Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dovremmo iniziare a imparare più lingue

Mio padre mi ha insegnato i modi di dire a prendermi a calci in culo a Marsiglia.

Nelle scuole norvegesi abbiamo finalmente capito che l’inglese dovrebbe essere introdotto molto prima, scrive Elin Sebjornsen.
  • Elin Sebjornsen

    Un insegnante in una scuola secondaria

Pubblicato Pubblicato

SimboloDiscussione

Questo è un post di discussione. La voce è stata scritta da un collaboratore esterno e la qualità è stata assicurata dal dipartimento discussioni di BT. Le opinioni e le analisi sono proprie dell’autore.

Mio padre è loquace Molte lingue. Egli ha detto Commenta tu t’appelle, arrivederci E c’est merveilleuse In francese, Pitechon!

Grazie mille E Ein Zimmer per Schwei PersonenIn Germania, e ne sapeva di più una cerveza E Grazie mille In spagnolo. Conosceva gli americani, probabilmente dopo aver viaggiato con nostalgia per “The Games” e aver ascoltato Charlie Bright e Hank Williams e aver parlato inglese come Churchill.

Può dire Presidente Mao e qualcosa in più in cinese e qualche glossa in altre lingue.

O… questo è quello che ha detto.

“Mio padre pensava che fosse educato dire Allahu Akbar”, scrive il presentatore del suo eloquente padre, Odmund Sjöbjörnsson.

Ho imparato l’elocuzione E l’esposizione – ancor meno evoluta – e i banditi a Marsiglia, i lazzaroni ad Anversa, gli zingari a Barcellona e le prostitute a Brema – possono prendermi a calci quando sarà il momento. Ho dovuto dire “valle molto, ampia” per conoscere la differenza tra v e w, e sì, mi è tornato utile in seguito.

Mio padre pensava che fosse educato poter parlare Allahu Akbar Chiamò ai Maomettani — a sud di Gibilterra. Incontrerò qualcuno, così sia.

READ  'Mock, disaccordo', Como Sea Meeting, Harry Kane, Tottenham non funziona normalmente

La Norvegia è a scuola Alla fine ci siamo resi conto che le lezioni di inglese dovrebbero arrivare molto prima. La ricerca in quest’area ha ripetutamente dimostrato che i bambini, come mio padre, possono imparare tutte le lingue del mondo con suggerimenti e incoraggiamenti precoci.

L’apprendimento delle lingue non riguarda la memorizzazione di grammatica o modi di dire, ma piuttosto la comunicazione e la comprensione di parole ed espressioni, in una fase iniziale. Iniziando con altre lingue straniere molto prima, gli studenti saranno meglio attrezzati negli anni scolastici successivi.

È davvero Iniziare solo al liceo è un enorme paradosso. Il piccolo Ole non è meno ispirato di quanto lo fosse in terza media con la testa tra le nuvole. I risultati mostrano anche questo. Dopo tre anni di formazione in lingua straniera, e poi altri due anni al liceo, hanno sorprendentemente padroneggiato la lingua in una certa misura. Abbiamo un lavoro qui.

Vediamo questo nel contesto Quindi alcuni fanno domanda per corsi di lingua. E meno persone stanno facendo domanda Formazione degli insegnanti. Può essere giusto che in Norvegia abbiamo scelto di dare la priorità all’istruzione scientifica per molto tempo, ma può sembrare che ciò sia avvenuto a scapito di importanti materie linguistiche.

Sebjørnsen ha usato frasi che ha imparato per la prima volta da suo padre su Interrail.

nell’istruzione superiore Ad esempio, facciamo una distinzione tra gli studenti di NTNU e NHH, dove l’istruzione è principalmente in inglese, e quelli della normale formazione degli insegnanti, dove l’istruzione è principalmente in norvegese? Quanto è logico?

Inoltre, è importante imparare di più dalle altre principali lingue del mondo come il cinese e l’arabo. La lingua costruisce ponti e dobbiamo prepararci per un futuro di dialogo e interazione gli uni con gli altri.

READ  Il viaggio di Maxi Lopez dal Barcellona alla Terza Divisione Italiana è finito

Quindi c’è bisogno di insegnanti con buone competenze linguistiche. Non tutti hanno bisogno di imparare una lingua fluentemente. Fai molta strada con un po’ di scintillio e linguaggio del corpo. L’italiano è facile così.

Mi ha aiutato Con un padre così mondano. Quando stavo per salire sull’Interrail per la prima volta, ha insistito perché imparassi ad ascoltare i percorsi, tutto in Europa è enorme.

Sì, è stato utile dire “Wir fahren der zug nach Hamburg, bitte”.

Almeno sono tornato a casa sano e salvo.

Pubblicato