Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ciò potrebbe accadere se l’Italia abbandonasse l’euro

Ciò potrebbe accadere se l’Italia abbandonasse l’euro

Chi ha vissuto un po’ sa che mille lire italiane equivalevano a cinque corone, prima che l’Italia introducesse l’euro il 1° gennaio 1999.

I precedenti governi italiani stampavano periodicamente denaro per compensare l’inefficienza del sistema economico e politico del paeseLo dice Gernot Peter Doppelhofer, professore di macroeconomia dell'NHH, all'ABC Nyheter.

Lire 500.000 del 1999. Il suo valore era di ca. 250 corone norvegesi. Foto: OneArmedMan / CC BY-SA 3.0

Questo nuovo denaro è stato utilizzato per nuovi progetti e per pagare gli stipendi del governo. Il tasso di cambio della lira è salito ai massimi livelli, il che ha dato impulso anche all'industria delle esportazioni.

Ora gli italiani possono farlo di nuovo. Ma prima dovrebbero sbarazzarsi dell’euro. Qualcosa che potrebbe avere conseguenze per la Norvegia.

Centinaia di contratti sono stati stipulati tra imprese e banche in Italia e nel resto dei Paesi dell'Unione Europea. La Brexit è solo un mirtillo, dice Doppelhofer.

Troppo grande per fallire

Doppelhofer ritiene che l’Italia sia “troppo grande per fallire” e “troppo grande per essere salvata”.

L'articolo continua sotto l'annuncioL'articolo continua sotto l'annuncio

Il problema è il debito italiano, che ora rappresenta il 138% del prodotto nazionale lordo e costa 855 miliardi di corone norvegesi all'anno, solo in interessi, ovvero 14.000 corone norvegesi per abitante.

Il capo della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, ha promesso di “fare tutto ciò che è in suo potere” per mantenere l’Italia a galla e nell’eurozona, e ha anche acquistato il debito italiano su larga scala. Ma l’Italia è la quarta economia dell’Unione Europea. Per chi ricorda la crisi greca, non è stato niente in confronto. Per salvare l’Italia, Draghi ha bisogno di aiuto.

L'articolo continua sotto l'annuncioL'articolo continua sotto l'annuncio

– Se l'Italia lasciasse la cooperazione nell'eurozona, ciò significherebbe di fatto un grave default degli istituti finanziari esteri, il che significa che la crisi del debito si estenderebbe anche all'Europa, dice Doppelhofer.

L'articolo continua sotto l'immagine:

Il leader del Movimento Cinque Stelle Luigi Di Maio (tv in abito azzurro) con i suoi a Napoli.  Ha parlato della destituzione del presidente Sergio Mattarella, che non approverebbe il suo ministro delle Finanze euroscettico.  Foto: scansione Ciro Fusco/EPA/NTB

Il leader del Movimento Cinque Stelle (M5S) Luigi Di Maio (TV in abito azzurro) con i suoi sostenitori a Napoli. Ha parlato della destituzione del presidente Sergio Mattarella, che non approverebbe il suo ministro delle Finanze euroscettico. Foto: scansione Ciro Fusco/EPA/NTB

Ci sono molti modi in cui potrebbe avvenire un ritiro, ma se il governo italiano, ad esempio, dicesse che 1 euro = 1 lira, cancellerebbe di fatto il suo debito, con il valore della lira italiana che scenderebbe nuovamente.

READ  Crollo a prezzo pieno del prestatore russo Havila Kystrutten - E24

L'articolo continua sotto l'annuncio

Kjersti Hoogland, capo economista di DNB Markets, afferma che se otteniamo una riunione della lira, il timore di fallimenti e depositi significherà un aumento dei premi di rischio per i prestiti. Quindi interesse più alto.

I prestiti sono più costosi per i norvegesi

– Poiché le banche prendono in prestito denaro sui mercati monetari, anche per loro il premio di rischio aumenterà. Ciò significa che possiamo improvvisamente ottenere prestiti più convenienti per il consumatore medio, anche se il tasso di interesse non cambia, dice Hoagland.

Kjersti Hoogland, capo economista di DNB Markets, Immagine: Martin Jakob Kristoffersen/ABC Nyheter

Kjersti Hoogland, capo economista di DNB Markets Foto: Martin Jacob Christoffersen/ABC News

Hoogland sottolinea che il basso premio di rischio significa che il tasso di prestito non è molto più alto del tasso di interesse fissato dalla Norges Bank. Ma questo potrebbe cambiare rapidamente.

Inoltre, la corona potrebbe indebolirsi nei confronti dell’euro, il che potrebbe aprire la strada anche alla banca centrale norvegese per aumentare il tasso di interesse.

Hoagland afferma che l'euro si rafforzerà nel lungo termine se il peso del debito italiano verrà eliminato attraverso la cooperazione attorno all'euro.

L’inflazione è stata tradizionalmente la forza trainante dietro la fissazione del tasso di interesse di riferimento. L’inflazione in Norvegia è bassa. Ma l'opinione di Hoagland è che il rapporto tra inflazione e tasso di interesse di riferimento si sia indebolito in Norvegia. Lei ritiene che Øystein Olsen dovrebbe guardare allo sviluppo economico reale.

L'articolo continua sotto l'annuncioL'articolo continua sotto l'annuncio

Tuttavia, Hoogland non crede che l’Italia lascerà la cooperazione dell’Eurozona, almeno non quest’anno.

– La maggior parte degli italiani vuole mantenere l’euro come valuta. Secondo lei il fatto che i partiti euroscettici abbiano minimizzato l’importanza di lasciare l’euro nella campagna elettorale è stato in realtà la chiave per vincere le elezioni.

Leggi anche: Berlusconi ha ancora una volta provocato caos e distruzione sia nell’Unione Europea che in Italia

Per la maggior parte degli italiani, la svalutazione significa che il loro denaro perde molto del suo valore rispetto all’estero. Ecco perché sono – finora – scettici riguardo all’uscita dalla valuta dell’UE.

I giovani italiani sono in difficoltà

Qual è esattamente il problema in Italia? Durante il “miracolo economico”, i salari reali triplicarono dal 1951 al 1971 e il paese divenne la quarta economia più grande del mondo nel 1991. Tuttavia, il governo spese più denaro di quanto avesse speso, tanto che il bilancio nazionale non raggiunse il pareggio fino al 1992. . Secondo il Financial Times. Ma poi la montagna del debito è diventata alta.

READ  Ucraina: nuovo grande attacco aereo su Kiev

L'articolo continua sotto l'annuncio

I problemi citati più spesso sono la corruzione, la mafia e la burocrazia disperata. Ad esempio, esistono 10.000 norme specifiche per la sola produzione di acqua minerale, Secondo Reuters.

In più, ci sono pensioni antiquate e una rete di burocrati che mettono in dubbio il sostegno di parti del mondo degli affari. I problemi hanno portato l’Italia nell’eurozona.

I problemi sono particolarmente gravi nell’Italia meridionale, mentre l’Italia non è stata in grado di colmare il vecchio divario nord-sud, anche durante la sua adesione all’UE e all’euro.

Leggi anche: Un villaggio italiano ti paga per trasferirti lì

L'articolo continua sotto l'annuncio

Il violento afflusso di rifugiati, con gli italiani che si sentivano abbandonati a se stessi, non ha aiutato affatto. Il vicepremier Matteo Salvini ha chiarito che l’Italia non sarà il campo profughi d’Europa.

L'articolo continua sotto l'immagine:

L'articolo continua sotto l'annuncio

Via Dante a Milano negli anni '60.  Nel corso degli anni ’60 e ’70, l’Italia è stata testimone

Via Dante a Milano negli anni '60. Nel corso degli anni ’60 e ’70, l’Italia ha vissuto un “miracolo economico” di crescita economica, mentre oggi è definita il “malato d’Europa”. Foto: Anonimo/Wikimedia Commons

Secondo fonti informate dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, i tentativi di riforme tanto attese sono consistiti principalmente nel proteggere i diritti esistenti e nel punire i giovani, anche se il 38% di quelli di età compresa tra i 18 e i 24 anni sono disoccupati. Alcune parti del sistema UE sono diventate molto preoccupate per il futuro dei giovani.

Allo stesso tempo, l’OCSE sperava che un’unione bancaria e dei mercati dei capitali dell’UE avrebbe aiutato l’Italia a garantire il debito e i depositi in solidarietà con i paesi dell’UE più ricchi, ma molti paesi dell’UE sono scettici al riguardo, ad esempio la Danimarca.

Italiani sempre più poveri

Il professore di economia Paolo Savona, 81 anni, nominato per la carica di nuovo ministro delle Finanze italiano, descrive l'introduzione dell'euro come un “errore storico” nel suo nuovo libro.

L'articolo continua sotto l'immagine:

Il presidente Sergio Mattarella (IV) non ha permesso a Paolo Savona (R) di diventare ministro delle Finanze, perché quest'ultimo aveva paura dei mercati finanziari.  A Savona è stato invece concesso di diventare ministro dell’Ue.  Fotografia: Francesco_Amendola / Agence France-Presse

Il presidente Sergio Mattarella (IV) non ha permesso a Paolo Savona (R) di diventare ministro delle Finanze, perché quest'ultimo aveva paura dei mercati finanziari. A Savona è stato invece concesso di diventare ministro dell’Ue. Fotografia: Francesco_Amendola / Agence France-Presse

In passato, come si suol dire, l’Italia “acquisiva potere competitivo” stampando moneta, quando tutto il resto falliva. Ciò ha contribuito al fatto che, prima del 2000, l’Italia era nota per alti tassi di interesse, ma anche per elevata produttività ed esportazioni.

READ  Crescita a doppia cifra per Alphabet per la prima volta dal 2022: 76,7 miliardi di dollari di vendite nel terzo trimestre

L'articolo continua sotto l'annuncio

– Adesso non funziona più. Anche l’Italia non è riuscita a diventare più competitiva dal 2000. Quindi i salari sono rimasti stagnanti mentre i prezzi sono aumentati. Invece sia lo Stato che gli italiani hanno contratto più debiti, che ora devono essere ripagati in euro, dice Doppelhofer.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Professore di macroeconomia Gernot Peter Doppelhofer.  Foto: NHH

Professore di macroeconomia Gernot Peter Doppelhofer. Foto: NHH

Savona, che attualmente è ministro dell’UE, ha difeso il “Piano B” – uscire dall’eurozona. Forse non sorprende che il presidente Sergio Mattarella abbia rifiutato la sua nomina a ministro delle Finanze.

– Dopo l'introduzione dell'euro, per le banche italiane è diventato più conveniente contrarre debiti. Ma la produttività è appena aumentata. I salari erano quasi stagnanti, ma i prezzi aumentavano in linea con il resto d’Europa. Di conseguenza, il potere d’acquisto reale degli italiani è diminuito. Questo è il motivo per cui non sono particolarmente entusiasti delle riforme e dell’austerità, dice Doppelhofer.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Potrebbe innescare un effetto domino

Secondo Doppelhofer ciò che sta accadendo adesso è ironico, dato che la maggior parte degli italiani ha sostenuto l’introduzione dell’euro, proprio perché non si fidavano dei loro politici.

– Adesso non si fidano di nessuno. Ma non esiste una “proiettile magico”. Devono lavorare di più e ricevere meno pensioni. Inoltre, secondo lui, se si vuole salvare l'Italia, probabilmente tutti gli europei prima o poi dovranno sborsare i soldi delle tasse.

Hoagland non crede che l’Italia lascerà presto la cooperazione dell’Eurozona, almeno non quest’anno.

– Ma i partiti potrebbero essere costretti a lasciare l’Eurozona per salvare le loro banche cariche di debiti. Soprattutto se la Banca Centrale Europea alzasse i tassi di interesse a un livello tale da rendere le banche italiane incapaci di gestirlo.

“I politici italiani potrebbero comunque tentare di forzare l’uscita dall’euro, quindi il rischio che l’Italia si sbarazzi dell’euro esiste certamente”, afferma Hoagland.

Doppelhofer afferma che se l’Italia dovesse uscire dall’eurozona, ciò abbasserebbe la soglia di uscita per Grecia e Spagna, cariche di debiti.

– Ritiene che l'uscita dell'Italia potrebbe causare problemi all'intero progetto dell'Unione Europea.