Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Carro armato su una targa nella Via Lattea

Orizzontale

“Quando l’oscurità cala sull’arcipelago, si apre lo spazio per grandi idee, un momento in cui siamo tutti sulla stessa barca, alla mercé di pochi che hanno il potere di cambiare tutto ciò che dà senso alla vita.”

Dai un’occhiata al cielo di novembre sopra Gråskjær. Quando l’oscurità cala sull’arcipelago, lo spazio si apre a grandi idee: un momento in cui siamo tutti sulla stessa barca, in balia di pochi che hanno il potere di cambiare tutto ciò che dà senso alla vita.

Dovrebbero esserci più di 100 miliardi di stelle nella nostra galassia; Via Lattea. Il nostro Sole è una delle stelle della Via Lattea. Si stima che più della metà delle stelle – o soli – nella Via Lattea abbiano dei pianeti attorno a loro, formando così un sistema solare. La Via Lattea è solo una delle oltre 100 miliardi di galassie nella parte dell’universo che possiamo osservare. Pertanto, si stima che l’universo contenga miliardi di trilioni di sistemi solari. Sebbene l’universo sia incomprensibilmente vasto, la vita sulla Terra è incredibilmente varia.

L’età dell’universo è di 13,7 miliardi di anni. La vita è sorta sulla Terra circa 3,8 miliardi di anni fa. E solo negli ultimi 300.000 anni gli esseri umani hanno camminato sulla terra. Il nostro ramo della razza umana ha superato tutti gli altri ed è stato l’unico ramo negli ultimi 50.000 anni. Quelli di noi che vagano oggi sulla crosta terrestre sono stati qui per meno dello 0,1% di quel tempo.

Nel grande schema delle cose, noi umani non siamo nemmeno un granello di polvere, né nel tempo né nello spazio. Ma nel piccolo contesto, possiamo spostare i mondi l’uno dell’altro, come il battito delle ali di una farfalla può scatenare una tempesta, scrive l’autore svedese Bjorn Ranlid.

In questo intero vasto universo, nel breve periodo in cui gli umani sono stati qui, siamo diventati l’unica specie conosciuta con autocoscienza – con la capacità di pensare alla propria esistenza. Dalla nostra autocoscienza deriva che siamo l’unica specie in grado di dare amore agli altri senza chiedere nulla in cambio. Come individui all’interno della nostra specie, abbiamo la capacità di vederci, comunicare sulla stessa frequenza, creare comunità, dare e ricevere amore, affermazione e vicinanza. In un frammento di infinito, in uno scorcio di eternità, siamo tra i 107 miliardi di persone nel corso dei secoli che hanno avuto l’opportunità di vedere, riflettere, creare e connettersi.

Tra le persone, “noi” a volte appare come un piccolo universo all’interno di un universo mentre orbitiamo l’uno intorno all’altro in un microcosmo, qualcosa che ci tocca e ci cambia nel profondo di ciò che siamo. Come lo skipper del traghetto che ho conosciuto 40 anni fa in queste acque, che ha risvegliato il mio amore per il mare, gli arcipelaghi e le barche.

Nell’epoca più turbolenta della mia vita, quando così pochi autocrati credono seriamente che uno scopo politico possa sostenere l’uso della forza che nel risultato finale adombra i grandi cieli invernali sopra tutti noi, il sentimento di libertà è più intenso. . In una barchetta da qualche parte nella Via Lattea.

Buon Natale!

READ  Rand Paul, Anthony Fauci e la strega che insegue la bandiera