Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Attacco del Congresso – Pence ha chiesto aiuto

New York (Dagbladet): Pence era responsabile di guidare la sessione del Congresso quel giorno per approvare Joe Biden come prossimo presidente degli Stati Uniti.

Trump aveva precedentemente affermato senza alcun documento che le elezioni gli erano state rubate a causa di una diffusa frode elettorale. Ha anche esercitato un’enorme pressione su Pence come se stesse cercando di invertire il risultato elettorale, anche se il vicepresidente non aveva l’autorità per farlo.

All’inizio del 6 gennaio, Pence ha chiarito che non avrebbe tentato di invertire il punteggio. Trump ha risposto nominandolo capro espiatorio mentre chiedeva ai suoi sostenitori di marciare al Congresso.

Trump Brain: Durante l’udienza di sabato nel caso della Corte Suprema, il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell ha chiarito cosa aveva in mente sull’assalto a Capitol Hill e Donald Trump.
Mostra di più

Nuovi documenti

Si è conclusa con un attacco mortale al Congresso in cui sono state uccise cinque persone. Diversi agenti di polizia sono rimasti gravemente feriti. I filmati delle telecamere a circuito chiuso mostrano il salvataggio dell’ultimo minuto di Pence e della sua famiglia mentre manifestanti arrabbiati si aggiravano per il Congresso cantando che volevano “Impiccare Mike Pence”.

Adesso ce l’ha l’agenzia di stampa AP Hanno ottenuto nuovi documenti interni dal Pentagono. Offrono uno sguardo nuovo alla cronologia in uno dei giorni più drammatici della storia della democrazia americana.

Dopo che gli agenti dei servizi segreti lo hanno portato in salvo, Mike Pence ha chiamato il segretario alla difesa di Trump, Christopher Miller. Lì, si diceva che Pence avesse cercato di ottenere il controllo.

L’edificio della conferenza è stato svuotato e Pence ha chiesto una stanza sicura, secondo l’Associated Press.

READ  Biden Heavy Lift - VG

La chiamata è arrivata alle 16.08 ora locale ed è durata solo un minuto. Qui, Pence ha dichiarato che il Congresso non era stato assicurato e ha chiesto di sentire una scadenza per la messa in sicurezza dell’edificio.

Quando è troppo è troppo: La presentatrice di Fox News Laura Ingraham è sempre stata una convinta sostenitrice e sostenitrice di Donald Trump. Qui ne hai abbastanza dell’ex. Video: Fox News. Giornalista: Elias Kar. Saturno Petersen
Mostra di più

Molti hanno chiesto aiuto

A questo punto, i ribelli stavano sfilando intorno al Congresso per due ore, cantando che volevano uccidere sia Nancy Pelosi che Pence.

Altrove al Congresso, il leader del Senato Democratico Chuck Schumer e il Presidente del Partito Democratico Nancy Pelosi hanno contattato altri leader militari con richieste simili. E hanno chiesto il dispiegamento della Guardia Nazionale.

“Abbiamo bisogno di aiuto”, ha supplicato Schumer in una conversazione più di un’ora dopo che i sostenitori di Trump avevano minacciato di entrare in Senato.

Tuttavia, ci vollero diverse ore prima che la situazione fosse sotto controllo.

La nuova cronologia mostra ancora una volta il caos e il panico che hanno prevalso durante l’attacco del Congresso.

Nel frattempo, i documenti mostrano che l’allora presidente, Donald Trump, non sembrava aver fatto nulla per controllare la situazione. Quindi, la situazione doveva essere affrontata dai leader del Pentagono, da alcuni consiglieri della Casa Bianca, dai leader del Congresso e dal vicepresidente Mike Pence.

terzo

Lo stesso Trump ha tenuto un discorso a decine di migliaia di sostenitori fuori dalla Casa Bianca alle 12 del fatidico giorno prima dell’attacco al Congresso. Là è stato chiesto loro di marciare al Congresso. Così lo hanno sentito.

READ  Nuovi dati sulla paura del vaccino di Sputnik:

Le forze di polizia, che avrebbero dovuto proteggere il Congresso, erano impantanate in violenti aggressori. In 1.49, l’allora capo della polizia, Stephen Sound, ha richiesto l’assistenza della Guardia Nazionale.

Dopo 20 minuti, i primi ribelli iniziarono ad entrare nel palazzo del Congresso, causando ingenti danni alla proprietà.

Molti politici – repubblicani e democratici – hanno implorato Trump di chiedere ai suoi sostenitori di fermare l’attacco.

Ad appena 16,17, Trump ha twittato che i suoi sostenitori dovrebbero “tornare a casa e andare in pace”.

La sicurezza del palazzo del Congresso non è stata annunciata fino alle 20:00 di quel giorno.

La prossima settimana, i rappresentanti eletti al Congresso ascolteranno le testimonianze dell’ispettore generale della polizia congressuale.

Voglio sapere perché ogni minuto è stato sprecato, afferma la senatrice democratica e leader del comitato di gestione del senato, Amy Klobuchar, secondo l’Associated Press.