Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Attraverso la sfida più grande – VG

Parlando alla Nazione: Christian Eriksen durante una conferenza stampa durante i Mondiali 2018 in Russia.

Christian Eriksen, 29 anni, sogna di giocare la Coppa del Mondo in Qatar entro la fine dell’anno. Stall Solbagan crede che questo dimostri che la star danese sta affrontando un grave crollo mentale dopo un attacco di cuore.

Pubblicato:

In un’intervista con DR, Eriksen ha chiarito che la sua caduta contro la Danimarca nella prima partita della finale del Campionato Europeo della Danimarca questa estate non sarà la sua ultima apparizione per la squadra nazionale.

– Il mio obiettivo è giocare la Coppa del Mondo in Qatar. Voglio suonare lì, ha detto la grande star danese nella sua prima grande intervista dopo lo spettacolo di quest’estate.

– Non parlerò a nome suo, ma ci sono diversi segni che sta affrontando la sfida più grande: passare mentalmente e fidarsi del suo corpo. Ha dimostrato di saper giocare a calcio. Quindi questo è un bene, dice Stall Solbagen.

Piacere per Erickson: Stahl Soulbachen.

Anche l’allenatore della nazionale norvegese ha avuto un infarto nel 2001 mentre si allenava con l’FC Copenhagen. Ha concluso la sua carriera da giocatore dopo questo incidente. Altri giocatori di spicco come Fabrice Mumba (che è crollato nella partita con il Bolton) e Carl-Eric Dorp (che ha avuto un attacco di cuore durante la partita con il Bran) hanno fatto lo stesso.

Daly Blind (31), giocatore della nazionale maggiore dell’Ajax, gioca con un pacemaker dopo aver sofferto di miocardite. Anche Christian Eriksen, che ora è fuori dal club, vuole continuare a giocare ai massimi livelli.

READ  Carlos Marin: la star di Divo è morta nel

– Se dico che voglio tornare a giocare a calcio, penso che non mi fermerò. Ho ricevuto la “luce gialla”. Ma sentivo di avere ancora qualche anno per finire la mia carriera e ho pensato che sarebbe stato facile per tutti smettere. Se avessi 25 anni e solo penso che avrei giocato. Ma non è possibile confrontare queste scene. Devi avere una diagnosi e conoscere il contenuto di base, e non l’ho fatto con Ericsson, dice Solbagan.

Lo sposò all’età di 33 anni e padre di due figli quando ebbe un attacco di cuore. Solbagen non ha mai chiesto ai medici quanto fosse sicuro continuare la sua carriera sportiva.

– Non ci sono arrivato. Il manager della nazionale norvegese dice che ho appena preso la decisione.

Dove Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto. Poco prima di Natale è stato esonerato dal contratto con l’Inter perché giocare con il defibrillatore montato è contro le migliori regole del calcio italiano.

Senza Eriksen agli Europei, la Danimarca ha perso le prime due partite, ma è passata alle semifinali contro l’Inghilterra a Wembley. Da allora, si sono qualificati per la Coppa del Mondo in Qatar nel migliore stile e sono la nona migliore squadra al mondo secondo la classifica FIFA.

Ma Solbagan crede che non sarà difficile dal punto di vista professionale riportare la stella nella squadra del manager della squadra nazionale Caspar Hjulmond.

– No, non se arriva dove si trova. Conosco Caspar Hjulmond e il modo in cui vuole giocare. Sono sicuro che lo vedrà come un regalo, ha sorriso l’ex allenatore dell’FC Copenhagen.

READ  Funzionari italiani affermano che la variante COVID-19 esiste tra gli scolari e stimola una crescita "forte"

L’ultimo documentario sulla nazionale danese è disponibile anche dall’emittente statale danese DR, Molti attori chiave hanno espresso a parole la loro esperienza con Ericsson di questa estate.

Il capitano Simon Gijar, che era nel bel mezzo del gioco – notando prima Ericsson in coma e poi il fratello del protagonista – si oppone con veemenza alla partita finlandese che si terrà la stessa sera.

La Danimarca ha perso 0-1 al parco dopo la ripresa del gioco.

– Voglio prendere di nuovo quella decisione. Allora devo essere stato indifferente ai risultati o alle conseguenze, dice Simon Kejar, che ammette che è ancora più difficile parlare liberamente dell’incidente dell’orrore nel documentario.

Quattro giorni dopo contro il Belgio, Kjær dice che sapeva che stava per iniziare, ma si è recato al parco senza sapere se avrebbe potuto effettivamente giocare nel torneo.

– Dubita di dove sei. Hai intenzione di giocare a calcio stasera o non dovresti giocare a calcio stasera? Ma sei entrato nel parco ed era una situazione diversa, descrive Kjær.