Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Congratulazioni agli abitanti dello spazio!  – il nostro Paese

Congratulazioni agli abitanti dello spazio! – il nostro Paese

Oggi, 8 aprile, ci congratuliamo in occasione della Giornata Mondiale dello Spazio per la visita degli abitanti dello spazio che si trovano in Norvegia. Il nome ufficiale del gruppo di persone è rom, e da anni i rappresentanti visitano la nostra zona sperando di guadagnare qualche corona. La maggior parte della gente di Surland viene dalla contea di Gorge in Romania, e quando non riescono a trovare semplici incarichi di lavoro, amano vendere calze e riviste per le nostre strade. Alcuni mendicanti.

Il gruppo etnico è composto da 8 a 10 milioni di persone. Roma è un popolo senza una storia scritta comune, senza una terra comune, senza una religione o scritture comuni unificate, ma ha la propria bandiera. L’hanno ottenuto dopo il primo World Space Congress, fondato a Londra nel 1971.

i viaggiatori

In Romania, i Rom furono schiavi fino al 1860. I manifesti di quell’epoca raccontano la vendita di schiavi spaziali, o zingari, come venivano chiamati all’epoca.

Gli zingari hanno molti nomi, ma in Europa non sono mai stati bambini cari. La caratteristica distintiva è che viaggiano. In Norvegia i viaggiatori sono chiamati fant, splint, roma, sinti e molte varietà più o meno locali. Il denominatore comune tra loro è che le loro radici risalgono alla migrazione dall’India di circa mille anni fa. Non conosciamo il motivo della migrazione, ma in connessione con la migrazione del gruppo etnico verso la penisola balcanica, hanno conservato diverse espressioni in lingua rom, che molti gruppi padroneggiano.

La storia della sofferenza spaziale non è iniziata con la seconda guerra mondiale. Era una storia continua

La maggior parte dei ricercatori ritiene che gli zingari, cioè i romani, secondo la lingua, debbano aver viaggiato attraverso l’Armenia nel loro viaggio verso l’Europa. Nella lingua romanì ci sono dieci parole di origine araba e molte altre persiane secondo la ricercatrice Isabel Fonseca della Columbia University. Studi genetici hanno scoperto che diversi gruppi di camere hanno una storia genetica comune. Ciò significa che sia la ricerca linguistica che quella genetica hanno dimostrato che diversi gruppi di viaggio avevano un’origine comune nella migrazione dall’India.

READ  Notizie, alce | Offerte campo vacanza gratuito a Moss: - Qui c'è posto per tutti

Una lunga storia di sofferenza

Tutti hanno bisogno di connettersi con il più grande che siamo. Per i Rom, che non hanno il proprio paese, i legami di clan e di famiglia sono più importanti di ogni altra cosa.

Nel corso della storia, lo spazio è stato in una posizione molto vulnerabile. In parte con vere e proprie persecuzioni, schiavitù ed esecuzioni, in parte con tentativi falliti di assimilazione. L’Olocausto ha causato la morte di circa sei milioni di ebrei, 250.000 persone con disabilità e omosessuali e centinaia di migliaia di zingari, secondo le enciclopedie. I numeri potrebbero essere maggiori.

Ma sappiamo che la storia della sofferenza dei Rom non è iniziata nella seconda guerra mondiale. Era una storia continua. I Rom erano perseguitati in Germania dal 1890 e nel 1909 fu proposto alle autorità centrali della Germania che tutti i Rom avessero un’identità visiva, in modo che una persona potesse essere facilmente identificata. Nel 1922 fu introdotta una regola per cui tutte le stanze dovevano essere rilevate e fotografate e la Norvegia ha una storia di cui non c’è nulla di cui essere orgogliosi.

scienza unificata

È possibile che i gruppi Rom residenti abbiano vissuto i loro luoghi come la loro casa, ma l’esperienza della patria, associata all’entusiasmo e all’orgoglio nazionale, non ha messo alla prova questo gruppo etnico.

Ma la scienza unisce. La bandiera mostra la terra verde, il cielo azzurro e la ruota sempre in movimento per le persone in movimento.