Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Blocco in Nuova Zelanda dopo un caso di corona – VG

Chiusura: il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern, nella foto qui, durante una conferenza stampa martedì. Foto: Bianca de Marchi / August

L’intero Paese chiude per tre giorni dopo che è stato scoperto un caso di infezione nella città di Auckland. I residenti reagiscono accumulando nei negozi, nonostante le autorità abbiano esortato a non farlo.

Le autorità hanno scelto di portare l’intera Nuova Zelanda in un blocco rigido e rapido, il cosiddetto “arresto improvviso”. Lo ha annunciato il primo ministro Jacinda Ardern durante una conferenza stampa martedì.

Il motivo è un caso confermato di infezione nell’area di Auckland, dove da febbraio non si registrano contagi. Secondo il governo, temono che la variante delta prenda piede in nuovi luoghi del Paese.

Martedì Ardern ha difeso la decisione, citando l’Australia come esempio dell’importanza di agire rapidamente. Il paese vicino ne ha uno casi di onde delta L’ultima volta.

“Abbiamo visto le terribili conseguenze dell’attesa così lunga per fare acquisti, non da ultimo con i nostri vicini”, ha detto Ardern durante la conferenza stampa. Sydney Morning Herald.

Le misure implicano la chiusura di bar, ristoranti e locali notturni agli ospiti, oltre a incoraggiare i residenti a rimanere a casa.

Sia l’Australia che la Nuova Zelanda hanno imposto restrizioni alle frontiere molto rigide durante la pandemia. in Aprile Si è aperta una bolla di viaggio tra i due paesi, che ora è sospeso a causa dell’infezione in Australia. Ecco come appariva l’aeroporto di Sydney quando si aprì la bolla dei viaggi:

Accaparramento nei negozi

Secondo lo sguardo di Corona su VG, la Nuova Zelanda ha registrato 26 nuovi casi di infezione negli ultimi 14 giorni, ma dopo che l’infezione è stata scoperta ad Auckland, sono state introdotte misure rigorose.

READ  Dovrebbe essere di proprietà di Putin - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

Ad Auckland il lockdown durerà sette giorni, mentre nel resto del Paese i residenti dovrebbero essere rilasciati tre giorni dopo. Tutte le vaccinazioni sono sospese per 48 ore.

Martedì, gli abitanti di Auckland si sono riversati nei negozi e si sono formate lunghe code, nonostante le autorità abbiano detto loro di non fare scorta, scrive. Araldo della Nuova Zelanda.

Il capo della catena alimentare, Antoinette Laird, dice al giornale che non c’è nulla di cui preoccuparsi.

“Sappiamo che la notizia della chiusura è preoccupante, ma vogliamo assicurarci di avere abbastanza merce sugli scaffali”, afferma.

La Nuova Zelanda è in ritardo rispetto a molti paesi nella vaccinazione e, secondo la Johns Hopkins University, finora solo il 19% della popolazione è stata vaccinata.