Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Christian Lie: L’anno dei Joker? | finansavisin

accelerazione della crescita Nel quarto trimestre, trainato dagli Stati Uniti e dalla stabilizzazione della Cina. Il bilancio è sorprendentemente positivo rispetto alle aspettative.

Prospettive per un altro anno di crescita in Profitti aziendali. Sebbene il tasso di crescita degli utili dovrebbe aumentare del 50 percento. Dalle azioni globali nel 2021, non ci si dovrebbe aspettare un altro aumento del 6-7 percento della redditività l’anno prossimo. Dato che le aspettative sono arrivate, prendi nota. I mercati azionari in Europa e nei mercati emergenti non sono più così costosi.

Possibilità di acquisizione nel settore industriale e dei servizi Finché le conseguenze economiche dell’epidemia si attenuano. Il consumo del servizio è ancora inferiore al normale a causa di infezioni e restrizioni. Il settore è stato gravato dalla carenza di fattori di input e dai prezzi elevati e dovrà aumentare ulteriormente la produzione per accumulare livelli di scorte, che sono molto bassi.

Bassi tassi di interesse (reali) Fornisce incentivi agli investitori per continuare a perseguire i rendimenti. La combinazione di tassi di interesse più bassi e inflazione più elevata significa che investimenti più sicuri sui tassi di interesse portano a una perdita di potere d’acquisto attraverso un rendimento reale negativo, che aumenta la volontà di assumersi maggiori rischi sugli investimenti in contanti.

Sfide

Riflessione dell’allarme. Mentre gli investitori hanno beneficiato nel 2020 e nel 2021 delle misure economiche intensificate legate all’epidemia, i venti favorevoli monetari e finanziari si stanno ora attenuando. Molte banche centrali annunciano uno o più nuovi aumenti dei tassi di interesse a causa della minore disoccupazione e/o delle sfide legate all’aumento dell’inflazione.

Posizionamento ad alto rischio. Poche alternative e rendimenti elevati hanno portato molti investitori ad avere rischi più elevati nei loro portafogli rispetto al solito. Anche con un buon background finanziario, c’è un limite alla capacità di assumersi rischi e alla disponibilità a pagare sempre di più per i titoli.

Mercati finanziari sensibili all’inflazione e al tasso di interesse. Sia le banche centrali che i mercati finanziari indicano che gli attuali aumenti dei prezzi sono temporanei. Aspettative di inflazione futura e tassi di interesse di mercato a livelli bassi o moderati. Ciò riflette una scommessa che potrebbe fallire se l’inflazione continua a salire o rimane alta. Il motivo è che le banche centrali dovranno quindi inasprire bruscamente, il che potrebbe portare alla perdita dell’economia e dei mercati azionari e obbligazionari sensibili ai tassi di interesse.

READ  Le azioni di Oslo sono diminuite del 2% dopo un forte calo della borsa di Hong Kong

Crescita dell’infezione e suoi limiti. Il mondo sembra avviarsi verso una quarta ondata di contagi. Se la pressione sulla capacità ospedaliera continua, i politici dovranno ricorrere a misure di controllo delle infezioni con conseguenze finanziarie negative. Inoltre, l’intolleranza nei confronti dei cinesi può prolungare le strozzature nelle catene del valore, con la conseguente spinta all’inflazione.

Minore contributo alla crescita dalla Cina al resto del mondo. L’accettazione da parte del governo cinese di un debito o di una ricchezza eccessivi è diminuita. Con lo slogan “Prosperità condivisa”, il paese vuole distribuire la prosperità in modo più uniforme, in modo da poter costruire un’economia guidata dal consumo. Poiché il settore immobiliare altamente indebitato ha rappresentato quasi il 30 percento dell’economia cinese e la Cina ha rappresentato un terzo della crescita dell’economia globale negli ultimi anni, il risultato è che l’economia globale riceverà meno aiuti dall’est .

Prezzi più alti possono significare rendimenti futuri inferiori. Ho già scritto sull’aumento dei prezzi degli investimenti a reddito fisso. Ma anche i mercati azionari globali, in particolare gli Stati Uniti, sono costosi. Poiché poche aziende giganti generano una quota significativa del rendimento in questi mercati, ciò potrebbe influire sul rendimento del mercato a lungo termine. Sebbene le azioni globali abbiano dato un rendimento annuo del 12% negli ultimi 10 anni, le stime riconosciute mostrano che dovremmo aspettarci meno del 5% per azione. I prossimi 10-15 anni.

Joker

Varianti virali più pericolose o più delicate? Finché al virus viene data l’opportunità di diffondersi e mutare, c’è la possibilità che nuove variabili emergano costantemente e creino effetti moltiplicatori sulla società, sull’economia e sui mercati finanziari. Quelle più dolci e contagiose potrebbero significare al massimo l’inizio della fine di una pandemia.

Inflazione permanente o a breve termine? L’interazione tra crescita, inflazione e tassi di interesse è uno dei driver della propensione al rischio tra gli investitori. Nella migliore delle ipotesi, continua il buon sviluppo dell’economia, amplificato dall’aumento della spesa di famiglie e imprese, mentre si risolvono le strozzature. I consumi si spostano dai beni ai servizi e le pressioni inflazionistiche si attenuano. Nel peggiore dei casi, i prezzi aumenteranno ulteriormente in modo da frenare il desiderio di consumare e investire, mentre le banche centrali inaspriscono la politica monetaria in modo che l’economia si indebolisca. Sebbene i mercati si aspettino un’inflazione gradualmente bassa, ci sono menti sagge che credono che l’inflazione alta sia destinata a rimanere.

READ  Le accuse dei giocatori della Juventus stanno reagendo a un trattamento speciale di Ronaldo

Il mondo può permettersi tassi di interesse più alti? I mercati finanziari sono sensibili a un aumento brusco o inaspettato dei tassi di interesse. Tra le altre cose, perché i rendimenti sui titoli di stato sono così bassi, perché le scadenze delle obbligazioni societarie sono aumentate a livelli record e perché le quote di crescita elevate dominano ampi indici di mercato. Inoltre, vi è un’elevata sensibilità all’aumento dei tassi di interesse nell’economia, con un forte onere del debito nel settore delle imprese e nel settore pubblico. Un debito elevato è positivo quando le entrate sono buone ei costi di finanziamento sono bassi. I problemi derivano dalla recessione economica, poiché i redditi diminuiscono e i tassi di interesse aumentano per i mutuatari vulnerabili. Il debito pubblico degli Stati Uniti in percentuale del PIL ha raggiunto il record del 120 percento, rispetto a meno del 60 percento prima della crisi finanziaria. Nello stesso periodo il debito pubblico italiano è passato dal 100 al 160 per cento del PIL. Il debito delle imprese nelle economie avanzate ha raggiunto il record del 300 percento del PIL, rispetto al 230 percento del 2007.

Cosa ci aspetta dopo lo scoppio della pandemia? Gli analisti oggi ritengono che il tasso di crescita dell’economia globale scenderà a un livello più normale del 3,6% nel 2023. Poiché gli investitori rispondono maggiormente a come gli sviluppi si confrontano con quanto previsto, potrebbe anche essere cruciale se il mondo torna a un livello sorprendente di crescita Dal 2012 al 2019, o se otteniamo forti tassi di crescita a lungo termine. L’attenzione è già sul 2023 e se i partecipanti al mercato vedono caratteristiche economiche più deboli, forse combinate con tassi di interesse più elevati, questa potrebbe essere una ricetta per le turbolenze del mercato. Considerando che un tasso più elevato di innovazione e investimenti nel settore tecnologico, ad esempio in relazione alla lotta ai cambiamenti climatici, può aumentare il potenziale economico, le condizioni demografiche, l’onere del debito elevato e un basso livello dei tassi di interesse che indicano uno sviluppo economico meno resiliente a lungo termine.

READ  Chi può riempire il vuoto lasciato da Angela Merkel?

Cambiamenti climatici e disuguaglianze economiche. Mentre i decenni precedenti sono stati caratterizzati dalla deregolamentazione e da una maggiore influenza delle forze di mercato, in futuro saremo in grado di vedere un maggiore coinvolgimento politico nelle condizioni quadro aziendali. Ciò vale in primo luogo per la sostenibilità, dove le misure finora non sono affatto vicine a limitare sufficientemente il riscaldamento. Se i disastri naturali continuano ad aumentare, ciò potrebbe portare a interventi politici più drastici, ad esempio attraverso l’introduzione di una tassa globale sul carbonio obbligatoria. Allo stesso tempo, la pandemia ha aumentato le disuguaglianze economiche in tutto il mondo, all’interno delle economie e tra paesi ricchi e poveri. In Cina i politici si sono attivati ​​per riequilibrare i propri squilibri. Nelle democrazie occidentali, la disuguaglianza può portare a una maggiore sfiducia politica e/o polarizzazione, che a sua volta può portare a disordini sociali e conflitti.

In Wealth Management teniamo d’occhio ciò che può influenzare i nostri investimenti a lungo termine, ma siamo preoccupati che si abbia una visione accurata di ciò che sta accadendo nei mercati dei capitali. A questo proposito, abbiamo pubblicato alcune voci ben intenzionate durante l’autunno (vedi sotto). Puoi leggerlo in pace e tranquillità quando la pace del Natale si placa.

Ti auguro un felice anno nuovo per gli investimenti!