Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Come si parla di clima?

Commento degli ospiti: Sono preoccupato per gli insetti. Può essere perché li amo. Ma può anche essere perché so così poco di quanto siano importanti per il futuro del pianeta.

Eric Tonstad sostiene che la morte degli insetti potrebbe essere una sfida più grande del cambiamento climatico.
Inserito: Inserito:

In ogni caso, affronto obiezioni. Le persone sono scettiche: come possiamo davvero saperlo con certezza? E se il calo delle azioni che stiamo vedendo fosse solo una parte della normale volatilità? E perché abbiamo studiato l’intero globo: ci sono milioni di insetti di cui non sappiamo nulla?

Le obiezioni sono legittime e non posso escludere che coloro che le servono siano più meritevoli di me. Non sappiamo con certezza che gli insetti stiano andando verso la scogliera. C’è molto da suggerire.

Pertanto, può avere senso fare attenzione e intraprendere qualche azione. Ma sono d’accordo con i miei avversari che questo ha senso solo entro certi limiti.

Prima di affrontare un divieto generale dei pesticidi, dobbiamo fare ricerche approfondite.

Abbiamo già molto e dimostra che possiamo salvare gli insetti smettendo di irrorare i raccolti in agricoltura.

Leggi anche

Nuovo libro: Silent Planet. Morte degli insetti – e come possiamo prevenirla »

Poi viene la domanda su cosa significherebbe per un mondo con 10 miliardi di bocche da sfamare. Ora la posta in gioco è così grande e gli argomenti così vaghi che io, un fan degli insetti, mi rendo conto che abbiamo bisogno di molte informazioni dettagliate prima di apportare cambiamenti drastici.

e così via.

READ  Mor og fire ungdommer var i huset da det smalt

Quello di cui sto veramente parlando in questo momento è il clima.

Si dice che il problema del clima sia finito. Se vogliamo credere a ministri, leader di partito, attivisti, giornalisti, meteorologi, accademici e ricercatori occasionali, sappiamo tutto ciò che dobbiamo sapere sulla questione.

In effetti, siamo così ignari che i filosofi, sebbene non osservanti, per vizio, eccellono all’idea di Criminalizzazione delle attività petrolifere e del gas – Perché “l’energia fossile nel mondo di oggi deve essere considerata una forma di violenza”.

Ok grazie!

Dobbiamo imparare a parlare di clima in modo civile.

Ci sono pochi fatti nella scienza: ciò che spesso dobbiamo accettare sono posizioni più valide di altre. Lo stesso vale per la politica, come l’intero dibattito sul clima di fatto lui è.

Non c’è dubbio che il clima sta cambiando. C’è una giustificata incertezza su quanto di questi cambiamenti siano causati dall’uomo e vi è un dubbio significativo su quanto grave sarà il cambiamento climatico a colpirci.

Pertanto, nei prossimi anni, avremo una crescente necessità di manovrare nel dettaglio attraverso innumerevoli scenari al momento imprevedibili. Richiederà quantità inimmaginabili di ricerca e discussione.

Ma come affronteremo questo, per non chiederci: perché dovremmo preoccuparci? Quando sappiamo già tutto ciò che vale la pena sapere? E quando ciò che sappiamo eccede non solo i risultati scientifici, ma la “scienza indiscutibile”, è indiscutibile che chi non è d’accordo dovrebbe essere provato?

Come ho detto, dobbiamo cambiare il tono. Il cambiamento climatico è diventato unilaterale e altamente critico. Forse per evitare dubbi una cosa è certa, e perché bisogna essere “cauti”. Qualcosa su cui sono d’accordo è che dovremmo essere “entro certi limiti”.

READ  L'elefante nella stanza - Dagsavisen

Cosa significherebbe per miliardi di poveri nel mondo se criminalizzassimo l’industria petrolifera?

Leggi anche

Eric Tonstad: “Non è etico trasmettere problemi a persone che già si sentono male”

dilemma?

Si dice che questo sia un dilemma. Non sono d’accordo.

Inutile dire che tutti dovrebbero avere accesso allo scetticismo prevalente. Invece, ci nutriamo del contrario: al servizio della buona causa. Quale è più vicino a quello che chiamo un “dilemma”.

Oggi, qualsiasi approccio per affrontare il tempo insolito viene abitualmente e con noncuranza chiamato cambiamento climatico. Si ritiene abitualmente che il cambiamento climatico sia un “cambiamento provocato dall’uomo”.

E dove non vediamo cambiamenti, li otteniamo comunque. Si dice che il cambiamento climatico ci abbia dato più uragani causati dall’uomo negli ultimi 100 anni. questo non è vero.

Abbiamo sentito che la calotta glaciale della Groenlandia si sta sciogliendo più velocemente di quanto non fosse cento anni fa. questo non è vero.

Abbiamo sentito che più persone stanno morendo a causa del maltempo. questo non è vero.

E sentiamo che il cambiamento climatico causato dall’uomo distruggerà l’economia globale — quando, secondo lo stesso Comitato per il clima delle Nazioni Unite, un aumento di tre gradi nel 2100 porterà a un calo dell’economia del 3% rispetto a quello che sarebbe stato se avessimo non ha avuto questo problema.

Gli insetti scompaiono, intendo
È anche la morte degli ecosistemi
– E non molto tempo dopo:
la nostra morte.

La mia missione qui è sostenere la moderazione. Non è che la questione climatica sia finita, la scienza non lo è mai. Dobbiamo sopportare di sentire voci diverse dalla nostra. Questo appello è rivolto soprattutto ai giornalisti, molti dei quali sembrano essersi dimenticati del giornalismo critico e ora vivono secondo le regole che dicono loro cosa pensare, prima di essere indagati.

READ  Messaggio del lettore, Religione | Il campo della fede è importante sia per l'individuo che per la società

Direi a tutti gli altri che il clima futuro del pianeta ci darà sfide di origine bianca, ma niente di peggio di quelle che possiamo gestire.

La sfida più grande potrebbe essere la morte degli insetti. Se gli insetti scompaiono, significa anche la morte degli ecosistemi – non molto tempo dopo: il nostro.

Ma possiamo fare qualcosa per prevenire la catastrofe. Tuttavia, è necessario che parliamo insieme. Questa è la nostra garanzia di future sagge soluzioni.

Inserito: