Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Coloro che soffrono per me devono essere presi sul serio

nell’ultimo Episodio podcast di Harald Eia e Tore Sagen Ci sono molti dati interessanti sulla malattia cronica ME.

Non c’è da stupirsi che il mondo sia pieno di pregiudizi e stigma sulle malattie croniche, quando si utilizzano costrutti appartenenti al passato: “Molti pazienti ME sono bloccati in uno schema di pensiero”.

Si potrebbe pensare che entro il 2022 avremo fatto molta strada in termini di comprensione e apertura sulle malattie croniche, ma mi sbagliavo.

Il podcast di Eia e Sagen mostra ancora una volta l’importanza che dobbiamo continuare a difendere noi stessi e quei malati che proprio non riescono a combattere.

Laddove abbiamo pensato quando si trattava di aprire su malattie croniche e salute mentale, siamo stati prontamente spinti all’inizio (messa in cima) dalle dichiarazioni di Eia e Sagen.

Siamo deboli, perché le battaglie si combattono ogni giorno. Lotta per essere vista e ascoltata, non ultimo per essere presa sul serio.

Laddove una volta le persone si nascondevano dietro tende scure e non osavano apparire, ora siamo arrivati ​​al punto in cui osiamo parlare e uscire alla luce del giorno.

La malattia nascosta è accompagnata da molti pregiudizi e stigma.

Sei troppo malato per essere sano e troppo sano per non ammalarti.

Ora che la salute delle donne ha ottenuto molto più spazio nelle colonne ultimamente, e per Harald Ia che siede nel Comitato per la salute delle donne, questo è molto stupido e pericoloso.

– Alcuni di noi pescano carte peggio di altri Immagine: Speciale

Così grave che lui stesso mostra pregiudizi nei confronti di una malattia che priva gran parte dell’opportunità di condurre una vita normale.

Non è che mi fai diagnosticare dicendo al tuo medico che sei un po’ stanco durante il giorno.

È un processo molto lungo e arduo. Il tempo medio per ricevere una diagnosi di ME è in realtà di 5,9 anni.

modello di pensiero psicologico

Nel podcast, Harald Eia ha parlato di ciò che i medici gli hanno detto su quale sia la causa della ME.

Credono che molti malati di ME siano bloccati in uno schema in cui interpretano i cattivi sentimenti come malattie fisiche. “Se il tuo collo è rigido a causa dello stress, non pensi che sia correlato allo stress, pensi: c’è qualcosa che non va nel mio collo”, ha affermato nel podcast.

Per informazioni, hai IO dal 1969 È classificata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come una malattia neurologica.

Nei podcast si riferiscono a me come a uno psicopatico, ben lontano dalla verità.

L’influenzatore con una malattia invisibile: ci sono molti pregiudizi

Solo per chiarire; Non sono malato di mente. Se la soluzione al recupero fosse cambiare il modo di pensare, sicuramente tutti come me penserebbero bene?

Perché chi vuole trascorrere la giovinezza in una stanza buia a guardare i piani e i desideri per il futuro svanire?

E nulla dovrebbe essere provato, perché si deve sapere che quando vivi come mio paziente, vuoi ciò che piace alle persone sane.

Un po’ di simpatia e comprensione

Siamo un gruppo debole. Secondo me, Eia e Sagen dipingono un’immagine di noi come pazienti ME, come attivisti pazzi e inquietanti a cui prestare attenzione.

nel 2015 Pubblicato dall’Istituto di Medicina (IOM) Rapporto Dopo aver esaminato oltre 9.000 rapporti di ricerca sottoposti a revisione paritaria, afferma: “Sono una malattia grave, cronica, complessa e multisistemica che è profondamente invalidante”.

La ME colpisce tutti i tipi di persone, sia sensibili che insensibili, cioè la malattia non tiene conto della personalità, come potrebbe sembrare, come crede Harald Eia.

È semplicemente che alcune persone disegnano peggio di altre, e quindi devono convivere con la diagnosi e le sue sfide.

La ME è una malattia dolorosa e dolorosa che non ha ricevuto molta attenzione e ricerca.

KID ME MALATTIA PER 14 ANNI: – Qualcosa mi ha appena rubato la vita

Non sono un attivista, ma come mio malato, devi difendere te stesso e combattere per coloro che sono troppo malati per combattere per se stessi.

Combatte per essere ascoltato e visto e per la sua malattia. Quindi sì, dopotutto credo di essere un attivista.

Nuovo giorno, nuova battaglia

Io sono deluso. Frustrati dal modo in cui stanno cercando di creare un “senso dell’umorismo” da una grave malattia, di cui purtroppo mancano.

E secondo il podcast, “rendo la vita miserabile a ricercatori e medici” e me ne scuso. Poiché voglio ammalarmi, rimango bloccato in uno schema di pensiero che fa immaginare al corpo di essere malato.

Oggi, sfortunatamente, non ci sono farmaci che funzionino per i pazienti con ME, e il fatto che Eia e Sagen ci rappresentino come un peso e non ci sollevino perché ci siamo dentro, mi lascia deluso.

Pensavo che avremmo fatto molta strada nel 2022.

Speravo in una maggiore accettazione, comprensione e apertura sulle malattie croniche nel 2022.

Spero che questa cronaca faccia luce su come non parlare in pubblico, soprattutto quando non si ha abbastanza conoscenze su qualcosa di cui parlare.

Come dice mia madre. Se non hai niente di carino da dire, tienilo per te.

(Podme e Sagen/Eia sono stati sottoposti a critiche, ma non desiderano commentare. journal.anm.)

Rispondi al record? Stai bruciando con qualcosa? Inviaci la tua opinione a [email protected]

READ  Messaggio: - Portalo via