Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Colonna di origine su Star Wars: – Non chiedere più di ciò che è naturalmente ordinato

Colonna di origine su Star Wars: – Non chiedere più di ciò che è naturalmente ordinato

Alexander Aamodt Kjeld (31) ha detto al VG che gli alpinisti mantengono la loro posizione e combatteranno nella disputa con l’associazione di sci, ma continueranno a correre la Coppa del mondo quest’inverno.

Pubblicato:

Le stelle Aamodt Kjelde e Lukas Braathen sono solo due dei circa 30 alpinisti coinvolti in una disputa sui diritti di marketing con la Federazione norvegese dello sci.

Kildee è il rappresentante degli atleti e afferma di essere “deluso” dalla gestione della federazione di pattinaggio. Queste dichiarazioni sono arrivate in una risposta via email che VG ha ricevuto da Kilde e dall’avvocato Pål Kleven, che rappresenta gli alpinisti, dopo che la NSF ha ora inviato lo scontro di stelle alla Federazione sportiva svedese.

– Continueremo a lottare per un accordo eletto equilibrato. Ciò include il riconoscimento che noi atleti possediamo i nostri diritti personali come nome, immagine e firma, afferma Alexander Aamodt Kjeld.

READ  L'allenatore dei sogni del Paris Saint-Germain è richiesto anche al Manchester United

– La Federazione di Sci non può gestire questi diritti come se fossero di sua proprietà. In sostanza non chiediamo più di quanto considerato normale in altri contesti professionali.

Alexander Aamodt Kjeld conferma che il Comitato Legislativo della Federazione di Sci ha fornito sostegno agli atleti.

Il nostro obiettivo non è aumentare i nostri diritti sul mercato, ma piuttosto preservare la solidarietà su cui si fonda il modello nazionale. Riconosciamo il ruolo dell’Associazione sciistica nell’utilizzo dei nostri diritti personali al finanziamento in conformità con le leggi NIF.

Moda cosciente: Lucas Brathen era presente durante la settimana della moda di Milano, dove era alla stessa sfilata della compagna di Max Verstappen, Kelly Piquet (TV).  Nel mezzo c'è Jennifer Bardell di Jacob Cohen.  Foto: Pinheiro/Instagram.

Aamodt Keld ritiene che questo sia il nocciolo della questioneControllare e co-progettare come farlo
I diritti vengono sfruttati commercialmente.

– Sottolinea che ciò è sostenuto anche dal Comitato Legislativo della Federazione di Sci, ed è in linea con la pratica in altri sport come il biathlon, il calcio e la pallamano.

Tuttavia, gli sciatori norvegesi parteciperanno alla Coppa del Mondo inaugurale a Sölden il prossimo fine settimana.

– Anche se siamo delusi dal comportamento dell’Associazione Sci, è fuori discussione che non inizieremo. Accetteremo i termini della federazione per la prossima stagione, ma continueremo le nostre procedure legali nel sistema NIF, afferma Alexander Aamodt Kjeld. Chiede “calma prima dell’inizio della stagione” e non commenterà ulteriormente la vicenda.

Kildee ritiene inoltre che “una migliore collaborazione tra NSF e i corridori renderà la torta più grande per tutti”.

READ  Granerud Hoppuka guida via mare, ma Innsbruck è un problema
Segretario generale: Arne Baumann.

Il segretario generale della Federazione Sci Arne Baumann risponde così:

Abbiamo lo stesso interesse degli atleti quando si tratta di valutare queste domande iniziali. Lo Ski Board vuole anche che un comitato studi a fondo questi problemi e ovviamente gli atleti saranno rappresentati qui. Ora vogliamo che gli atleti si riposino e si preparino al meglio per l’inizio della stagione, afferma Arne Baumann per VG.

Questa settimana si è saputo che la Federazione norvegese dello sci invierà la questione alla Federazione sportiva norvegese. Si afferma che devono “valutare le necessarie questioni interpretative relative alle disposizioni di mercato nella legge NIF” e che “lo Ski Board ritiene che ci siano diverse interpretazioni legali relative a queste questioni”.

Pal Kleven dello studio legale Kleven & Kristensen ritiene che la NSF si stia ora preparando per una rivincita inviando il caso al NIF.

– Dopo un lungo processo interno, la questione è stata presentata al Comitato Legale della Skating League, che nel novembre 2022 ha rilasciato una dichiarazione unanime a sostegno della nostra opinione. È quindi un peccato che la Federazione di Pattinaggio abbia ora deciso che la Federazione non riconosce comunque la dichiarazione rilasciata dal suo comitato legislativo e sta cercando di ottenere una rivincita nel Comitato Legislativo NIF. Ciò avviene quasi un anno intero dopo la dichiarazione del Comitato Legislativo e dopo che la Federazione di Sci ha presentato l’accordo della squadra nazionale nel maggio 2023, che anche il Comitato Legislativo ha affermato non essere in linea con il sistema di legge.

READ  Il miglioramento di Hauger in Formula 2 - conquistando i suoi primi punti

– Sarà interessante vedere come prenderà posizione il Comitato Legislativo NIF, organo consultivo del Consiglio dello Sport, su questo tema.

Avvocato: Pal Kleven.

“Si tratta di questioni di fondamentale importanza per il funzionamento dello sci norvegese”, ha scritto Skiforbundet nella sua motivazione. “Il business dello sport può essere influenzato ai massimi livelli e su larga scala, e ciò riguarda, tra le altre cose, il modo in cui l’impresa è organizzata e finanziata”.

– La Federazione di Pattinaggio deve rendersi conto che l’uso e il valore dei diritti personali degli atleti è aumentato in modo significativo negli ultimi dieci anni e che gli atleti hanno un rapporto consapevole con il modo in cui vengono percepiti nella società. Questo utilizzo deve essere chiarito in anticipo tra atleti e federazioni per evitare conflitti come quelli che abbiamo visto negli ultimi anni, dice Pal Kleven.

Arne Baumann dell’Associazione Sci risponde:

– Come sapete, la Federazione di Sci desidera che il NIF consideri come interpretare la legislazione, poiché esistono opinioni giuridiche diverse relative a queste questioni. Anche l’avvocato Kleven lo sa bene.

Nota: L’Organizzazione Centrale degli Sportivi Norvegesi (NISO) ha recentemente inviato un’e-mail in cui spiega che sostiene pienamente gli atleti nel conflitto.

Pubblicato: