venerdì, Giugno 14, 2024

Capo economista in vista della riunione sui tassi di interesse della Norges Bank: in attesa di nuovi segnali sui picchi dei tassi di interesse

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

– Sono abbastanza fiducioso che questa volta la Banca di Norvegia manterrà invariato il tasso di interesse. Si allineerà ai segnali della precedente riunione sui tassi di interesse, ha scritto il capo economista Kerry M. Knudsen di Sparebank 1 SR-Bank.

L'economista capo di Sparebank1 SR-Bank, Kerry Knudsen, non pensa che il tasso di interesse chiave cambierà giovedì.

L’economista capo di Sparebank1 SR-Bank, Kerry Knudsen, non pensa che il tasso di interesse chiave cambierà giovedì. (Foto: Thomas Alf Larsen)

Giovedì prossimo, il palcoscenico è pronto per una nuova riunione sui tassi di interesse. In anticipo, la maggioranza si aspetta che questa volta la Banca di Norvegia mantenga invariato il tasso di interesse principale.

– C’è una maggiore tensione legata al fatto che la Banca di Norvegia emetterà nuovi segnali sulle prospettive dei tassi di interesse. Alla riunione sui tassi di interesse di dicembre, hanno annunciato il prossimo aumento dei tassi a marzo. Credo che ciò accadrà, ha scritto Knudsen, perché non ci sono stati eventi o dichiarazioni inaspettati.

Kjersti Haugland, capo economista di DNB Markets, è d’accordo.

Nuovi dati prima del fine settimana hanno mostrato che l’economia norvegese è cresciuta dello 0,2% a novembre, misurata dal prodotto nazionale lordo (PNL) nella Norvegia continentale. È passato un mese e mezzo da quando novembre è stato completato. Da allora, la Banca di Norvegia ha nuovamente alzato il suo tasso di interesse principale, salendo di 0,25 punti percentuali a dicembre al 2,75%.

Kjersti Haugland di DNB ritiene che i tassi di interesse massimi potrebbero essere superiori al tre percento.

Kjersti Haugland di DNB ritiene che i tassi di interesse massimi potrebbero essere superiori al tre percento. (Foto: Michaela Berg)

Prima del fine settimana, Haugland ha detto a DN che non pensa che Norges Bank sarà sorpresa dai numeri che aumenteranno effettivamente i tassi di interesse la prossima settimana, poiché ha detto che voleva vedere l’impatto di ciò che aveva fatto e che sarebbe stato un mentre prima lo vedevi nei numeri.

– I numeri che abbiamo visto finora suggeriscono che i tassi di interesse massimi potrebbero essere superiori al tre percento, ha detto Hoagland.

Tuttavia, Knudsen ritiene che il picco qui in patria sarà raggiunto a marzo, al 3%, anziché a giugno come previsto.

L’economia norvegese ha coperto diversi mesi con una disoccupazione storicamente bassa, un’elevata partecipazione alla forza lavoro e una continua crescita dell’attività nell’industria. I dati sull’inflazione di dicembre hanno mostrato che l’aumento annuo dei prezzi a dicembre è sceso al 5,9%, rispetto al 6,5% di novembre.

Le banche centrali di tutto il mondo stanno ora aumentando i tassi di interesse per ridurre l’inflazione.

L’Europa può superare la Norvegia

Knudsen ritiene particolarmente interessante seguire gli sviluppi in Europa. La Banca centrale europea è diventata più aggressiva nel fissare i tassi di interesse.

– Hanno iniziato in ritardo con i salti dei tassi di interesse, ma questa primavera potrebbero effettivamente superare il livello dei tassi di interesse in Norvegia. Non l’abbiamo mai sperimentato prima, il tasso di interesse chiave europeo è superiore al tasso di interesse norvegese, ha scritto Knudsen.

Knudsen ha scritto che l’elevata pressione inflazionistica in Europa significa che ciò avverrà rapidamente e che la Banca centrale europea dovrà aumentare leggermente i tassi di interesse. Si ritiene che il tasso di interesse principale terminerà al 3,5% prima dell’estate.

– In una certa misura, c’è un certo rischio che i dati sull’inflazione elevata in Europa indeboliscano la corona, scrive Knudsen.

I risultati sono proprio dietro l’angolo

Mentre i macroeconomisti attendono con ansia la riunione sui tassi della Norges Bank, il direttore Christian Tonal di Alfred Berg è molto entusiasta della stagione dei risultati che è proprio dietro l’angolo.

Sarà l’ora della verità. Il timore è che la recessione economica generale influisca sugli utili societari. I numeri macro su cui ci sediamo sono spesso in ritardo, quindi è importante ascoltare ciò che le aziende hanno da dire, afferma Tonal.

Christian Tonal in Alfred Berg è molto entusiasta della stagione dei risultati.

Christian Tonal in Alfred Berg è molto entusiasta della stagione dei risultati. (Foto: Elaine Olanda)

Pesi massimi come Equinor, DNB e Yara sono tra le aziende che stanno registrando il maggior entusiasmo. Equinor e Yara riferiscono entrambi per il quarto trimestre l’8 febbraio, il giorno successivo DNB segue con il suo rapporto. Quindi otterrai una risposta su come andrà a finire il 2022 per loro.

È in qualche modo accettato che gli affari stiano andando forte. Quello che vuoi monitorare è se stanno segnalando o meno perdite crescenti. Per DNB, questo vale sia per il settore aziendale che per quello personale. Se non riporta segnali crescenti di perdite, questo è un segnale importante, perché la dice lunga sulle finanze delle persone, dice Tonal.

Per quanto riguarda la borsa del 2023, Tunal è ottimista sul settore finanziario.

– Semplicemente perché le banche sono l’unico settore che guadagna di più dall’aumento dei tassi di interesse, quindi lo sviluppo verificatosi nel 2022 è a favore delle banche, purché le perdite rimangano basse, afferma Tonal.

– farai fatica

Il capo stratega di Formue, Christian Lee, ritiene che le stime degli analisti siano ancora troppo ottimistiche.

Con la politica monetaria delle economie occidentali frenata, così come l’inflazione più bassa, molte aziende faranno fatica a sostenere la loro crescita delle vendite. Inoltre, il continuo aumento dei salari e dei costi di capitale eserciterà pressioni sui margini di profitto, afferma Lee.

Il capo stratega di Formue, Christian Lee, afferma che la stagione dei risultati ha certamente il potenziale per influenzare lo sviluppo del mercato.

Il capo stratega di Formue, Christian Lee, afferma che la stagione dei risultati ha certamente il potenziale per influenzare lo sviluppo del mercato. (Foto: Oyvind Elfsborg)

Lee afferma che non è escluso che il 2022 sarà la prima fase di un mercato più lungo.Il 2022 ci ha regalato shock sull’inflazione e sui tassi di interesse, ma l’economia sta andando relativamente bene.

– Il 2023 potrebbe portare a un calo dell’inflazione e tassi di interesse stabili, ma alla fine con economie più deboli che ridurranno i profitti e aumenteranno le insolvenze nei mercati del credito. L’inflazione rimane invece molto elevata con conseguente rialzo dei tassi di interesse di mercato. In ogni caso, possiamo avere un nuovo anno con grandi ondate sui mercati finanziari, mi dice.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri stati utilizzando collegamenti che conducono direttamente alle nostre pagine. La riproduzione o altro uso di tutto o parte del Contenuto può essere effettuato solo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.

READ  Salta nel prezzo degli articoli First Price in Kiwi - NRK Norvegia - Panoramica delle notizie da diverse parti del paese

More articles

Latest article