Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Come trasmettere l’orrore – dopo dieci anni

Storie: L’immagine è stata creata con la macchina fotografica e con le parole. Giornalisti e fotografi erano al lavoro. Un quarto d’ora dopo arrivarono gli altri autori e artisti. Nella stanza del 22 luglio si possono correggere i suoi racconti. Foto: Elizabeth Hagen Kvalim

Il Wine Center si pone la domanda: come trasmette l’orrore?

A dieci autori e giornalisti è stata posta la seguente domanda: Come hai comunicato il 22 luglio 2011?

Il 22 luglio sono passati dieci anni per gli scozzesi a Utoya e l’attentato al quartiere governativo. Il terrore che ha ucciso 77 anni uccide la maggior parte di noi. Anche con chi ha portato avanti gli eventi. Libri, articoli di giornale e servizi radiofonici e televisivi furono scritti così tanti e affascinanti, che il re Harald alla fine disse: “Le parole si esauriscono presto”.

chiaro esempio

Il risultato della domanda di Vinjesenteret su come è stato trasmesso il terrorismo, è stata una stanza il 22 luglio dove il pubblico ha potuto vedere ed essere intervistato da dieci autori e giornalisti norvegesi che parlavano delle loro esperienze e del loro lavoro legato alla tragedia. La sala è l’ultima sala della mostra permanente presso il Centro per la stampa e la letteratura di Fingisleta.

– Perché questa stanza?

– Il centro si occupa di editoria, in particolare di pubblicare attraverso la poesia e il giornalismo, risponde Line Omland Eilevstjønn.

– Questo è l’esempio più chiaro nella storia norvegese moderna di entrambi i tipi di comunicazione; Giornalismo e poesia si riferiscono a un evento grande e drammatico; Il terrore del 22 luglio è un evento con cui abbiamo una relazione, che ci piaccia o no.

Direttore digitale: il direttore digitale di Vinjesenteret Line, Omland Eilevstjønn, non vede l’ora di dare il benvenuto al pubblico. Foto: Elizabeth Hagen Kvalim

La storia da una prospettiva esterna

Insieme al fotografo Uffe Mulvad, il direttore digitale Eilevstjønn ha intervistato dieci persone che hanno riportato gli eventi e le conseguenze reali del terrore del 22 luglio. Il risultato sono dieci cortometraggi, ognuno dei quali racconta come è stato trasmesso nel modo in cui è stato presentato.

Tra le altre cose, il pubblico incontra Kjetil Ostley, un giornalista che era in vacanza quando è successo, ma che sta ancora lavorando al materiale per i prossimi tre o quattro anni, incontriamo l’autore Vidar Kvalchug che ha trovato un modo per raccontare la storia ai bambini, la variante estiva di un giornale Il locale che divenne il capo del Servizio antincendio e di soccorso di Oslo. Brett Belden ha scritto un romanzo sull’essere lasciato indietro. Gheddafi Zaman e Astrid Randen erano a Solihogda e Sundvolden.

Spero che entrando in questa stanza e guardando i film, la gente penserà all’importanza della documentazione e a quanto sia importante usare l’arte e la letteratura come mezzo per mantenerla in vita. Questo per trasmettere la storia da una prospettiva esterna, persone vicine al 22 luglio in modo completamente diverso da parenti e sopravvissuti. Questo è uno sguardo dall’esterno ed è un promemoria di quanto sia importante mantenere vive queste cose, attraverso la letteratura, attraverso il giornalismo, scrivendo e parlandone. È quello che spero penseranno le persone quando se ne andranno, dice Line Omland Eilevstjønn, aggiungendo che Vinjesenteret sarà aperto il 22 luglio.

22 luglio: Lars Magne Hovtun è stato un sostituto estivo del quotidiano Rogaland ed è stato inviato a Sundvolden. Oggi è il capo del dipartimento antincendio e di soccorso di Oslo. Foto: Elizabeth Hagen Kvalim

READ  Ristrutturazione piccola stanza - ristrutturazione