Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Conferma la recessione USA | Finansavisen

Le cifre riviste mostrano che il prodotto interno lordo statunitense è sceso dello 0,6% su base annua nel secondo trimestre.

Secondo Trading Economics, il consenso indicava una crescita annua del PIL dello 0,8% nel secondo trimestre. I numeri preliminari hanno mostrato meno 0,9 per cento.

Nel primo trimestre, il prodotto interno lordo degli Stati Uniti è diminuito dell’1,6%.

stagnazione o no?

La crescita del PIL meno negativa nel secondo trimestre rispetto al primo è principalmente correlata all’aumento delle esportazioni ea una leggera diminuzione degli investimenti del governo federale.

Secondo la definizione tecnica, un’economia è in recessione se la crescita del PIL è negativa per due trimestri consecutivi, ma molti importanti economisti hanno sostenuto che dovrebbe essere applicata una definizione più ampia.

In termini reali, il prodotto interno lordo sarà probabilmente diminuito nel primo e nel secondo trimestre, ma la crescita dell’occupazione rimane forte, ha scritto, ad esempio, Greg Dako, capo economista di EY-Parthenon secondo Marketwatch in una nota prima dei dati preliminari sul PIL. Totale.

Il rapporto è qui.

Banca preferita della Fed

Per inciso, altri dati rivisti pubblicati giovedì mostrano che le spese principali per consumi personali degli Stati Uniti – l’obiettivo di inflazione preferito dalla Fed – sono arrivate al 4,4 per cento su base annua nel secondo trimestre.

Il consenso qui indicava esattamente il 4,4 per cento, che è anche in linea con i numeri grezzi.

Nel primo trimestre, le spese principali per consumi personali hanno raggiunto una crescita annua del 5,2%.