Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Caro Kirkol. Ora è il tuo turno.

Al ministro della Salute Kjerkol.

La carenza di infermieri è nota nel tempo, sia l’Associazione degli infermieri norvegesi che noi, gli infermieri, abbiamo cercato a lungo di trasmettere la crisi in cui ci troviamo.

Sempre più persone stanno progredendo nell’allontanarsi dalle situazioni incentrate sul paziente e non le possiamo più tollerare. Il dibattito è iniziato sul serio quando il vicedirettore della sanità Espen Rostrop Nakstad ci ha ricordato che abbiamo un forte sistema sanitario.

Tania Fatnos lascia il lavoro di infermiera Foto: Nico Sollie / TV 2

Molti di noi che hanno lavorato e lavorato in questo sistema sanitario sarebbero fondamentalmente in disaccordo con lui.

Mi sono disperato, è possibile per noi riunirci quando le nostre esperienze sono così lontane? Questa descrizione è in netto contrasto con la vita di tutti i giorni per come la conosco.

Avete sicuramente visto le tante storie che sono state condivise in questi giorni.

Storie in cui medici e infermieri ci raccontano quanto sia davvero grave questa situazione. Le storie che i nostri leader evitano, rassicurano la società che le nostre descrizioni ed esperienze non corrispondono.

Io, e molti con me, ho cercato a lungo di mantenere questa discussione interna senza successo.

Nessuno di noi vuole questo dibattito nello spazio pubblico, ma purtroppo è forzato quando non ci sentiamo ascoltati.

Quando testiamo che la sicurezza del paziente è minacciata. Quando la soluzione è sempre “dobbiamo risparmiare”, “dobbiamo tagliare”, “deve lavorare in modo più efficiente”, vengono assunti uno o due consulenti per indicare le aree che possiamo tagliare, salvare e semplificare.

Sentilo sul corpo e sull’anima

Il denominatore comune del servizio sanitario è la sicurezza sul lavoro. Abbiamo questo nella nostra spina dorsale, è la nostra stella guida in tutto ciò che facciamo.

Ad un certo punto, l’efficienza supera. Una volta arrivati ​​a quel punto, essere pazienti con noi diventa progressivamente più pericoloso.

Quindi la sicurezza diminuisce con l’aumento dell’efficienza e il rischio di errori critici aumenta rapidamente.

Penso che ci stiamo avvicinando pericolosamente al punto di passaggio e vediamo sempre più giorni in cui stiamo lavorando dalla parte sbagliata.

L’ironia è che ogni giorno abbiamo personale sanitario che è chiaro che non può fornire servizi professionalmente validi all’interno del quadro che è stato istituito e che crede che la sicurezza dei pazienti sia minacciata.

Allo stesso tempo, i leader sono altrettanto chiari sull’opposto.

Sono uno di quelli che ha scelto di andare, il prezzo era troppo alto.

Qui l’attrezzatura infermieristica viene buttata nella spazzatura: – Non tornerò mai più

Fa qualcosa per te come umano che non puoi mai raggiungere e devi sempre compromettere la tua conoscenza e coscienza.

Per testimoniare che il paziente avverte un forte dolore nel tempo in attesa di sollievo.

Sapere che il paziente è sdraiato e naviga sulla sua sedia, aspettando pazientemente il tempo per te.

Chiedere al paziente di urinare perché non hai tempo di andare in bagno, solo per trovare il paziente sdraiato sul pavimento quando sta cercando di camminare da solo.

Sapendo che i farmaci vitali vengono assunti troppo tardi o semplicemente dimentichi di somministrarli nel tentativo di prolungare.

Pandemia di malattia coronarica: 1 infermiere su 4 mostra sintomi di PTSD

Potrebbe essere difficile per gli estranei comprendere appieno cosa implicano effettivamente i nostri lavori e cosa rappresentiamo.

Seguiamo le persone dalla culla alla tomba, con tutti i diversi aspetti della vita. Si tratta di partecipare a tutto, dai momenti più belli a quelli più bizzarri, con impressioni visive e uditive che dubito che il cervello umano sia stato creato per sopportare.

L’assurdità che possiamo provare tutta questa eccitazione durante una giornata lavorativa.

Saremo “sorelle e fratelli” calorosi, premurosi e confortevoli in una stanza e esperti altamente qualificati in infermieristica avanzata nell’altra.

Laveremo lo sgabello in una stanza e serviremo il cibo nella successiva. Consoliamo uno di noi e riceviamo dall’altro botte e minacce.

Celebriamo la buona notizia in una stanza, seguiamo qualcuno fino alla morte nella stanza accanto. Lottiamo per salvare una vita in una stanza e serviamo il caffè pomeridiano in un’altra.

Dobbiamo essere sempre al top, dobbiamo vedere quando l’evoluzione inizia a regredire e correggerla prima che sia troppo tardi.

Siamo in prima linea, il nostro compito è accudire, agire e proteggere. Significa anche che dobbiamo dire “no” quando le linee del fronte si spezzano e non siamo più in grado di osservare e agire.

Non solo dobbiamo dire di no, abbiamo il dovere legale di farlo.

Può sembrare un lamento, ma non lo è.

Questo è un apprezzamento per la meravigliosa professione dell’infermiere, il lavoro stimolante e versatile.

Questa è una preghiera per una struttura in modo che ci sia permesso di essere infermieri. Le strutture onnicomprensive definiscono cos’è l’assistenza infermieristica. Amavo il mio lavoro nel bene e nel male.

Ero disposto a sopportare tutto questo e altro, ma la gomma si è stretta un po’ troppo.

Ho la sensazione che sto deludendo sia i pazienti che i colleghi. È triste dover scegliere la vita che hai sognato, il lavoro che hai amato. Il vantaggio è che non devo più rinunciare alla mia famiglia e a me stesso.

Un manager ha affermato in una riunione a cui ho partecipato che non tutti sono creati per fare l’infermiera in un reparto medico, ci ho pensato molto da quando me ne sono andato.

Esausto per la pressione del lavoro

Sfortunatamente, penso che molti leader condividano con noi questo atteggiamento, che ancora una volta mette debolezza e responsabilità su quelli di noi che sono stanchi.

Invece di presentarci come dipendenti forti e competenti, siamo degenerati in alcune persone deboli che non sono state fatte per questo. So che molti di noi che ci hanno perseguitato sono stati fatti per questo scopo.

Siamo gli esperti premurosi di cui il servizio sanitario ha bisogno, ma siamo stati esclusi. Il dibattito diventa così com’è oggi non costruttivo e divisivo, mentre brancoliamo e litighiamo perdiamo i nostri “migliori uomini”.

Abbiamo la responsabilità condivisa di invertire la tendenza poiché siamo sulla buona strada per diventare una famiglia disfunzionale che non avrà mai successo nella nostra responsabilità sociale condivisa. Sono convinto che vogliamo tutti la stessa cosa, ma siamo bloccati.

Ci manca un linguaggio comune, definizioni comuni e obiettivi comuni e, soprattutto, l’arena in cui possiamo riunirci per trovarlo insieme.

Nel servizio sanitario abbiamo guardie responsabili su tutti i turni. La guardia responsabile si attacca alla squadra, ci guida attraverso la guardia e ci circonda per prendere un rapido piede a terra quando siamo sulla buona strada in ciascuna delle nostre direzioni.

Ora tocca a te, Ingvild, hai preso il controllo della Guardia responsabile dove il tuo antenato non ha potuto completare la missione. Ora devi riunire la tua squadra e risolvere le sfide con noi.

Non sei solo, la tua grande famiglia sana è pronta a risolvere i problemi con te, ma devi dimostrare di avere la guardia responsabile e unirci.

So che vogliamo tutti stare insieme per fornire servizi sanitari solidi a tutti, in tutto il paese, 24 ore su 24. Hai una squadra vincente con te, spero che ne trarrai beneficio.

Distinti saluti

Tania Fatnas

infermiera.

Tania Fatnos è anche un politico locale del Partito di Centro a Drammen e siede come deputato nel consiglio comunale.

rispondi all’articolo? Stai bruciando dentro con qualcosa? Inviaci la tua opinione a [email protected]

Vedi discussione: – Una situazione sfortunata e stressante

READ  Federal Electronics EOI per costruire 200 MW di progetti solari Energy News, ED Energy World per EPC