Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

C’è poco supporto scientifico per gran parte dei consigli comuni sulla felicità

C’è poco supporto scientifico per gran parte dei consigli comuni sulla felicità

Chi di noi non vuole essere felice? O almeno un po' più felice?

Giornali e riviste sono pieni di semplici consigli su come aumentare il livello di felicità nella vita quotidiana di ognuno di noi.

È importante, ad esempio, essere presenti nel momento. Per rimanere attivi. Per godersi la natura o essere grati per le cose belle della vita.

I consigli provengono spesso da ricercatori o altre fonti scientifiche. Ma quanto è realmente fondato?

I ricercatori Donegan Faulk ed Elizabeth Dunn dell'Università della British Columbia in Canada hanno cercato di scoprirlo esattamente. La risposta non è molto incoraggiante.

Una crisi nella ricerca

Non è un caso che i due ricercatori mettono in dubbio la documentazione dei consigli sulla felicità psicologica.

Quasi dieci anni fa iniziarono intensi dibattiti sulla qualità della ricerca psicologica. I sondaggi lo hanno dimostrato Molti studi ben noti in questo settore non possono essere riprodotti. Quando altri ricercatori tentarono di replicare gli studi, non ottennero la stessa risposta.

È ormai chiaro che alcuni metodi di ricerca in psicologia spesso danno risultati positivi, anche quando non si trova nulla.

La tempesta che seguì a queste scoperte fu chiamata crisi della copia. Ciò ha messo in discussione molte grandi verità nel campo della psicologia. Ma anche che la materia ha inasprito i requisiti per ciò che costituisce una buona documentazione.

Quindi Folk e Dunn si sono chiesti: che dire della ricerca sulla felicità? La documentazione qui è all'altezza degli standard moderni?

Ho trovato un suggerimento comune

La prima cosa che hanno fatto i ricercatori è stata scoprire quali consigli venivano dati più spesso sulla felicità.

READ  L'invasione russa dell'Ucraina: - La secessione stordisce:

Non si trattava di curare disturbi psicologici come la depressione, ma piuttosto di consigli su come possiamo essere tutti più felici nella vita di tutti i giorni. I cinque suggerimenti più comuni erano:

  • Per esprimere gratitudine
  • – Cercare la comunicazione sociale e stare con gli altri
  • Si allena
  • Pratica la consapevolezza o la meditazione
  • Essere nella natura

Ho trovato la ricerca dietro di esso

I ricercatori hanno quindi cercato nei database tutti gli studi scientifici pubblicati su queste strategie. Hanno poi valutato se gli studi fossero di qualità affidabile.

Ciò significa, ad esempio, che i sondaggi hanno coinvolto un numero di partecipanti sufficiente per escludere che i risultati fossero frutto del caso.

Un altro segno di qualità è che gli studi sono preregistrati. Ciò significa che i ricercatori pubblicano una descrizione di ciò che faranno e di ciò che stanno cercando.

Ciò impedisce un grosso problema chiamato p-hacking, in cui i ricercatori possono utilizzare i dati di un sondaggio per dimostrare che qualcosa funziona, anche se in realtà non funziona.

Poca documentazione

I risultati di Volk e Dunn mostrano che la documentazione scientifica sui consigli sulla felicità è piuttosto debole.

Tra centinaia di studi, i ricercatori non hanno trovato, ad esempio, un singolo studio preregistrato che supporti la consapevolezza, la meditazione, l’esercizio fisico o le passeggiate nella natura.

Nel 95% degli studi condotti su queste strategie, gli studi erano troppo piccoli per determinare se le tecniche portassero a un aumento significativo della felicità, hanno scritto i ricercatori.

Ciò non significa necessariamente che le strategie siano inefficaci, hanno scritto i ricercatori.

Significa solo che la ricerca non può dare una risposta se funziona o meno.

READ  Sparatoria in una strada aperta nel centro di Oslo - due uomini sono stati portati in ospedale

C’è un grande bisogno di una ricerca migliore

Quando si parla di gratitudine e connessione sociale, secondo Volk e Dunn, c'è poca documentazione migliore.

Diversi studi di grandi dimensioni, due dei quali preregistrati, suggeriscono che esprimere gratitudine aumenta la felicità, almeno a breve termine.

Ci sono stati anche alcuni studi approfonditi che suggeriscono che essere più socievoli può aiutare. Ma nulla di tutto ciò è stato registrato in precedenza, scrivono i ricercatori.

Credono che ci sia un grande bisogno di studi nuovi e di alta qualità che possano testare l’impatto di tutte queste strategie, che vengono costantemente presentate come consigli scientifici per aumentare la felicità.

Non aiuta con molti brutti studi

I ricercatori sottolineano che il problema in questo caso non risiede nella mancanza di ricerche condotte su questi argomenti. Al contrario, ci sono molti studi.

Il problema è che la stragrande maggioranza di essi è di bassa qualità.

Ironicamente, una grande quantità può impedire nuove ricerche appropriate. La pila di studi dà l'impressione che la questione sia stata studiata a fondo, e questo può ridurre l'interesse dei ricercatori nel condurre studi nuovi e di migliore qualità, scrivono Volk e Dunn.

Credono anche che il problema sia che i ricercatori psicologi hanno automaticamente dato per scontato che i riassunti delle ricerche forniscano buone risposte.

Quindi: se si aggiungono una serie di studi piccoli e di bassa qualità, le incertezze verranno bilanciate in modo che il risultato complessivo rimanga affidabile.

Ma questo si è rivelato non essere vero. Invece, i pregiudizi possono effettivamente essere rafforzati, dicono Volk e Dunn.

L’ipotesi secondo cui con molti sassolini si possa costruire un forte muro di prove è stata smentita, scrivono.

READ  Recensione: Nina Witoszek ed Eva Joly "Il regno dagli occhi azzurri"

Felicità vitaminica

Non è detto che tutti siano d'accordo con la conclusione dei ricercatori canadesi. Nell’ambito della ricerca psicologica sono ancora in corso dibattiti su quale documentazione debba essere considerata sufficientemente buona, ad esempio per i diversi tipi di psicoterapia.

È meglio Non tutti erano d’accordo sul fatto che la psicologia fosse in crisi.

Tuttavia, Falk e Dunn ritengono che dovremmo fissare gli stessi standard elevati per le misure psicologiche che stabiliamo per i farmaci.

Se qualcuno sviluppasse una nuova vitamina della felicità, non consiglieremmo alle persone di assumerla senza che i produttori forniscano una solida documentazione che la sostanza funzioni effettivamente, scrivono gli autori.

Se prendiamo sul serio la felicità, dovremmo esigere una buona documentazione di una strategia comportamentale per aumentare il benessere così come chiediamo una nuova vitamina, scrivono.

riferimento:

D. Folk & E. Dunn, Una revisione sistematica della forza delle prove per le strategie di felicità più comuni raccomandate dai media mainstream, Nature Human Behavior, luglio 2023. riepilogo.