Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Consumatore, cibo |  Richiedere il congelamento dei prezzi nel Kiwi dopo la cerimonia dei dividendi: – inaudito

Consumatore, cibo | Richiedere il congelamento dei prezzi nel Kiwi dopo la cerimonia dei dividendi: – inaudito

(Il giornale in linea):- Mentre per la maggior parte delle persone i prezzi dei generi alimentari sono aumentati, le cose sono andate molto male al vertice della catena del valore, per i venditori di generi alimentari, dice a Nettavisen il vicepresidente dell'SV Torgeir Knaj Vilkesnes.

– Ciò dimostra ancora una volta che le catene di generi alimentari predano gli agricoltori e la gente comune, ha affermato.

Il vicepresidente dell'SV vuole adottare misure radicali per migliorare la concorrenza e quindi abbassare i prezzi.

“Ora sono stanco di sentire i negozi di alimentari lamentarsi del fatto che la concorrenza è troppo agguerrita, i costi sono troppo alti e i margini sono troppo piccoli”, afferma Vilkesnes.

Prezzi alimentari elevati e cerimonia di distribuzione dei dividendi

Per i clienti il ​​2023 è stato tutt’altro che un anno d’oro. Successivamente i prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati del 10%. Questo è stato l’aumento più forte degli ultimi 40 anni.

Ma per il proprietario di Kiwi, Meny e altre aziende del Norgesgruppen, il risultato è stato davvero buono.

Recentemente, Norgesgruppen è stata in grado di fornire dati contabili per il 2023, mostrando un solido profitto di 3,4 miliardi di corone norvegesi al netto delle tasse.

Il top CEO Runar Holevik è stato premiato con un bonus record. Ha ricevuto uno stipendio e un bonus di 12,5 milioni di NOK e inoltre sono stati stanziati 4,5 milioni di NOK per la pensione.

In un anno in cui i prezzi dei generi alimentari sono aumentati del 10%, la retribuzione totale di Holevik, compresa la pensione, è aumentata dell'8,8%. Secondo Norgesgruppen l'aumento salariale stesso è stato del 4,2%, inferiore a quello degli altri dipendenti.

– Non è inaudito che i proprietari del Norgesgruppen continuino ad arricchirsi con miliardi in più di profitti per i proprietari e grandi bonus per il management, il tutto a spese dei clienti, dice a Nettavisen la direttrice della Rødt Marie Sniff Martinussen.

In un'e-mail a Nettavisen, il direttore delle comunicazioni del Norgesgruppen ha commentato le critiche come segue:

– Il nostro re Basso indipendentemente dal settore a cui lo paragoni. Operare in perdita non servirà né all'agricoltore né al consumatore, scrive il direttore della comunicazione Stein Romrod.

READ  Statkraft, risultato | Statkraft produce materie prime a prezzi dell'elettricità

Precedenti indagini hanno dimostrato che i margini delle catene di generi alimentari sono molto inferiori rispetto alla maggior parte dei fornitori alimentari.

– Norgesgruppen investe una somma superiore al risultato annuale in negozi, magazzini, logistica e soluzioni sostenibili in tutto il paese e impiega più di 45.000 persone. Ha scritto che la Norvegia dipende da società private che realizzano profitti.

– Arrestare l'aumento dei prezzi dei kiwi

Martinussen della Rødt ritiene che il Norgesgruppen stia ottenendo guadagni più che sufficienti.

– Nell'ultimo anno i prezzi dei generi alimentari sono aumentati di quasi il 10%, il che significa una significativa diminuzione dei portafogli delle famiglie comuni. Il gruppo deve fermare tutti gli aumenti di prezzo nei negozi Kiwi, Mini e negli altri negoziDice.

La famiglia anonima Johansson possiede la maggioranza dei Norgesgruppen, circa il 75%. Ciò significa che la maggior parte dei profitti pari a 875 milioni di corone norvegesi appartengono a loro. Johan Johansson è una delle persone più ricche della Norvegia, subentrando a suo padre come presidente del Norgesgruppen nel 2022.

La famiglia Johansson possiede un patrimonio di oltre 50 miliardi di corone norvegesi. “Mi dice che i Norgesgruppen hanno troppo potere, e vediamo che il potere viene utilizzato per rendere ancora più ricca una delle famiglie più ricche della Norvegia”, afferma Martinussen.


– Governato da un piccolo numero di famiglie

– Le catene di alimentari affermano di avere margini ridotti, ma di realizzare enormi profitti. Questo è il risultato del fatto che si permette a troppo poche famiglie di controllare il mercato alimentare, e in gran parte solo a poche famiglie, dice Vilkesnes.

Indica anche Norgesgruppen, Rema 1000 e Bunnpris come aziende a conduzione familiare. Anche nel colosso alimentare Orkla domina una famiglia: Stein Erik Hagen e i suoi figli.

Molti scaffali dei negozi di alimentari norvegesi sono pieni di prodotti Orkla, dall'olio di fegato di merluzzo Grandiosa, Nogatti e Møller all'Omo Color, alla zuppa Toro e al cioccolato Nidar.

Per i clienti norvegesi dei generi alimentari questi beni diventeranno sempre più costosi fino al 2023. Ma per Orkla i risultati finanziari sono stati impressionanti. È stato deciso che il dividendo per i proprietari sarà l’incredibile cifra di sei miliardi di corone norvegesi.

READ  Sia gli israeliani che i palestinesi abbracciano il liquore

La controllata di Hagen, Canica, possiede il 20% delle azioni di Orkla e dei sei miliardi, 1,2 miliardi di corone norvegesi vanno alla famiglia Hagen. Ciò equivale al prezzo di 40 milioni di pizze Grandiosa, ovvero a quanto spendono in cibo 7.700 famiglie norvegesi per un anno intero.

Il CEO Nils Sylt ha potuto constatare che lo stipendio totale e gli altri compensi ammontano a 25,4 milioni di corone norvegesi. Ciò include un bonus di 7,2 milioni di NOK.

A Orkla è stata data l'opportunità, ma non ha voluto commentare questo articolo.

-Il cibo è sopravvalutato

Nettavisen ha recentemente scritto di come le catene di generi alimentari si siano assicurate il controllo di diverse parti della catena del valore nel corso degli anni.

– Possiedono sempre più anche le infrastrutture, dai fornitori ai grossisti, ai trasporti e agli immobili, afferma Vilkesnes.

Oggi sia Norgesgruppen che Reitan sono i principali attori nel settore immobiliare. Ad esempio, Reitan Eiendom ha ricevuto 1,5 miliardi di NOK di redditi da locazione nel 2022. Norgesgruppen è il più grande proprietario di Scala Eiendom, che a sua volta possiede 27 centri commerciali.

– Cosa c'è che non va se sono così grandi?

– Diventano più ricchi a spese della gente comune. Ci sono molte indicazioni che i prezzi dei generi alimentari norvegesi sono stati per lungo tempo eccessivi e che questi grandi profitti sono stati finanziati dalla gente comune attraverso prezzi eccessivamente alti nei supermercati.

-Siamo pieni di pubblicità con tutte le catene che affermano che i loro prezzi sono bassi. La mia affermazione è che nessuna delle grandi catene norvegesi ha prezzi bassi.

Rimproverare il governo

Vilkesnes ritiene che sia necessario adottare misure completamente diverse da quelle che il governo ha finora dichiarato di voler fare per migliorare la concorrenza.

-Dovremmo porre un limite alla dimensione del segmento di mercato dei generi alimentari che una persona o un'azienda può possedere. Il Norgesgruppen iniziò a crescere al punto da poter fissare i prezzi e, se lo desideravano, esercitare pressioni sui fornitori.

READ  Prezzo dell'elettricità, elettricità | Menzionato sopra la fattura:

Ritiene inoltre che si dovrebbe porre fine al forte controllo che le catene esercitano su grossisti e produttori.

“Questa integrazione verticale deve essere interrotta”, afferma Vilkesnes.

La leader di Rødt Marie Snève Martinussen ritiene che il governo stia facendo troppo poco.

– Dov'è il coraggio politico del governo per fare qualcosa per il potere dei giganti alimentari? Nel 2023, Kiwi è più grande dell’anno precedente ed è tempo di fare qualcosa per contrastare la massiccia concentrazione di potere nel settore alimentare, ha suggerito Roodt.

Non vogliamo accordi socialisti

Anche il partito di destra ritiene che siano necessarie misure per migliorare la concorrenza nel settore alimentare, ma non vuole le regolamentazioni come richiesto da SV e Rødt.

– La destra non crede che la soluzione sia introdurre accordi socialisti in cui noi politici stabiliamo chi può possedere cosa e quanto, attraverso restrizioni sulla proprietà, dice a Nettavisen la deputata parlamentare Lene Westgaard-Halle.

Secondo lei non è del tutto sorprendente che alcune famiglie possano accumulare fortune significative vendendo generi alimentari.

– Dice che il motivo per cui i negozi di alimentari hanno creato così tanta ricchezza è principalmente perché operano su grandi volumi, il che significa che hanno molti negozi.

Allo stesso tempo, si rende conto che la situazione oggi non è buona.

La concorrenza nella catena del valore dei negozi di alimentari è chiaramente molto grave in Norvegia, ed è proprio per questo che il Parlamento ha unito le forze per cercare di contribuire a promuovere questa concorrenza, afferma.

Il ministro dell'Economia aveva elaborato un piano in dieci punti per migliorare la concorrenza, ma questo non è piaciuto a Westgard Halle.

Sfortunatamente, lei dice che in questi settori il governo si sta avvicinando alla paralisi.