Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Continua la ripresa dell’economia norvegese: il PIL è aumentato dell’1,8% a maggio

Il PIL della Norvegia continentale è aumentato dell’1,8% a maggio. Lo dimostrano i nuovi dati di Statistics Norway (SSB).

Questo è il secondo mese consecutivo in cui il PIL è aumentato. Le statistiche per la Norvegia indicano che la crescita dell’economia norvegese sta aumentando parallelamente alla graduale riapertura della società. Ad aprile e maggio sono stati aperti negozi e centri commerciali in diversi comuni e, dopo tre settimane di divieti sui liquori, il divieto nazionale è stato revocato a metà aprile.

Il capo economista Marius Gunsholt Hof ha scritto su Handelsbanken in una nota che la crescita del PIL è stata “impressionante” e ha superato le loro aspettative. In precedenza si aspettavano una crescita dello 0,9%.

– Siamo rimasti davvero sorpresi dalla rapidità con cui l’economia si è effettivamente ripresa a maggio, scrive Hoff.

Il prodotto interno lordo della Norvegia continentale è inferiore dello 0,7% rispetto al livello del febbraio 2020, l’ultimo mese prima dello scoppio della pandemia di coronavirus. Il capo economista Frank Gollum della Danske Bank sottolinea che non siamo lontani da un normale livello di attività.

Danske Bank prevede una crescita del PIL dell’uno per cento.

– Ci sono grandi oscillazioni ora che apriamo a maggio. Se rimuovi le restrizioni, l’attività riprende rapidamente e le persone non hanno paura di uscire, mangiare in un ristorante e fare acquisti nei negozi, afferma Jullum.

Dice che questo supporta lo scenario migliore per l’economia norvegese:

La cosa migliore della Norvegia è la rimozione delle restrizioni su ristoranti, eventi culturali, vita notturna e negozi, pur avendo regole rigide per l’attraversamento dei confini nazionali.

READ  Borsa tesa: - Come un paziente in ospedale. Ad un certo punto, una persona deve cavarsela da sola

Gli scambi di merci hanno contribuito fortemente alla crescita

La produzione totale nel commercio al dettaglio è aumentata significativamente a maggio.

– Il motivo più importante della crescita è stato il PIL della Norvegia continentale. Statistics Norway ha scritto nel rapporto che c’è stata una ripresa in molti settori, compresi i negozi di abbigliamento.

Il consumo di materie prime è salito al 4,9%, la crescita più alta dal giugno dello scorso anno. Particolarmente forte è stata la crescita di abbigliamento, calzature, mobili e elettrodomestici.

– È un salto insolitamente forte nella vendita al dettaglio. Quasi tutto l’aumento è trainato dai consumi privati, afferma Elisabeth Holvik, capo economista di Sparebank1 e osserva che l’apertura di negozi di abbigliamento e ristoranti, soprattutto a Oslo e Viken, è stata significativa.

L'economista capo Elizabeth Holvik di Sparebank1.

L’economista capo Elizabeth Holvik di Sparebank1. (Foto: Oyvind Elfsburg)

L’attività è in crescita nei settori colpiti duramente dalla pandemia di maggio. Tra le altre cose, c’è stata una buona crescita di alloggi e ristoranti, oltre a cultura, intrattenimento e altri servizi, ma da un basso livello di attività, Statistics Norway continua.

L’aumento dei consumi dei servizi ha raggiunto il livello più alto dal giugno dello scorso anno ed è cresciuto del 3,7 per cento. Il capo economista Hof osserva che la crescita in questi settori continuerà ad aumentare a giugno.

Poco sviluppo nel settore

D’altra parte, l’industria e l’estrazione mineraria sono cresciute solo dello 0,2 percento a maggio. L’attività in altre produzioni di materie prime è cambiata poco tra aprile e maggio.

L’estrazione di petrolio e gas è diminuita dell’1,5% a maggio.

Il capo economista Holvik è sorpreso di quanto siano vulnerabili queste industrie.

– L’industria e la produzione di petrolio sono un po’ più deboli di quanto pensassimo, quindi dovremmo proseguire ulteriormente. Abbiamo ricevuto informazioni che ci sono una serie di problemi con le consegne di alcune materie prime, che potrebbero aver avuto un impatto su parti del settore, dice.

Il capo economista Frank Gollum della Danske Bank.

Il capo economista Frank Gollum della Danske Bank. (Foto: Michaela Berg)

Jullum di Danske Bank non è preoccupato per gli sviluppi nel settore.

“Abbiamo avuto due mesi di buona crescita nel settore e crediamo ancora che ci sarà una forte crescita per il settore l’anno prossimo”, afferma.

Le esportazioni sono diminuite del 2,1 per cento, a causa di un calo delle esportazioni di gas naturale. Le importazioni sono cresciute dell’1,8%, trainate dalle automobili e dai macchinari e dalle attrezzature associate. (Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vogliamo che tu condivida i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.