Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Biden immette più petrolio sul mercato – E24

Dopo le ripetute richieste del gruppo Opec di produrre più petrolio, il presidente degli Stati Uniti sta prendendo in mano la situazione.

Brian Mound (SPR). Riserve petrolifere in Texas, USA, con una capacità di stoccaggio di oltre 220 milioni di barili di greggio.

Inserito:

dopo la conferma da La Casa Bianca che vuole il presidente Joe Biden Quando 50 milioni di barili di petrolio vengono immessi sul mercato da riserve strategiche di petrolio, il prezzo del petrolio sale di un dollaro in pochi minuti.

Biden ha collaborato con molti paesi, quindi la fuoriuscita di petrolio negli Stati Uniti avverrà in parallelo con altri paesi consumatori di petrolio come Cina, India, Giappone, Corea e Regno Unito.

Analista di olio di Helge Enderche è Martinsen di DNB Markets sottolinea che i 18 milioni di barili che verranno rilasciati non torneranno nei magazzini, mentre i restanti 32 milioni di barili torneranno.

Di solito, questo accade entro 90 giorni, osserva Martinsen.

Forse meno ribassista (negativo, ndr) di quanto il mercato avesse immaginato, dice della decisione e del successivo salto di prezzo.

La Casa Bianca ha scritto che stanno immettendo più petrolio sul mercato per frenare i prezzi per gli americani e ridurre la differenza tra la domanda in uscita dalla pandemia e le forniture di petrolio.

risposta OPEC

La decisione arriva dopo che l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) ha respinto le richieste degli Stati Uniti e di altri paesi consumatori di aumentare la produzione per stare al passo con l’aumento della domanda, che a sua volta porta a un aumento dei prezzi del carburante.

Martinsen ha dichiarato a DNB Markets che c’è “una piccola guerra del lavoro tra le grandi nazioni consumatrici e l’OPEC su dove sia il prezzo del petrolio durante il giorno”.

– Come reagirà l’OPEC a questo?

– Sarebbe interessante da vedere. Non sono un po’ sicuro, ma la nostra base è che l’OPEC continuerà ad aumentare la produzione di 400.000 barili al mese, hanno detto. L’analista petrolifero afferma che le scorte di petrolio commerciale nella regione dell’OCSE sono ora così basse che sarebbero così aggressive da interrompere questa strategia.

Il piano dell’OPEC è soggetto a modifiche

Il gruppo OPEC sta attualmente aderendo al suo piano di aumentare la produzione di 400.000 barili al mese.

I delegati dell’OPEC+ hanno affermato che il rilascio di milioni di barili sarebbe ingiustificato nelle attuali condizioni di mercato e che il gruppo potrebbe dover riconsiderare i suoi piani per aggiungere altro petrolio quando si riuniranno il 2 dicembre.

– L’OPEC sarà interessata alla stabilità dei suoi piani, ma è probabile che si adatti se il prezzo scende in modo significativo o superiore, afferma l’analista Tory Goldbrandso di Rystad Energy.

Durante il rilascio di riserve petrolifere strategiche, le aziende prelevano petrolio greggio dallo stoccaggio, ma sono tenute a restituire il petrolio o il prodotto raffinato più gli interessi. Gli accordi di swap sono comuni quando le compagnie petrolifere affrontano interruzioni della fornitura, come problemi alle tubazioni o danni dopo un uragano.

La vendita diretta delle riserve di petrolio è meno comune.

I presidenti degli Stati Uniti hanno consentito tre volte la vendita di emergenza di riserve strategiche di petrolio, l’ultima nel 2011 durante la guerra in Libia, un paese membro dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC). È stato anche venduto dalle riserve di petrolio durante la Guerra del Golfo del 1991 e dopo l’uragano Katrina nel 2005. scrive Reuters.

Leggi anche

Significativo calo della Borsa di Oslo

Prezzi del petrolio in calo

Venerdì, i prezzi del petrolio sono scesi bruscamente da 82 dollari al barile a 78,15 dollari al barile.

Guldbrandsøy spiega la reazione dicendo che potrebbe essere stata collegata a una nuova paura di mobilità ridotta legata all’infezione da corona in molti paesi.

– Ciò si è aggiunto all’indicazione che la Cina esaurirà le sue riserve strategiche di petrolio per la seconda volta quest’anno, ha affermato.

L’analista Tore Guldbrandsøy presso Rystad Energy.

Finora questa settimana, il petrolio del Mare del Nord non è stato in grado di riprendersi, nonostante il prezzo fosse appena sopra gli 80 dollari lunedì pomeriggio.

L’analista di Rystad non ha una risposta chiara su quando il petrolio del Mare del Nord scenderà a 80 dollari al barile e rimarrà lì, perché ci sono molti fattori in gioco.

Uno di questi rischi ha a che fare con l’arretrato della domanda e se ha rallentato a causa delle nuove chiusure legate al coronavirus, afferma, aggiungendo:

– Vediamo anche che la risposta dello shale statunitense è più lenta con prezzi del petrolio più alti rispetto a prima a causa di una maggiore disciplina del capitale tra i giocatori.

Leggi anche

Rapporto Rystad: crescita lenta del servizio petrolifero dopo l’ultimo anno

Penso che i prezzi del petrolio diminuiranno

Rystad Energy ritiene che il prezzo del petrolio diminuirà l’anno prossimo a causa dell’eccesso di capacità di produzione primaria di petrolio, e quanto manca ancora.

– Ulteriori trattative in Iran che riprenderanno la prossima settimana e le notizie da lì potranno incidere anche sul prezzo del petrolio a breve e lungo termine, afferma l’analista petrolifero.

Rystad ha scritto in un rapporto all’inizio di questa settimana che ritiene che il prezzo del petrolio nel 2023 si stabilizzerà intorno ai 50 dollari al barile. Di recente, il prezzo era di circa 80 dollari. Rystad ritiene che anche i prezzi del gas si stabilizzeranno con l’aumento delle esportazioni di gas dalla Russia e l’aumento dei livelli naturali delle scorte.

READ  Possiede più di 5000 proprietà - E24