Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Attenzione ai politici in camice da laboratorio!

Attenzione ai politici in camice da laboratorio!

Venerdì 1 settembre ci siamo svegliati con la notizia che una nuova ricerca sponsorizzata dal FHI, il Registro dei tumori e dall'Istituto norvegese per l'ergonomia (Bendik Brinchmann & Co) mostra un chiaro legame tra l'uso di tabacco da fiuto e il cancro. La ricerca a cui si fa riferimento è una forma di statistica applicata utilizzata da diverse discipline, ad es. Medicina, economia e psicologia.

Così mi sono seduto a leggere l’intera letteratura di ricerca in questo settore e alla fine sono giunto alla conclusione che questa ricerca era assolutamente inutile dal punto di vista scientifico. Uno ha un esempio. La probabilità di sviluppare il cancro orale è risultata leggermente inferiore per i consumatori di snus, mentre la probabilità di sviluppare il cancro del retto era leggermente più alta per i consumatori di snus. Forse ho capito male, ma lo snus non dovrebbe essere messo in bocca? Tuttavia, questa “ricerca” potrebbe rappresentare un importante punto di svolta nella lotta contro l’uso del tabacco da fiuto, poiché la maggior parte delle persone può facilmente essere indotta a credere che si tratti di scienza seria.

Il metodo di ricerca utilizzato da tutti i ricercatori dello snus è semplicemente un metodo dello snus pre-controllato. I test statistici sono progettati per testare Una teoria alla volta. Il caso gioca un ruolo centrale nelle statistiche, e quindi di solito si parla se una relazione è statisticamente significativa o meno. La convenzione nella statistica applicata è che una relazione è considerata statisticamente significativa se c'è meno del 5% di probabilità che la relazione sia nata per puro caso. Cioè, se i consumatori di tabacco da fiuto si ammalano di cancro più spesso delle persone che non usano tabacco, in modo tale che la probabilità che ciò si verifichi per puro caso sia inferiore al 5%, allora l'associazione è considerata statisticamente significativa.

READ  Illustre ricercatore presso l'Università di San Paolo che svolge varie attività presso la Facoltà di Scienze di base dell'UCM

Knut B. Henn è professore associato presso il Molde University College
immagine: per lui

Lin Wake (38) dormiva con una tabacchiera sotto il cuscino. Il modo in cui ho smesso di snus è stato definito “straordinario” da un mental coach.

Tuttavia, nella ricerca sullo snus, non è stato effettuato alcun test Una teoria alla volta. Ciò che è stato fatto è stato verificare se esistesse una relazione tra l'uso di tabacco da fiuto e 15-20 diverse forme di cancro. Inoltre, sono stati eseguiti numerosi test per ciascun tipo di cancro da diversi gruppi di ricerca. Allora non esiste più il 5% di possibilità di trovare una connessione statisticamente significativa per puro caso (falso positivo). Si sta già avvicinando alla probabilità del 100% di trovare almeno un’associazione falsa positiva tra l’uso di tabacco da fiuto e il cancro (con 60 test indipendenti che prevedono tre falsi positivi, una probabilità di almeno Uno Il tasso di falsi positivi è superiore al 95% e la probabilità di avere sei contatti falsi positivi è maggiore della probabilità di nessuno.) Se vuoi dimostrare che il tabacco umido porta al cancro, tutto ciò che devi fare è eseguire una serie di test, raccogliere tutte le associazioni di falsi positivi e presentarle come risultati effettivi della ricerca.

Non mordo, ma questo metodo può ingannare la maggior parte delle persone.

Nel 2005, il professore della Stanford University John Ioannidis ha pubblicato un articolo intitolato “Perché la maggior parte dei risultati di ricerca pubblicati sono sbagliati”, che lo ha reso rapidamente una celebrità nel mondo della ricerca. Tra le altre cose, Ioannidis discute il problema con diversi gruppi di ricerca indipendenti che eseguono così tanti test statistici in totale che i falsi positivi costituiscono la parte del leone dei risultati della ricerca. Ioannidis è un professore di epidemiologia. Pertanto, il suo nome e autore dovrebbero essere noti a tutti i ricercatori sul cancro. È quindi deludente vedere che la letteratura scientifica sull’uso del tabacco da fiuto e sul cancro non cita Ioannidis né discute le questioni da lui sollevate.

Questi fatti sono stati scritti in relazione ai miei giorni di ricerca al Molde University College.

Brinchman & Company non ha condotto personalmente nessuno di questi test. Riassumono solo i test che altri hanno eseguito negli ultimi 20 o 30 anni. Parte dello scopo di tale studio è specificamente quello di cercare di eliminare i falsi positivi verificando se diversi gruppi di ricerca con diversi set di dati trovano gli stessi collegamenti tra l’uso di tabacco da fiuto e il cancro. Brinchman e soci non menzionano nemmeno i falsi positivi nel loro articolo, né vi è alcun riferimento a Ioannidis.

Esistono diversi studi che hanno esaminato la relazione tra cancro al pancreas e uso di tabacco da fiuto. Lo studio più recente del 2017 dispone del materiale numerico più ampio, delle stime più accurate e non ha trovato alcun legame tra il cancro al pancreas e l’uso di tabacco da fiuto. Brinchman e i suoi colleghi hanno scelto invece di abbracciare uno studio vecchio di dieci anni con stime imprecise che mostravano un potenziale raddoppio del rischio di cancro al pancreas con l’uso di tabacco da fiuto.

In questo studio, 20 consumatori di snus hanno sviluppato un cancro al pancreas su un totale di 37.755 consumatori di snus. Ci sono semplicemente troppo pochi casi di cancro perché si possa ottenere qualcosa di ragionevole da uno studio. La parte peggiore è che l’ultimo studio coinvolge gli stessi lavoratori edili del primo studio, solo con un periodo di follow-up più lungo di nove anni. Lo stesso campione nove anni dopo non ha mostrato alcuna relazione tra l’uso di tabacco da fiuto e il cancro al pancreas. In altre parole, il primo studio ha mostrato un risultato falso positivo (il tempo di follow-up era troppo breve). La giustificazione di Brinchman e dell'azienda per l'adozione del primo studio è che quest'ultimo ha prodotto risultati contrastanti. Non esiste alcuna relazione tra le zone umide e il cancro, dando naturalmente risultati contrastanti. Ciò che Brinchman e la compagnia stanno effettivamente dicendo è che “enfatizziamo i risultati che ci piacciono”. Brinchman e colleghi hanno anche evidenziato il rischio di cancro alla gola/esofageo. In questo studio del 2007, 10 consumatori di snus su un totale di 40.932 avevano il cancro. Non ho trovato nessuno studio che abbia successivamente aggiornato questo. Anche questo potrebbe essere un falso positivo. Quante informazioni puoi davvero trovare da dieci casi di cancro?

Le tabacchiere saranno neutre: – una vittoria per la salute pubblica

I tre studi più potenti con il maggior numero di dati sono stati condotti da Mardiya Araghi e sono stati pubblicati nel 2017-2021. Questi spesso non mostrano alcuna relazione tra l’uso di tabacco da fiuto e il cancro. Ho già menzionato sopra l'unico studio sul cancro al pancreas. Gli altri due tipi sono legati al cancro orale e al cancro intestinale. In questo caso, la relazione tra consumo di tabacco da fiuto e cancro orale risulta andare nella direzione “sbagliata”. C'è un rischio leggermente inferiore di sviluppare il cancro orale se si usa lo snus. Tuttavia, nel retto il rischio di cancro è leggermente più elevato. Quando pensi a dove metti il ​​tabacco, anche queste sembrano essere associazioni false positive. La maggior parte delle persone probabilmente può ormai indovinare quale studio sta citando Brinchman & Company. Esatto, studia l'intestino. Infatti, sono così contenti dello studio intestinale che lo includono nella Tabella 1 del loro articolo come riferimento invece dello studio sul pancreas e dello studio orale. È molto sorprendente che qualcosa del genere non sia stato scoperto durante il processo di pubblicazione. Ci si potrebbe anche chiedere perché studi che non rientravano nella storia di Brinchman & Company siano stati erroneamente nascosti fornendo il riferimento sbagliato.

In generale, vari gruppi di ricerca hanno condotto numerosi test statistici sulla relazione tra tabacco umido e varie forme di cancro, e si prevede che emergano molte associazioni di falsi positivi. Il numero di contatti segnalati da Brinchman e dall’azienda corrisponde bene al numero di falsi positivi che ci si aspetterebbe eseguendo un numero così elevato di test.

Inoltre, non esiste alcuna spiegazione logica sul motivo per cui l’uso di tabacco da fiuto determina una diminuzione della probabilità di sviluppare il cancro orale e un aumento della probabilità di sviluppare il cancro del retto. Sfortunatamente, la ricerca sullo Snus è ostacolata anche dal fatto che i ricercatori sanno già quale dovrebbe essere la risposta. Non credo di aver mai letto letteratura di ricerca meno obiettiva. Quando non si trova alcuna relazione statistica tra l'uso di tabacco da fiuto e il cancro, si discute il problema dei falsi negativi e di quanto ci si possa avvicinare a risultati statisticamente significativi. D'altra parte, se si trovasse una relazione tra l'uso di tabacco da fiuto e il cancro, la possibilità che i risultati siano associazioni false positive non verrebbe discussa. Inoltre non è stato discusso il fatto che i risultati rientrassero appena nei limiti della significatività statistica.

Chiamiamo questo i politici in camice da laboratorio.

Vuoi scrivere sull'argomento? Invia un'e-mail a [email protected]

Vuoi scrivere un post da lettore? Invia un'e-mail a [email protected]

Qui troverete materiali di opinione sul dibattito Nordvest – il portale di opinione di Rbnett