Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Città canadese bruciata dagli incendi

Una città canadese nella Columbia Britannica è quasi completamente bruciata in un furioso incendio boschivo durante un’ondata di caldo che ha colpito il Canada occidentale e gli Stati Uniti.

Il novanta per cento degli edifici della piccola cittadina canadese di Lytton è stato ridotto in cenere durante l’ondata di caldo degli ultimi giorni. Foto: Darryl Dyck / The Canadian Press via AP / NTB

I circa 1.000 residenti di Lytton, 150 chilometri a nord-est di Vancouver, hanno avuto solo pochi minuti per fuggire dalla città mercoledì notte dopo che la temperatura del giorno precedente aveva raggiunto i 49,6 gradi.

Alcuni di loro sono giunti in un centro di asilo a Lilluitt, 60 chilometri a nord di Lytton, mentre John Haugen del locale Aboriginal Tribe Council afferma che stanno cercando di scoprire dove si trovano i membri che non sono venuti a Lilluitt.

Il ministro della sicurezza della Columbia Britannica, Mike Farnworth, ha dichiarato giovedì che la maggior parte degli edifici della città era in fiamme, compreso l’intero centro della città, e che alcuni residenti non erano stati risolti.

L’incendio, divampato su un’area di 80 chilometri quadrati, non è stato controllato dai vigili del fuoco.

Inoltre, afferma il capo provinciale John Horgan, nelle ultime 24 ore nella Columbia Britannica sono stati registrati altri 62 incendi, molti dei quali nell’area di North Kamloops.

“Non posso dire abbastanza chiaramente quanto sia pericoloso l’incendio in quasi tutta la British Columbia”, dice.

L’ondata di caldo sta tornando in una cupola ad alta pressione situata su tutta la provincia e dovrebbe durare per diversi giorni. Il caldo è continuato a est attraverso la prateria fino alle province di Alberta, Saskatchewan e Manitoba, ed è stato emesso un avvertimento per l’Ontario.

READ  Un terzo di loro è stato ricoverato entro quattro mesi:

Anche gli stati americani di Washington e Oregon sono stati colpiti, con temperature superiori a 47 gradi Celsius per diversi giorni consecutivi e forse diverse centinaia di morti per calore. Negli ultimi giorni, però, le alte temperature si sono un po’ abbassate.