Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Avvisi in Italia: – Sono state vaccinate le persone sbagliate

Il primo malato di coronavirus in Italia è stato registrato il 21 febbraio 2020 in un piccolo paese vicino a Milano. Poco dopo, il paese è stato uno dei più colpiti in Europa. Il servizio sanitario italiano era sull’orlo del collasso e i pazienti Corona gravemente malati si sono riversati negli ospedali.

Con l’arrivo dell’estate, la pressione dei contagi è diminuita e il tasso di mortalità è diminuito. Poi arrivò l’autunno e gli italiani subirono di nuovo una violenta ondata di contagio. L’infezione ha il vantaggio di perdere slancio.

Sono già passati alcuni mesi da quando l’Italia ha iniziato a limitare le dosi del vaccino, ma i tassi di incoronazione nel Paese non sono stati inferiori per questo motivo.

Ci sono ancora molti morti per corona

Mercoledì, l’Italia ha registrato 627 nuovi decessi per Corona in un giorno. Giovedì, il numero ha raggiunto 487 nuovi decessi nelle ultime 24 ore.

Nell’ultima settimana nel complesso, più di 3.000 italiani sono morti a causa del coronavirus.

Se si confrontano questi numeri con la vicina Francia, anch’essa in una nuova ondata di contagi, il bilancio delle vittime settimanale è di 1.100 in meno. Questo nonostante la popolazione italiana sia inferiore di sette milioni a quella francese.

Preoccupazione tra gli esperti

Il fatto che la diffusione delle dosi di vaccino alla popolazione non abbia apparentemente influito sul bilancio delle vittime ha messo a disagio molti esperti italiani.

E per una buona ragione. per i numeri Washington Post È riuscito a raggiungere, dimostrando che solo il 2,2 per cento degli italiani di età compresa tra 70 e 79 anni è stato vaccinato finora. In tutte le altre fasce di età degli adulti, viene vaccinata una percentuale maggiore.

READ  Bubble test fino al 17 maggio:

Ora, molti mettono in discussione il sistema sanitario decentralizzato italiano e le diverse priorità dei vaccini nelle diverse regioni.

In primo luogo, le autorità hanno raccomandato di dare priorità agli anziani e al personale medico nelle liste di attesa per i vaccini.

Critiche: la strategia vaccinale dell'Italia è stata recentemente oggetto di pesanti critiche a livello nazionale.

Critiche: la strategia vaccinale dell’Italia è stata recentemente oggetto di pesanti critiche a livello nazionale. Foto: Guglielmo Mangiapane / Reuters / NTB

Nonostante ciò, molte regioni del Paese hanno scelto di aprirsi alla vaccinazione per tutti i possibili gruppi. L’anziano è caduto di nuovo con lei in coda.

Non è passato inosservato. Negli ultimi mesi i media nazionali e locali hanno pubblicato segnalazioni di chef, modelle e avvocati già vaccinati.

– È abbastanza chiaro che negli ultimi mesi non è stato gestito correttamente. Se non avessimo avuto 400 morti al giorno come ora, l’immunologo Sergio Abriniani dice al Washington Post.

Un altro motivo per cui gli anziani cadono in fondo alle liste di attesa dei vaccini è che il vaccino AstraZeneca era inizialmente raccomandato solo per le persone di età inferiore ai 55 anni. Tuttavia, quando la raccomandazione è stata revocata, la strategia non è stata modificata.

L’Italia usa ancora AstraZeneca, ma questa settimana è stato deciso che dovrebbe essere somministrato solo alle persone con più di 60 anni.

La Norvegia ha interrotto tutti gli usi del vaccino l’11 marzo, ma è prevista una valutazione durante la settimana.

Non ha spiegazioni

Un’altra cosa che fa meravigliare molti in Italia è perché sia ​​stato registrato un gruppo di 250.000 vaccinati sotto i 40 anni. Non è stato stabilito il motivo per cui hanno ricevuto il vaccino e le autorità non hanno una buona spiegazione per il motivo.

In tutte le altre fasce di età viene registrata la categoria professionale a cui appartiene la vaccinazione.

– In alcune zone i giornalisti sono stati vaccinati. In altri casi, gli avvocati sono stati vaccinati. Anche i professori universitari sono stati vaccinati in diversi luoghi, nonostante lavorassero da casa. Non riesco a vedere la logica in questo, il professore di Microbiologia e Virologia, Roberto Burioni dice alla carta.

Nastri vaccinali: nonostante gli anziani siano in testa alle statistiche per le persone più a rischio di malattia grave o morte per Corona, in Italia sono i più brevi nel percorso vaccinale.

Nastri vaccinali: nonostante gli anziani siano in testa alle statistiche per le persone più a rischio di malattia grave o morte per Corona, in Italia sono i più brevi nel percorso vaccinale. Foto: Andrea Pataro/AFP/NTB

strategia fallita

Il ricercatore Matteo Villa (37) lavora presso l’Istituto italiano di studi politici internazionali. Si ritiene che l’Italia risentirà maggiormente del fallimento della strategia sui vaccini.

È chiaro che sono state vaccinate le persone sbagliate. Ne sono anch’io un buon esempio, visto che sono già stato vaccinato, racconta Villa al quotidiano americano.

Il ricercatore afferma di aver ricevuto l’iniezione appena due settimane dopo che sua nonna di 92 anni ha ricevuto il vaccino.

Villa stima che l’Italia con un modello di priorità migliore potrebbe salvare 8.000 persone dalla morte per il coronavirus.

cambia percorso

Giovedì, il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi ha risposto all’accusa cambiando strategia.

Smetti di vaccinare le persone di età inferiore ai 60 anni. Dobbiamo smettere di vaccinare i giovani. Il Primo Ministro ha detto come si può essere in anticipo sulla lista d’attesa e mantenere la coscienza quando si sa che le persone di età superiore ai 75 anni possono morire a causa del virus.