Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

C’è un grande elefante nella stanza in Arendal: New Wild Wind Energy

Il tema principale durante la settimana di Arendal ogni anno è il clima e la transizione verde. Alle discute di quanto sia importante una transizione verde per il futuro della Norvegia. Si tratta di garantire posti di lavoro e creare valore, non ultimo il modo in cui la Norvegia rispetterà i suoi impegni sul clima.

Ad Arendal c’è un ampio consenso sul fatto che le emissioni di gas serra dovrebbero essere ridotte. Nelle discussioni del panel, c’è consenso sul fatto che diventare ecologici non significa meno occupazione e meno benessere. Si dice che abbiamo l’opportunità di creare nuove industrie verdi. È tutto vero. Ma ciò che si dice raramente è che se vogliamo realizzare queste ambizioni, abbiamo bisogno di più potere. Più potenza.

Ståle Gjersvold

Ståle Gjersvold (Foto: Åge Hojem / Trønderenergi)

Il potere deve venire da qualche parte. Non abbiamo oggi.

Da dove viene è il grande elefante nella stanza – e per le strade di Arendal questa settimana.

Entro quattro anni, la Norvegia meridionale sperimenterà un deficit energetico, secondo Statnett. Complessivamente, il surplus energetico di oggi dovrebbe scendere da 15 TWh a quasi tre TWh.

In futuro, si prevede anche un forte aumento del consumo di energia se vogliamo riuscire a creare nuovi posti di lavoro verdi, riducendo al contempo la produzione di petrolio e gas. L’NHO e LO, nel loro programma di politica industriale, stimano che questa disposizione dovrebbe fornire un consumo energetico della Norvegia compreso tra 170 e 190 TWh nel 2030. In confronto, la produzione di energia della Norvegia è stata di 157 TWh l’anno scorso.

Un motivo importante per cui ci imbattiamo in una carenza di energia più velocemente di quanto la maggior parte delle persone spera è che le autorità includano nei calcoli i venti da terra più bassi. Allo stesso tempo, c’è praticamente un blocco delle nuove licenze per lo sviluppo dell’energia eolica fino al 2030.

Possiamo coprire parte della crescente domanda di energia attraverso l’efficienza energetica negli edifici. NVE indica un potenziale redditizio fino a 13 TWh. Tuttavia, è difficile immaginare che questo pieno potenziale sia stato sviluppato in sette anni.

Molti stanno evidenziando l’eolico offshore come parte della soluzione al crescente deficit energetico. Potrebbe essere vero, tra qualche anno. Il problema è che non è redditizio fino a 8-10 anni al più presto. I progetti di sviluppo in corso richiedono il sostegno statale e le prospettive di redditività sono ulteriormente differite quando non è chiaro se gli eolici offshore si collegheranno al continente.

Inoltre, l’eolico offshore non può essere costruito abbastanza velocemente per essere una soluzione fino al 2030. Alcuni punti indicano l’energia nucleare come una soluzione, ma la resistenza in Norvegia è enorme. I costi sono molto alti e l’orizzonte temporale è molto lungo.

Quindi cosa possiamo fare?

Una misura redditizia e di rapida attuazione è lo sviluppo dell’energia eolica terrestre. Contribuirà ad abbassare i prezzi dell’elettricità, il che significa migliorare le finanze della maggior parte delle persone. L’industria ottiene una forza ragionevole che garantisce occupazione e creazione di valore e dà forza a nuove costruzioni industriali. Lo sviluppo dei venti di terra è la chiave chiara per la Norvegia per riuscire nella sua transizione verde.

Esiste un ampio consenso professionale sul fatto che le alternative sono più costose e/o richiedono tempo per lo sviluppo.

Più vento terrestre è il grande elefante che sta in mezzo alla stanza, e in mezzo alle strade di Arendal, ma pochi ne vogliono parlare.

Trattare con questo elefante nella stanza è responsabilità della direzione. Scegliere di ignorare l’ovvio significa evitare il nocciolo del problema.

Wild Wind è stato controverso, ma l’amministrazione sta anche affrontando ciò che è impopolare. Allo stesso tempo, non puoi implementare le modifiche senza avere persone con te. È necessario creare una comprensione della necessità di cambiamento e quindi attuare i cambiamenti in collaborazione con le persone interessate.

Penso che sia del tutto possibile ottenere uno sviluppo eolico onshore con meno conflitti di quelli che abbiamo visto negli ultimi anni. Ci richiede di prestare maggiore attenzione ai valori naturali e alle popolazioni indigene e locali. Allo stesso tempo, nel comune dovrebbe rimanere una maggiore creazione di valore. Dobbiamo imparare da quello che abbiamo passato.

Allo stesso tempo, i nostri politici senior devono assumersi la responsabilità di comunicare quanto sia importante sviluppare più venti da terra per la Norvegia. Le persone sono sagge, ascoltano buone argomentazioni, ma quando vedono i politici fare la loro parte per resistere all’opposizione, possono pensare che dopotutto i politici non fossero del tutto convinti delle loro politiche.

La credibilità può essere costruita solo essendo onesti con se stessi. Spesso la cosa più difficile è non sapere cosa è giusto, ma farlo. Questo è vero in nessun altro settore che la politica climatica.

Esiste un ampio consenso professionale sul fatto che le alternative sono più costose e/o richiedono tempo per lo sviluppo


(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando i link che portano direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per ulteriori condizioni vedere qui.

READ  Il futuro è verde