.

Durante un tour nel sud-est asiatico, il vicepresidente Kamala Harris sta cercando di spegnere l’incendio. Harris rassicurerà gli alleati e i partner commerciali nella regione che gli Stati Uniti sono affidabili. E gli Stati Uniti sono dalla loro parte contro una Cina sempre più assertiva. A Singapore, Harris ha affermato che la Cina continua a intimidire e spingere, rivendicando la maggior parte del Mar Cinese Meridionale.

“Le loro azioni continuano a minare l’ordine globale e minacciano la sovranità di altre nazioni”, ha detto Harris.

READ  Michael muore di Covid-19: "avrebbe dovuto prendere quel maledetto vaccino"

Biden, come i suoi due recenti predecessori, ritiene che gli sviluppi in Asia orientale siano cruciali per il futuro degli Stati Uniti. La Cina è la più grande sfida per gli Stati Uniti nel ventunesimo secolo, economicamente, politicamente e sempre più militarmente. Il fatto che gli Stati Uniti si concentrino maggiormente sull’Oriente preoccupa da tempo gli europei. Così è la forte crescita della Cina autoritaria.

Il candidato alla cancelliera democristiana tedesca, Armin Laschet, ha descritto la finale in Afghanistan come il più grande fallimento della NATO dalla fondazione dell’alleanza. Josep Borrell, capo della politica estera dell’Unione europea, lo ha descritto come un disastro per gli afgani, i valori occidentali e la credibilità.

Ci sono stati accesi dibattiti alla Camera dei Comuni britannica. Il presidente della commissione per gli affari esteri del Parlamento, il conservatore Tom Tugendhat, ha affermato che l’esperienza in Afghanistan dovrebbe avere conseguenze sul modo in cui i britannici cooperano con gli Stati Uniti nelle future operazioni di sicurezza. Ha detto che l’interdipendenza non dovrebbe significare dipendenza eccessiva.

L’Europa dipende dalla cooperazione transatlantica e dalla garanzia di sicurezza degli Stati Uniti. L’Europa non regge da sola in termini di politica di sicurezza. Gli Stati Uniti spendono per la difesa più della spesa totale per la difesa dei prossimi undici paesi della classifica mondiale.

Leggi anche

La pressione del tempo e la minaccia terroristica

Quando Biden ha preso il comando, era troppo tardi per perdere la guerra in Afghanistan a favore degli Stati Uniti e dei suoi alleati. Gli alleati della Nato hanno firmato la risoluzione per porre fine alla missione in Afghanistan. La stragrande maggioranza degli americani voleva lasciare l’Afghanistan.

READ  La Bulgaria e cinque regioni svedesi ricevono requisiti di quarantena - VG

Molti degli avversari politici di Biden hanno chiesto lo stesso a casa. In ogni caso, non esonera Biden dalla responsabilità. Si commisero gravi errori di stima, anche nell’undicesima ora di guerra. È stato un ritiro caotico da Kabul. È successo sotto Biden.

Il piano di Biden era quello di unire le democrazie su un fronte più forte, per resistere alle pressioni sia della Russia che della Cina. Dopo l’Afghanistan, l’alleanza occidentale dovrebbe concentrarsi su ciò che unisce: difesa affidabile, sicurezza informatica, società più resilienti e lotta alla disinformazione.

Il danno non deve essere irreparabile, né alla reputazione di Biden né alla reputazione degli Stati Uniti. Ma Biden ha un grande lavoro da fare per ripristinare la fiducia.

Leggi anche

La caduta di Kabul perseguiterà Biden

Ascolta di più nel podcast Giæver og Gjengen: